Blog

Volley SuperLega, Revivre perde il derby e si riscatta ad Arezzo

COMUNICATO STAMPA

Volley SuperLega UnipolSai, la Revivre Milano sogna poi cede: Monza vince il derby al tie break

bencz
Bencz

Emozioni a raffica nella sfida lombarda al PalaDesio, dove i meneghini non sfruttano nove match ball nel quarto parziale e vengono castigati nel quinto set dal Vero Volley, che vendica il ko dell’andata

MILANO, 15 MARZO 2015 – Due set a uno e 24-20, con un conto complessivo – vantaggi compresi – di nove match ball non sfruttati. Sta tutta qui la storia del derby di ritorno al PalaDesio tra Revivre Milano e Vero Volley Monza, con i meneghini che hanno sognato il bis dopo il successo dell’andata e con gli ospiti che invece hanno raddrizzato l’incontro chiudendo al tie break dopo esser stati a un passo dal baratro. Quasi due ore e mezza di battaglia, con la squadra di Maranesi che deve mordersi le dita per un’incredibile occasione non sfruttata; a causa di questo rocambolesco ko, la Revivre continua il digiuno di vittorie nel girone di ritorno. Dire peccato è eufemistico, anche perché fino a quel momento Milano aveva giocato bene, reagendo dopo un primo set negativo e migliorando con gli ingressi di Mattera e Valsecchi. Ventiquattro punti di Bencz, dieci per il centrale bergamasco, positivo insieme al collega di reparto Patriarca (3 ace). Poi ci sono le belle prestazioni di Veres e Dos Santos in posto quattro, la regia di Mattera a partita in corso, oltre alle “solite”, ma sempre rilevanti difese del libero Rizzo. Insomma, gli ingredienti per poter finalmente festeggiare c’erano tutti, ma anche questa volta l’appuntamento è stato rimandato.gioia monza 2

LA PARTITA – La Revivre parte con Kauliakamoa in palleggio, Bencz opposto, Dos Santos e Veres schiacciatori, Patriarca e De Togni al centro e Rizzo libero; Mattera, reduce dal problema al ginocchio, è in panchina. Monza (senza Elia, infortunato) risponde con la diagonale Jovovic-Padura Diaz, con Botto-Galliani asse di posto quattro, Vigil Gonzalez e Gotsev al centro e De Pandis libero. gioia monza

Il primo allungo è di Milano: la battuta di Patriarca pizzica Galliani e la squadra di Maranesi si porta sull’8-5 con un ace e i contrattacchi di Bencz e Veres. Vacondio ferma il gioco, ma l’attacco out da posto quattro di Galliani regala l’11-7 ai meneghini. Monza rientra in carreggiata approfittando dell’attacco in rete di Bencz (11-9), poi pareggia con l’ace di Padura Diaz e l’attacco out di Dos Santos, reduce dall’errore in ricezione: 12-12 e time out Maranesi. La Revivre balbetta in costruzione e il Vero Volley la punisce con la pipe di Galliani (15-17). Botto griffa il contrattacco del +3 (16-19), con la panchina locale che chiede il secondo time out discrezionale. Dentro Valsecchi per De Togni e il centrale bergamasco trova subito il muro, ma la squadra di Vacondio viaggia spedita verso il 25-20 deciso dall’errore in battuta di Dos Santos.

paduradiaz
Paduradiaz

Sul 5-3 a favore di Monza nel secondo set, Maranesi prova a dare la scossa in cabina di regia inserendo Mattera al posto di uno spento Kauliakamoa. La Revivre risponde subito presente con il contrattacco vincente di Veres e con l’ace di Patriarca (6-5) poi il palleggiatore laziale mura Padura Diaz per il +2 (7-5). Milano pare aver cambiato marcia e prende il largo (14-7, out l’opposto ospite), anche se Monza (ora con Wang in campo, poi con Tiberti in regia) non molla gli ormeggi: parallela di Botto per il 17-13, con time out Revivre. Veres toglie le castagne dal fuoco con il muro sul martello spezzino e spinge i suoi verso il 25-18 (errore in battuta di Wang) che vale il pareggio nel conto dei set.

Si riparte con Mattera in palleggio e con Valsecchi (ottimo protagonista in battuta nel finale di set precedente in battuta), mentre Monza ricomincia dalla diagonale Jovovic-Padura Diaz. Il centrale bergamasco trova l’ace del 4-2, poi è il brasiliano Dos Santos a picchiare forte per il +3 (5-2) con il time out Vero Volley. Bencz trova l’ace del 7-3 con l’aiuto del nastro, poi Bonetti avvicenda Galliani, ma il martello sudamericano va a segno da posto quattro, con lo slovacco nuovamente decisivo dalla linea dei nove metri (9-3). Milano c’è e si asciuga in netto vantaggio (12-5), poi un rosso a Padura Diaz penalizza i brianzoli (14-6). In regia c’è Tiberti, poi rientra Galliani e il Vero Volley rosicchia qualche punto (17-13), aiutata dall’attacco out di Dos Santos e dal muro di Tiberti: 18-16 e time out Revivre. La risposta locale è immediata, con il muro a uno da urlo di Veres per il 20-16, che taglia le gambe a Monza e permette ai meneghini di marciare verso il 25-19 (a firma di Bencz) e il 2-1.

Nel quarto parziale, Vacondio propone Tiberti in regia e Botin in posto quattro, con il martello che piazza subito il muro su Bencz. L’avvio è equilibrato (6-6), la Revivre si fa sentire con l’ace di Dos Santos (10-9), ma il braccio di ferro prosegue in modo serrato (12-11). Il break lo firmano Veres (16-14) e Bencz (ace del 17-14); Monza cambia Botto con Bonetti, ma Veres mura per il 19-15. Gli ospiti ci credono ancora con l’ace di Botin (19-17), il martello ungherese però è implacabile (22-18 e time out Vero Volley).

Sul 24-20 Monza ha un sussulto d’orgoglio (ace del 24-22 con Gotsev e contrattacco di Padura Diaz per il 24-23 con time out ravvicinati di Revivre), poi pareggia con il muro dell’opposto su Dos Santos 24-24. Ai vantaggi è Padura Diaz contro Milano; la battaglia è estenuante, con la Revivre che ha svariate occasioni ma non chiude. Idem per Monza, che però ce la fa al sesto set ball sfruttando il diagonale out di Veres: 34-36 e tutti al tie break.

Nel set corto la Revivre paga dazio psicologicamente in avvio (4-0 con i due muri di Vigil Gonzalez). Maranesi inserisce Preti per Bencz, seppur temporaneamente, poi Monza cambia campo sull’8-5 con Bonetti (preferito a Botto). Un muro regala il 10-6 al Vero Volley (time out Revivre), che poi non ha difficoltà a chiudere 15-11 (errore in battuta di Bencz).

Le dichiarazioni post gara
Marco Maranesi (tecnico Revivre Milano): “Siamo arrivati a un soffio dalla vittoria, ma iniziano a essere tanti i set combattuti che non chiudiamo; del resto, purtroppo, è abbastanza normale che una squadra che vince poco abbia il cosiddetto braccino nei momenti decisivi. Cosa potevamo fare per compiere l’ultimo passo? Potevamo e dovevamo contenere meglio Padura Diaz, che stava attaccando con le sue traiettorie classiche. Per il resto, la partita l’han vista tutti e siamo andati a un passo dal vincere”.

Oreste Vacondio (tecnico Vero Volley Monza): “Nel corso del match Milano aveva trovato riferimenti inusuali, mandando in difficoltà Botto, di solito il nostro miglior ricettore. Lui e Galliani non stanno attraversando uno dei momenti migliori di forma. Si trattava di capire chi potesse sostituire Jacopo (Botto) e migliorare la ricezione. Sono entrati Bonetti e Botin e siamo riusciti a vincere la maratona del quarto set per poi chiudere al tie break”.

Video check:
2° SET:
21-16 (attacco Gotsev) Video Check richiesto da: Monza per verifica in/out
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (22-16)
2° SET:
22-16 (attacco Dos Santos) Video Check richiesto da: Monza per verifica invasione
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (23-16)
3° SET:
1-1 (attacco Vigil Gonzalez) Video Check richiesto da: Monza per verifica in/out
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Monza (1-2)
3° SET:
17-13 (muro Bencz) Video Check richiesto da: Monza per verifica invasione
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (18-13)
4° SET:
13-12 (muro Dos Santos) Video Check richiesto da: Monza per verifica invasione
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Monza (13-13)
4° SET:
19-16 (ace Botin) Video Check richiesto da: Milano per verifica in/out
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Monza (19-17)
4° SET:
20-17 (muro Mattera) Video Check richiesto da: Monza per verifica invasione
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Monza (20-18)
4° SET:
27-27 (attacco Padura Diaz) Video Check richiesto da: Monza per verifica invasione
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (28-27)
5° SET:
0-1 (attacco Veres) Video Check richiesto da: Milano per verifica in/out
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Monza (0-2)
5° SET:
4-7 (attacco Dos Santos) Video Check richiesto da: Monza per verifica in/out
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (5-7)

REVIVRE MILANO-VERO VOLLEY MONZA 2-3
(20-25, 25-18, 25-19, 34-36, 11-15)
REVIVRE MILANO: Veres 18, De Togni 1, Bencz 24, Dos Santos 19, Patriarca 7, Kauliakamoa,
Rizzo (L), Valsecchi 10, Mattera 1, Temponi Araujo, Preti. N.e.: Bermudez, Cerbo. All.: Maranesi
VERO VOLLEY MONZA: Botto 12, Gotsev 10, Padura Diaz 29, Galliani 8, Vigil Gonzalez 8, Jovovic,
De Pandis (L), Tiberti 2,Wang 3, Bonetti 5 Botin 7. N.e.: Procopio, Bonola. All.: Vacondio
ARBITRI: Goitre di Collegno (Torino) e Sobrero di Carcare (Savona)
NOTE: Durata set: 26′, 26′, 30′, 44′, 19′ per un totale di 2 ore e 25 minuti di gioco
Spettatori 1348, incasso 2395,50 euro
Revivre Milano: battute sbagliate 16, ace 8, ricezione positiva 72 per cento (perfetta 49 per cento), attacco 51 per cento, muri 8, errori 29
Vero Volley Monza: battute sbagliate 20, ace 5, ricezione positiva 52 per cento (perfetta 28 per cento), attacco 53 per cento, muri 10, errori 35

———————————————————

COMUNICATO STAMPA

Volley SuperLega UnipolSai, la Revivre Milano espugna Sansepolcro e abbandona l’ultimo posto

La squadra di Maranesi si aggiudica in quattro set lo scontro diretto con Altotevere e la scavalca in classifica. Prima vittoria del girone di ritorno per i milanesi. Veres grande protagonistaaltotevere revivre 1

SANSEPOLCRO (AR), 22 MARZO 2015 – Tutto in una sera per la Revivre Milano, che espugna il Palasport di Sansepolcro, conquista il primo successo del girone di ritorno e soprattutto sorpassa in classifica i diretti rivali di Altotevere, abbandonando l’ultimo posto che occupava ormai da dieci giornate. Per i milanesi si tratta del ritorno alla vittoria, che mancava dallo scorso 21 dicembre (proprio dalla gara di andata con Città di Castello-Sansepolcro), e del primo successo da tre punti in assoluto in SuperLega UnipolSai.

Serata di festa dunque in casa Powervolley al termine di una partita ben giocata dalla squadra di Marco Maranesi, che si appoggia sul match quasi perfetto di Peter Veres (18 punti con il 70% in attacco e il 79% in ricezione). Buona, comunque, la prestazione dell’intero sestetto, da Bencz a Vinicius, che mette a segno il punto della vittoria, da Patriarca (decisivo in battuta) a De Togni (3 muri), passando per Mattera e Rizzo. Nonostante i tanti errori-punto (20) questa volta il servizio è un’arma decisiva a favore della Revivre, che mette in crisi la ricezione di casa costringendo Polidori a diversi cambi nei primi due set. L’Altotevere riesce a riaprire la partita nel terzo set, spezzato dai due turni di battuta di Randazzo (7-4, 17-13) e deciso in volata dopo che Milano aveva annullato due set point; nel quarto parziale però gli ospiti si staccano sul 13-16 e conducono con autorità fino al termine della gara.
Ora la Revivre può affrontare con più fiducia le ultime due partite della regular season, anche se il successo di Padova sul campo di Piacenza rende più problematica la scalata all’undicesimo posto: il prossimo impegno stagionale è la sfida casalinga, ultima della stagione, di domenica 29 marzo al PalaDesio proprio contro la Copra Piacenza.altotevere revivre 2

LA PARTITA – Tutti a disposizione per coach Maranesi, che ripropone capitan Mattera nel sestetto titolare in diagonale con Bencz. L’Altotevere lascia in panchina il rientrante Baroti, non ancora al cento per cento: gli schiacciatori sono Della Lunga e Randazzo, con Maric opposto.

In avvio di gara Aganits sigla subito due punti per il 3-1, ma Milano ribalta subito il risultato con la battuta di Mattera e si porta avanti 4-6 con un muro vincente di Bencz, costringendo Polidori al primo time out della serata. Il turno di servizio di Mazzone consente ai padroni di casa di riequilibrare il punteggio (9-8); entra Teppan al posto di Maric, ma dopo il time out tecnico Bencz e Veres allungano ancora per l’11-14. Un muro dello stesso Bencz aumenta il gap fino al 13-17, poi Altotevere prova a riavvicinarsi con Della Lunga e Teppan, ma dal 18-20 arriva un break di 0-3 per Milano, sempre con il servizio di Mattera. Veres si procura 5 set point e De Togni trasforma il secondo per il 20-25 conclusivo.

Nel secondo set Altotevere presenta dall’inizio la diagonale Kaszap-Teppan. Il servizio di Della Lunga frutta subito un vantaggio di 5-1 ai biancorossi. Milano accorcia fino al 6-4 e, nonostante i troppi errori in battuta, si riporta sotto 11-10; dopo il time out tecnico, De Togni e Bencz firmano il pareggio a quota 13. Sul 14-14 arriva il break a favore della Revivre, con lo stesso Bencz in battuta: i milanesi volano direttamente sul 14-18 malgrado il time out chiamato da Polidori. Altotevere risale però 17-19 con un ace di Kaszap, poi 20-21 con Randazzo e corona l’inseguimento sul 22-22 grazie a un errore di Vinicius. Finale in volata: Teppan sbaglia e concede il set point a Milano (23-24), Della Lunga lo annulla ma Vinicius se ne procura un secondo (24-25) e il mani out vincente di Veres vale lo 0-2.

Sansepolcro reagisce nel terzo set con un break sul servizio di Randazzo, portandosi avanti 7-4. I padroni di casa allungano ancora con l’ace di Della Lunga per il 12-7, ma poi commettono tre errori consecutivi (12-10) e la Revivre ne approfitta subito per tornare in scia sul 13-12 con Bencz. La battuta del solito Randazzo fa però la differenza per il 17-13; l’opposto è ancora una volta l’ultimo ad arrendersi (18-16), ma Della Lunga tiene avanti i suoi 21-18. Dal 23-19 Milano tenta la rimonta, ma dopo due set point annullati da Bencz e Vinicius le speranze si infrangono sul mani out di Della Lunga per il 25-23.

Maric, già rientrato nel corso del set precedente, è confermato tra i titolari per il quarto set. Le due squadre procedono a braccetto (4-5, 6-7) fino al servizio vincente di Patriarca che spezza l’equilibrio per il 7-9; Milano allunga fino al 10-13 con l’errore di Randazzo e contiene il tentativo di rimonta dei padroni di casa (13-14) allungando fino al 13-16 con Veres. Ancora una battuta incisiva di Patriarca permette a Mattera di siglare il 14-18, poi De Togni e Vinicius firmano il 16-21 e Veres realizza l’ace del più 6. Il servizio vincente di Dolfo tiene vive le speranze di Altotevere (19-23), ma Vinicius si procura 5 match point e sempre il brasiliano chiude al secondo tentativo, dando finalmente il via alla festa di Milano.

LE DICHIARAZIONI POST-GARA:
Giordano Mattera (Revivre Milano): “Finalmente ce l’abbiamo fatta! Ci tenevamo tantissimo, è una vittoria che mancava da tantissimo ed è la prima da tre punti, quindi teniamocela stretta. Abbiamo sbagliato meno del solito, anche se nel terzo set c’è stato comunque qualche errore di troppo, ma oggi voglio guardare solo il lato positivo. Ora affronteremo le ultime due partite con tranquillità, ma consapevoli che dobbiamo dare il massimo per mettere in difficoltà squadre come Piacenza e Ravenna”.
Tamas Kaszap (Altotevere Città di Castello-Sansepolcro): “Mi dispiace soprattutto che non siamo riusciti a giocare come abbiamo fatto in settimana durante gli allenamenti, soprattutto al servizio. Forse in noi c’era troppa tensione anche se per alcune fasi della partita non abbiamo giocato male, ma gli errori ci hanno condizionato. Sono contento di aver dato una mano alla squadra e di aver giocato contro un amico e grande giocatore del mio paese come Veres”.

Altotevere Città di Castello Sansepolcro-Revivre Milano 1-3 (20-25, 24-26, 25-23, 20-25)
Altotevere: Franceschini, Teppan 8, Lensi (L), Corvetta, Dolfo 1, Kaszap 4, Baroti ne, Tosi (L), Della Lunga 14, Aganits 10, Maric 5, Randazzo 13, Mazzone 6. All. Polidori.
Revivre Milano: Bencz 18, Bermudez ne, Kauliakamoa ne, Cerbo (L) ne, Temponi, Patriarca 5, Rizzo (L), Mattera 4, De Togni 10, Vinicius 14, Veres 18, Preti ne, Valsecchi. All. Maranesi.
Arbitri: Bruno Frapiccini di Falconara (AN) e Vittorio Sampaolo di Treia (MC).
Note: Spettatori 1280. Durata set: 24′, 31′, 28′, 24′ per un totale di 1h47′ di gioco. Altotevere: battute vincenti 7, battute sbagliate 20, attacco 48%, ricezione 46%-33%, muri 9, errori 30. Milano: battute vincenti 4, battute sbagliate 20, attacco 60%, ricezione 57%-41%, muri 9, errori 28.

——————————————-
Luca Ziliani – 339.8139287
Eugenio Peralta – 338.1767430
Ufficio stampa
Powervolley Milano ssrdl
www.powervolleymilano.it

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi