Sport & Work n.84-21/2016-anno3 Sport, alimentazione, benessere: C’era una volta il cibo

C’ERA UNA VOLTA IL CIBO…

E’ stato stimato che circa il 72% delle sostanze contenute negli alimenti che noi oggi giorno ingeriamo, proviene da cibi che erano letteralmente inesistenti ai tempi dei nostri antenati. Questo vuol dire che ci nutriamo di alimenti che nella stragrande maggioranza dei casi non sono contemplati dal nostro DNA. Non è impressionante?foto-articolo-6-dicembre

All’inizio gli ominidi, come tutti gli altri animali, si nutrivano di ciò che la natura era in grado di offrire. E’ stato circa tre milioni di anni fa che, grazie all’introduzione dei primi utensili, siamo diventati cacciatori ed in seguito pescatori, aumentando l’introito di proteine e acidi grassi polinsaturi che hanno agevolato lo sviluppo della corteccia cerebrale dell’Homo Sapiens.

Ma la vera rivoluzione è arrivata molto dopo: con il passaggio da un economia della predazione ed una economia della produzione, ossia con l’avvento dell’agricoltura e dell’allevamento.

L’introduzione, infatti di latte, cereali e carne di animali allevati ha variato molto la nostra dieta e ha posto le basi per l’espansione demografica e la civilizzazione del pianeta.

Nell’era moderna ha preso avvio con, la prima rivoluzione industriale un altro grande cambiamento: si è reso indispensabile, infatti, per seguire l’espansione demografica, di lavorare il cibo, conservarlo e distribuirlo in aree sempre più lontane da quelle di origine.

E’ entrato, così, a far parte della catena industriale, divenendo a tutti gli effetti un prodotto di consumo.

Nato non più per nutrire ma per essere venduto. Il cibo ha perso, così, il suo carattere più naturale ed è diventato qualcosa di complicato, artificioso e, talvolta, addirittura dannoso. Mentre il cibo per millenni ha garantito forza, salute, sviluppo, oggi spesso porta intossicazione e malattia.

A conferma di tutto ciò, oggi la scienza conferma che per ridurre l’incidenza con cui insorgono patologie cardiovascolari, patologie infiammatorie cronico-degenerative ed il cancro, è necessario mangiare bene e vivere meglio.

Come fare e cosa fare allora?

Sarebbe troppo facile scrivere l’ennesimo articolo di denuncia sul cibo tossico che ci circonda. Sarebbe altrettanto facile suggerire a tutti di ritornare ad essere contadini o pescatori. Idee di questo tipo suscitano solo sgomento e non offrono soluzioni.

Non c’è bisogno di grandi rivoluzioni ma al contrario un po’ di riflessione e piccoli passi che ci portino ad una maggiore consapevolezza e una nuova presa di coscienza: l’alimentazione corretta ed un adeguato stile di vita come uniche armi di prevenzione di cui noi ogni giorno disponiamo. Facciamone buon uso per difendere il bene più prezioso che abbiamo: la nostra salute, il nostro benessere.
Elena Ruggiero

 

Elena Ruggiero, farmacista, naturopata, consulente in nutrizione e dietetica. Fin dagli studi universitari ha cominciato ad interessarsi ad una visione olistica dell’uomo come essere dalle molteplici dimensioni e non come somma di parti, fisiche e psichiche, più o meno malate.
Questo interesse l’ha condotta, dopo la laurea, verso studi Superiori di Medicina Omeopatica, Fitoterapia e Nutrizione, al fine di integrare il sistema terapeutico convenzionale con discipline in grado di garantire, per ogni individuo, uno stato di salute globale. La salute non è più intesa quale semplice assenza di malattia ma, bensì, come benessere globale di corpo, mente, società e ambiente anche attraverso un’evoluzione psicofisica.
*E’ titolare dello studio di Nutrizione~Medicina integrata~Educazione alla salute, in Trezzano sul Naviglio. *E’ responsabile dell’ambulatorio di nutrizione e medicina naturale in un poliambulatorio a Milano.
*Svolge un’intensa attività divulgativa sui grandi temi della nutrizione e della medicina olistica e preventiva.
*E’ docente di corsi ed eventi formativi per la “Fondazione per Leggere”.

 

Nel prossimo numero:

Progetto salute: le buone basi che dobbiamo conoscere

——————–

Nota dell’Editore:

Abbiamo il piacere di comunicare che con questo numero inizia la collaborazione con la dott.sa Elena Ruggiero con la quale stiamo preparando un progetto più ampio in collaborazione con la Polisportiva Trezzano Pallavolo e Scrum Italia. Il progetto, ancora in fase di preparazione, sarà ampiamente spiegato nei prossimi numeri.

Giampaolo Santini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *