Ricordiamo la ” Giornata della Vita” e la “Giornata dello Shoah”

Giornata della Vita e Giornata dello Shoah, due ricorrenze importanti nella stessa settimana

Agli inizi del XV Secolo, partendo da Firenze, in una Italia rinascimentale si diffuse nel mondo ma in particolare nell’Europa contemporanea l’ Umanesimo cioè quel movimento ove la letteratura metteva l’ Uomo ed il suo mondo al centro di un pensiero culturale ed ideologico. Parliamo quindi della “ humanae litterale”.

Oggi dobbiamo chiederci ma persiste ancora questa attenzione nei confronti dell’ Uomo ? Sono bastati pochi secoli per seppellire la Dignità dell’ Uomo ? Dal movimento del XV Secolo quante volte è stata calpestata ed ignorata la Dignità dell’ Uomo. E’ stata calpestata nei modi più terribili e sconcertanti . Solo osservando la Prima Guerra Mondiale viene da chiedersi del suo perché ed ancora a chi fece comodo. Sembrerebbe proprio che la nostra Italia di allora avrebbe potuto evitarla visto che l’Austria era pronta a lasciarci quei territori che mancavano per completare l’Unità d’Italia.

Certo, per completare, perché per Noi la Prima Guerra Mondiale fu la Quarta Guerra d’Indipendenza. Quante Famiglie furono distrutte nelle Battaglie dei due fronti in cui l’Italia si trovò per propria volontà impegnata. Per propria volontà perché fu l’Italia di allora a dichiarare Guerra all’ Impero Austro-Ungarico.

I Nostri soldati si batterono come Leoni in ogni momento di quel 1915-1918 ma a questi Uomini fu salvaguardata la Dignità ? alle loro Famiglie fu permesso di avere, pur nella grande sofferenza, salvaguardata la Dignità ? Sappiamo come la Prima Guerra Mondiale mise in ginocchio l’economia dell’intera Europa di allora tranne ovviamente per quei pochi a cui questa Guerra portò grandi proventi.

Certo ogni Guerra porta dolori e sacrifici immensi per le popolazioni mentre a pochi, pochissimi porta immensi guadagni. Una riflessione : proviamo ad immaginarci che cosa sarebbe avvenuto se non fossimo entrati in quella Guerra.

Forse non saremmo stati colpiti dalla grande depressione che portò al nascere di quel folle movimento chiamato in Italia “Fascismo” ed in Germania “Nazismo”. Fascismo e Nazismo colpirono profondamente la Dignità dell’Uomo basti pensare a ciò che dovettero subire i Nostri Fratelli di religione Ebraica la : Shoah.

Pochi giorni or sono ed esattamente il 27 Gennaio è stata la giornata della Memoria proprio in ricordo della Shoah. Lo sterminio di circa sei milioni di Esseri Umani di Ebrei nei centri di sterminio non trova nella storia altre realtà a cui possa essere paragonato.

L’ Olocausto quindi iniziato nei confronti degli Ebrei sarebbe stato probabilmente esteso a tutte le persone appartenenti a gruppi etnici e religiosi ritenuti “indesiderabili” dalla dottrina nazista, Il Nazismo nel Generalplan Ost sembra prevedesse, dopo gli Ebrei, lo sterminio delle popolazioni delle regioni orientali europee occupate, ritenute “inferiori” ed avrebbe incluso i prigionieri di guerra sovietici, gli oppositori politici, nazioni e gruppi etnici quali Rom, Sinti, Jenisch, gruppi religiosi come testimoni di Geova e pentecostali, omosessuali, malati di mente e portatori di handicap .
Nel mondo e nella cultura Greca antica e quindi nel greco antico e successivamente in latino il termine Holocaustum indicava un particolare sacrificio di carattere religioso in cui il corpo della vittima animale, dopo l’uccisione, veniva bruciato completamente così che nessuna parte poteva essere commestibile e quindi consumata.

Il Nazismo ed il Nazi-Fascismo furono quindi responsabili della follia che pervase l’Europa negli scorsi anni e che aveva come centro l’annientamento della Dignità dell’Uomo e su questo filone vediamo l’esistere, ai tempi, dei Gulag russi che erano divisi in categorie : i Gulag chiamati šaraška ( luogo d’ozio) nella realtà venivano portati gli scienziati arrestati che dovevano prestare il loro sapere nei laboratori di ricerca con l’obbligo di sviluppare in segreto nuove tecnologie e ricerche di base.
Psichuška (manicomio), dove con trattamenti “medici” forzati venivano isolati ed esauriti psichicamente e psichiatricamente i prigionieri politici utilizzando una forma di imprigionamento psichiatrico ove la Dignità veniva annientata.
Gulag (maloletki, minorenni) e cioè campi di lavoro o aree “speciali” per i fanciulli minorenni ed i Gulag (a Spassk) dove venivano imprigionati i disabili ed ancora i Gulag (mamki) dove erano tenute in prigionia le madri con neonati .Persone, queste, che erano considerate improduttive e quindi potevano subire abusi.

Gulag per le “mogli di traditori della Patria” esisteva una categoria particolare di repressione quella riservata ai “Membri familiari dei traditori della Patria” . Gli zek.

Furono usati a migliaia per estrarre minerale di uranio, per preparare attrezzature per i test nucleari. Vanno ricordati i test nelle aree di Novaja Zemlja, nell’isola di Vajgac, a Semipalatinsk dove avvenne il primo esperimento nucleare del 1949 e vi sono documentazioni circa l’utilizzo dei prigionieri dei Gulag.

Nel 1982 Avraham Shifrin pubblicò “The First Guidebook to Prisons and Concen-tration Camps of the Soviet Union “ in particolare scrive di 43 campi dell’Unione Sovietica ove I prigionieri furono obbligati al lavoro “in condizioni pericolose e insane responsabili di una morte certa”. L’autore classifica i campi di lavoro o Gulag in tre tipi di campi: 1) campi dai quali nessuno uscì vivo (miniere di uranio e impianti di arricchimento); 2) campi di lavoro pericoloso per l’industria bellica (impianti nucleari ad alto rischio); 3) campi di lavoro pericoloso, responsabile di disabilità e malattie fatali (impianti senza ventilazione).

Casi e situazioni eclatanti che lacerano il pensiero ed i cuori ma è un continuare nella soppressione della Dignità dell’Uomo ed ovviamente della Donna. I recenti fatti, in Africa, di Boko Haram l’organizzazione terroristica jihadista diffusa nel nord della Nigeria e non solo. La fuga sui vecchi barconi dall’Africa per raggiungere l’Italia e cioè l’Europa , e che dire delle ( “ Baby Factory” ? cosa sono ? finti orfanotrofi dove ragazzine tra i 14 ed i 19 anni , tenute in semi schiavitù portano avanti gravidanze, non cercate e non volute, su commissione ed il nascituro diverrà proprietà di qualcun altro) .

Altre situazioni di privazione della Dignità dell’ Uomo potrebbero essere prese in esame e sicuramente si andrebbe ad instaurare una disputa di pensiero però prendiamo in esame un fatto concreto : gli Aborti e le leggi che li regolano . Esistono Leggi che regolano la soppressione della Vita è inconcepibile, apparentemente, ma è così. Qualcuno ha deciso che un embrione maturo non è una Vita. Qualcuno ha deciso che quell’embrione può essere soppresso purché l’eliminazione avvenga entro un determinato periodo. E’ un modo per salvaguardare la Dignità ? No di certo perché uccidendo non salviamo nulla. Negli anni scorsi “ Seconda Guerra Mondiale” ma possiamo ipotizzare anche nella “Prima Guerra Mondiale” così come in ogni efferata Guerra vi sono state Donne violentate e come conseguenza …la gravidanza eppure si son ben guardate dall’uccidere l’embrione.

Sentivano crescere in loro una Vita nuova, una Vita in mezzo a tanto dolore che era un grande segnale di rinascita dell’Uomo e della Sua Dignità .Forse potremmo rientrare e rinnovare un processo culturale ed ideologico chiamato Umanesimo. Magari lo possiamo chiamare Nuovo Umanesimo ; ma come ? Aiutando queste Mamme a non essere disperate , aiutandole a portare con determinazione e forza il loro Grembo con la certezza di non essere sole ed abbandonate. Un ultima riflessione : essere Madri o Padri non significa necessariamente essere coloro dai cui semi è nata una Vita ma si potrebbe essere Madri e Padri veri e concreti anche solo aiutando concretamente coloro che sono meno fortunati di Noi. Vi sono molti modi di essere Genitore .

Si possono adottare i Bambini, si possono adottare a distanza, si può “adottare” una Mamma o per chi è molto fortunato economicamente adottare una Famiglia in difficoltà. Aiutiamo per essere noi stessi Aiutati.

 

Claudio Mantovani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *