Speciale Parigi-Lotta per la sopravvivenza, considerazioni e sofferenze

Lotta per la sopravvivenza ? Terrorismo ? Fanatismo religioso ? Attuale ordinamento economico ? qual’è la causa o sono l’una strettamente correlata all’altra a provocare la follia che abbiamo visto a Parigi e che perpetua in Nigeria con Boko Haram ed i suoi seguaci ? Oggi vi sarà il corteo “Charlie Hebdo, a Parigi contro il terrore. A questa ‘Marcia Repubblicana’ saranno presenti leader da tutto il mondo. foto1

Proprio riflettendo su questi fatti e meditando le parole di Don Tonino Bello, i non credenti non si offendano perché sono considerazioni su cui tutti dovremmo soffermarci, nella preghiera alla Madonna del Pane sorge una domanda “ qual è la mia personale responsabilità “ ?

“ Santa Maria, donna del pane, tu che hai vissuto la sofferenza di quanti lottano per sopravvivere, svelaci il senso dell’ allucinante aritmetica della miseria, con la quale i popoli del Sud un giorno ci presenteranno il conto davanti al tribunale di Dio.

Abbi misericordia dei milioni di esseri umani decimati dalla fame. Rendici sensibili alla provocazione del loro grido. Non risparmiarci le inquietudini dinanzi alle scene di bambini che la morte coglie tragicamente attaccati ad aridi seni materni.
E ogni pezzo di pane che ci sopravanza metta in crisi la nostra fiducia sull’ attuale ordinamento economico, che sembra garantire solo le ragioni dei più forti.foto 3-milano-jesuischarlie-300x225

Tu, la cui immagine, quasi fosse un amuleto, pietà di madre o tenerezza di sposa nasconde furtivamente nel bagaglio dell’ emigrante o nella valigia di chi affida al mare la sua vita in cerca di fortuna, tempera le lacrime dei poveri ai quali è divenuta troppo amara la terra natale.

Alleggerisci la loro solitudine. Non esporli all’umiliazione del rifiuto. Colora di speranza le attese dei disoccupati. E raffrena l’egoismo di chi si è già comodamente sistemato al banchetto della vita. Perché non sono i coperti che mancano sulla mensa. Sono i posti in più che non si vogliono aggiungere a tavola. “foto2

In una società ideale non troveremo milioni di esseri umani decimati dalla fame , non vedremo scene di bambini che la morte coglie tragicamente attaccati ad aridi seni materni, non vedremo un ordinamento economico che volge a favore solo dei pochi che decidono le sorti di noi tutti, non vedremo il migrante che affida al mare la sua vita in cerca di fortuna e soprattutto non vedremo da una parte milioni di disoccupati e dall’altra chi si è già comodamente al banchetto della vita ad ignorare coloro che chiedono solo il rispetto della propria dignità di Essere Umano.

Noi tutti a mio avviso possiamo fare qualcosa, noi che abbiamo, per fortuna, la dispensa carica di alimenti e gli armadi con abiti e scarpe e magari gioielli con cui, giustamente, si adornano le Nostre Mogli, Madri, Figlie, Nipoti possiamo adoperarci affinché tutto migliori ?

Affinché si riducano drasticamente le sfortunate scene sopra citate ? Operando in tal senso forse potremmo combattere il terrorismo, le guerre che mai nulla hanno portato di positivo se non per il solito manipolo di personaggi che si sono arricchiti e si arricchiscono con le guerre ed il terrorismo.

Ricordiamo che una guerra anche quando sembra finita in realtà non è finita perché la stessa ha fatto cadere almeno un seme che con il passare degli anni diverrà nuova pianta pronta a germogliare in piccole scaramucce che diverranno terrorismo e poi guerra.

Fermiamo tutto ciò, fermiamoci finche siamo in tempo .

Claudio Mantovani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *