Sport & Work n.124 -17/2018 – anno 5 La formazione esperienziale innovativa

Da tempo si è venuta affermando la modalità della formazione esperienziale, vale a dire il coinvolgimento di gruppi in attività fisiche o cognitive in cui l’apprendimento scaturisce dal “fare”.

L’aula tradizionale viene così sostituita dal “campo”, spesso infatti tali attività sono all’aperto o in montagna o sul mare o sui fiumi, anche se non necessariamente occorre svolgere attività all’esterno, talvolta è sufficiente uno spazio grande dove effettuare gli esercizi previsti che coinvolgono normalmente psiche e soma.

Tra le attività classiche si distinguono: il Teatro Aziendale, dove in un paio di giorni si mette in scena uno spettacolo che ricalca una specifica dinamica o obiettivo aziendale; il Rafting che è un Team Building stimolante e divertente; la Barca a vela molto più fun che Training; l’Orienteering che crea una competizione regolata fra squadre; la “Caccia al Tesoro” ludica e coinvolgente; il Rugby che trasmette regole e principi importanti e molte altre possibilità.

Tra le metodologie più innovative possiamo annoverare “RADIO ANCH’IO” che in una giornata trasforma uomini d’azienda in conduttori di una completa trasmissione radio “in diretta” toccando tematiche quali Project Management, Negoziazione, Rapporti interfunzionali, Problem Solving, Decision Makeing, Time Management, Effective Speaking (Comunicazione verbale e non verbale) e ovviamente Team Building.

Un’altra modalità di successo è la formazione con i cavalli, eccezionale perché per motivare e guidare un branco di cavalli occorre mostrare autorevolezza, comunicare con chiarezza non verbalmente, ascoltare attentamente, gestire emozioni e paure.

Anche il mondo della Diversity si sta proponendo come alternativa formativa esperienziale: attraverso lo sport paralimpico infatti si sperimentano difficoltà fisiche che richiedono spirito di adattamento, flessibilità, accesso a nuove risorse, che spesso non si pensa neppure di avere.

Insomma, esiste un ventaglio di opportunità che le Aziende possono considerare per promuovere la crescita di individui e gruppi in un contesto dove un pizzico di fun si aggiunge al Learning, dando un valore aggiunto anche di tipo motivazionale.

Nell’epoca della formazione 4.0 l’aula innovativa, che pur c’è ed è efficace, trova spunti e metodi nuovi per incrementare risultati e performance.

Giorgio Cozzi

Giorgio Cozzi, Sociologo e Psicologo
CEO di ISO Interventi Socio Organizzativi Srl
Partner Italiano di Extended Disc (Piattaforma evoluta di Analisi dei Comportamenti)
Ex Presidente di ASSORES (Associazione fra Società di Selezione)
Membro attivo di CRESCITA (Associazione fra Società di Ricerca e Selezione del Personale)
Trainer e Coach
Esperto di BBS (Behavior Based Safety)
Ha lavorato in Azienda presso Banca Popolare di Novara – Cotonificio Cantoni – Plasmon
Ha lavorato vent’anni in un Gruppo Internazionale di Training (Tack International)
Ha partecipato a Convegni Internazionali e Nazionali sul mondo del lavoro
Presidente di AISM, Associazione Italiana Scientifica di Metapsichica, autore di libri sulla Parapsicologia
Autore di Turbomanagement – Sperlimg & Kupfer (con Bucci e Sprega)
Autore di Turbomanagement 2 – Franco Angeli Editore
Autore di Cambia, Adesso! – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)
Autore di Le parole segrete della vendita – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *