Sport & Work n.93 – 8/2017 – anno 4 – Lavoro: Venti di ripresa

VENTI DI RIPRESA

Nonostante tutto, la ripresa c’è. E’ ben vero che ci sono tante difficoltà, che diverse Aziende sono in crisi o riducono il personale, che gli enti parastatali devono fare efficienza soprattutto a scapito dell’occupazione, che i giovani stentano a trovare un lavoro a tempo indeterminato, che il disagio sociale è ad un livello di guardia, tuttavia non si può nascondere che esistono anche segnali incoraggianti.

Comunque è diminuita l’occupazione, i “seniores” stentano meno a ritrovare un lavoro dopo averlo perso, le assunzioni hanno ripreso e grandi aziende comunicano le opportunità che ora si presentano, la selezione come mercato specifico del lavoro ha ripreso fiato dopo anni di astinenza.

Un esempio pratico. Due anni fa ero incaricato di ricercare un Tornitore nel bolognese e ho fatto molta fatica a concludere con successo l’operazione, sia per un turno particolarmente ostico, sia per l’assenza di professionalità adeguate, ma di persone senza lavoro ne ho trovate tantissime.

Ho ripreso per la stessa posizione in questi giorni la ricerca e il contesto si è subito mostrato molto diverso.

Molti occupati, già a tempo determinato, più selettivi nell’accogliere la proposta, con diverse opportunità in mano, moltissime le rinunce a priori, indipendentemente dall’offerta economica.

Il contesto è adesso sicuramente diverso, molte altre aziende sono impegnate nello stesso tipo di ricerca, appunto perché la professionalità di un Tornitore CNC autonomo e ben preparato non è poi così diffusa e se ne sente un gran bisogno.

Ancora una volta si notano le due velocità: quella del mondo aziendale che richiede competenze già in essere e il mercato che presenta più persone da addestrare che addestrate. E’ la conseguenza della mancanza di investimenti sulla risorsa umana: le competenze vanno sviluppate e se nessuno si impegna a farlo prima o poi scarseggiano o mancano del tutto.

Accade in diversi settori, dove le technicalities sono fondamentali e dove si pretende di disporne senza fare scuola come era d’uso una volta nelle grandi aziende “scuole di pensiero”.

Invece abbondano le professionalità alte, spesso oggetto di accorpamenti di ruoli o estensione di ruoli che avvengono nelle multinazionali, dove si accentrano funzioni negli headquarter tagliando posizioni locali.

Questo spinge a internazionalizzarsi sempre di più cogliendo opportunità meno legate al suolo geografico e più orientate a valorizzare competenze estese a più paesi dove la residenza può essere un optional.

Un altro esempio è il mondo dei neolaureati che oggi trovano stages facilmente (alcuni remunerati adeguatamente e molto istruttivi, altri pura speculazione economica) che in ogni caso aumentano le possibilità di successo, grazie alla rete di relazioni che si sviluppano e alla verifica delle buone caratteristiche personali e professionali. Sta comunque funzionando.

Non è ancora iniziato il flusso Brexit, siamo ai primi passi, ma è prevedibile che ci sarà un’ondata di ritorno di professionalità elevate, di taglio comunque anglosassone, visti i numerosi italiani residenti nel Regno Unito per ragioni di lavoro. Opportunità o minaccia si vedrà.

Certo è che questi segnali di ripresa dovrebbero aiutare a rendere più positivo il contesto del mondo del lavoro anziché continuare a configurarlo come depresso e inadeguato.

Il lavoro c’è, bisogna impegnarsi per essere nel posto giusto al momento giusto.

Giorgio Cozzi

 

Giorgio Cozzi, Sociologo e Psicologo

CEO di ISO Interventi Socio Organizzativi Srl

Partner Italiano di Extended Disc (Piattaforma evoluta di Analisi dei Comportamenti)

Ex Presidente di ASSORES (Associazione fra Società di Selezione)

Membro attivo di CRESCITA (Associazione fra Società di Ricerca e Selezione del Personale)

Trainer e Coach

Esperto di BBS (Behavior Based Safety)

Ha lavorato in Azienda presso Banca Popolare di Novara – Cotonificio Cantoni – Plasmon

Ha lavorato vent’anni in un Gruppo Internazionale di Training (Tack International)

Ha partecipato a Convegni Internazionali e Nazionali sul mondo del lavoro

Presidente di AISM, Associazione Italiana Scientifica di Metapsichica, autore di libri sulla Parapsicologia

Autore di Turbomanagement – Sperlimg & Kupfer (con Bucci e Sprega)

Autore di Turbomanagement 2 – Franco Angeli Editore

Autore di Cambia, Adesso! – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)

Autore di Le parole segrete della vendita – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *