Politecnico Milano: tra le prime 150 università al mondo!

Prima volta tra le migliori 150 università al mondo secondo la prestigiosa classifica QS World University Rankings 2020


Il Politecnico di Milano si classifica per la prima volta tra le prime 150 Università al mondo secondo la prestigiosa classifica QS World University Rankings 2020. Piazzandoci al 149° posto (7 posizioni in più rispetto allo scorso anno), ci confermiamo per il quinto anno consecutivo anche prima Università italiana, ottenendo in assoluto il nostro risultato migliore.

Un traguardo storico che è stato possibile raggiungere grazie alla sfida internazionale che da anni stiamo affrontando. Una scalata che il Politecnico di Milano compie quest’anno in particolare grazie all’apprezzamento della comunità accademica internazionale e alla reputazione aziendale.

Il Politecnico di Milano non rallenta la sua corsa e continua a migliorare in reputazione e credibilità. È questo un traguardo importante raggiunto grazie all’impegno e al duro lavoro dei nostri ricercatori e del nostro personale; grazie alla continua collaborazione con le imprese e al costante supporto degli Alumni

Secondo l’indicatore specifico dell’Academic Reputation, infatti, abbiamo ottenuto un punteggio di 60,4, classificandoci al 119° posto nel mondo, due posizioni in più rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda l’Employer Reputation, abbiamo ottenuto 84,3 punti, classificandoci al 61° posto al mondo e confermando la qualità dei laureati come nostro punto di forza.

Risultato eccezionale quest’anno anche per l’impatto della ricerca: secondo il cruciale indicatore Citation per Faculty, che misura le citazioni nelle pubblicazioni scientifiche indicizzate dalla banca dati bibliometrica Scopus/Elsevier rispetto al numero di docenti e ricercatori, siamo migliorati di 26 posizioni, passando dal 190° posto della precedente edizione al 164° posto attuale.

Buone anche la proporzione di docenti internazionali (parametro International Faculty), per cui ci posizioniamo al 364° posto, e la proporzione di studenti internazionali (parametro International Students), per cui ci situiamo al 269° posto, guadagnando ben 51 posizioni rispetto lo scorso anno.

Un passo in avanti per la città di Milano e per il territorio lombardo, ma di cui non ci accontentiamo. Siamo consapevoli che i prossimi risultati dipenderanno dalla nostra capacità di attrarre docenti qualificati dall’estero e dalla volontà del Paese di mettere in atto politiche universitarie adeguate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *