Categorie
numero 150 - 22/2019 - anno 6 Teatro - eventi e storie

Sport & Work n.150 – un messaggio di fine anno che ci spinge a dire “Regalami un sorriso”!

Festeggiamo la fine del 2019 con il giornale n.150 e iniziamo il 7° anno di pubblicazioni!

Auguri di Buon Natale

Ci piace soprattutto chiudere questo anno non con un editoriale predisposto ma con un articolo/messaggio importantissimo: “Regalami un sorriso”

Siamo particolarmente lieti di confermare che l’attenzione su Sport & Work rimane altissima, rispetto al 2018 c’è un incremento di utenza del 26%. Merito dei nostri bravi collaboratori con i quali riusciamo a dare informazioni su lavoro, sport, cultura, medicina, attualità, arte e tanto altro!

La punta massima di utenti è stato il 17 febbraio con 38.005 visite in occasione del n. 131 dove si è parlato di lavoro e ricerca di personale con tantissime richieste, Powervolley Milano vince il derby con Monza, la Scuola di pallavolo Anderlini presenta tre progetti, Etiopia, che assegna una mucca in comodato d’uso a famiglie locali, progetto Nonantola, raccolta fondi da destinare alle associazioni a contatto con i bambini, progetto Dona, per sviluppare, in collaborazione con diversi stati europei, una metodologia mirata a sviluppare le carriere delle giovani donne atlete, da un punto di vista psicologico, educativo, sportivo e professionale, oltre a parlare di cibernetico all’epoca di internet, retrospettiva del pittore/scultore Lucio Fontana e la presentazione del  Festival Internazionale del Film di Berlino.

Il 2020 porterà un nuovo cambiamento d’impaginazione, ci stiamo lavorando! Mantenendo la rotta e particolarmente attivi continueremo a parlare continuamente sul tema inerente la violenza sulle donne…perché occorre parlarne sempre e sempre di più.

                                                     —————-

Da Papa Francesco a REGALAMI UN SORRISO

Standing Ovation a Lentate per Giovambattista Rizzo e la sua Musical Comedy

 Ho pubblicato on line queste righe di un ‘giovane scrittore e vecchio manager’: ‘Seguo Papa Francesco e lo seguo da laico, perché mi rende consapevole che nella mia cultura, nei comportamenti, a volte anche in gesti che mi sembrano spontanei, ci sono in realtà le radici cristiane che le sue parole sanno far riaffiorare, proprio come può fare il calore, sull’inchiostro altrimenti invisibile … Ho così affiancato alla mia attività di manager il volontariato culturale, laico e cristiano, con un progetto ed uno spettacolo, che un Arcivescovo dice d’ispirazione francescanamente evangelica‘.

Quel progetto si chiama REGALAMI UN SORRISO e comprende lo spettacolo andato in scena il 12 dicembre  a Lentate sul Seveso ma ne fan parte anche un saggio pedagogico sociale, una Sitcom TV/Web, un romanzo e la sceneggiatura di un film.

Infatti, l’obiettivo più ambizioso è proprio un film, il primo sull’Armenia non incentrato sullo sterminio di un Popolo col Genocidio, ma sulle tante bellezze e ricchezze di arte, tradizioni, valori, che quel Popolo antichissimo ha ancora.

REGALAMI UN SORRISO è d’altronde un Omaggio all’Armenia, in quanto mitico luogo della nascita, salvezza e rinascita dell’Umanità; e lo spettacolo è una Musical Comedy che a Lentate è riuscita ‘a sorprenderci, coinvolgerci, emozionarci e divertirci, leggera ed efficace come un sorriso sincero‘, come ci aveva annunciato l’appassionata e brillante Maria Antonia Mazzola concludendo ironica ‘non dico altro perché i sorrisi non si possono anticipare.

E quel sorriso ha regalato all’autore e interprete una standing ovation che l’ha forse sorpreso: lui era infatti entrato ed uscito di scena in punta di piedi, alzandosi da una poltrona rimasta libera in seconda fila e rientrandovi a sorpresa a fine spettacolo dopo aver regalato sorrisi e ricordato valori dal palco e tra il pubblico, magistralmente in scena come Mr Ararat, per ricordarci che a quel Monte tutti dobbiamo esser grati, e grati 2 volte; come Umanità, veniamo infatti tutti da lì; e ci veniamo perché quando l’Umanità si dimenticò di essere umana, ci fu il diluvio: fu un una tantum?

Spero col pubblico che non torni il diluvio e torni invece Mr Ararat a Lentate, accogliendo l’invito del Parroco Don Italo Miotto a proporre lo spettacolo anche agli studenti e ai giovani dell’Oratorio: lui l’ha già fatto spesso; e lo farà  anche a Gorla Maggiore il prossimo 11 febbraio, con un doppio spettacolo, a scuola al mattino ed a teatro la sera.

Ritornerò a teatro aspettando con ansia gli altri capitoli di REGALAMI UN SORRISO, Progetto multimediale, laico e cristiano. Ma chi n’è l’Autore? E’ nell’articolo https://www.sportwork.net/con-papa-francesco-da-laico-a-cristiano/:

RIZZO, RADDRIZZO E VALORIZZO: così presenta la sua attività Giovambattista Rizzo, chiamato da 35 anni a far partire, ripartire o non morire aziende, iniziative, progetti. È Uomo del Cambio Marcia ed è via di mezzo tra un Cincinnato padano ed uno scugnizzo napoletano: ha, del politico, la capacità di entrare e uscire in punta di piedi da ogni azienda, costruendo senza distruggere, con pazienza ed equilibrio; dello scugnizzo, ha invece il guizzo creativo e l’argento vivo, cui aggiunge il sorriso, ora anche a teatro;

REGALAMI UN SORRISO, preghiera laica, coinvolge con leggerezza e termina proprio con un segno di pace: un abbraccio del pubblico commovente, spontaneo e corale.’

Giampaolo Santini

                                                                                                          

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *