Pallavolo: Powervolley, sconfitta in Coppa a Modena, vince bene a Castellana

Coppa Italia, Milano regala la vittoria a Modena: 3-1 il finale al PalaPanini

Azimut Leo Shoes Modena – Revivre Axopower Milano: 3-1
Parziali: 28-30, 25-22, 25-22, 25-20


La formazione di Giani conduce fino ai punti finali, dove subisce il ritorno dei padroni di casa che vanno a Bologna per la Final Four

MODENA – Tanta rammarico ed amarezza nella Revivre Axopower Milano che, nei quarti di finale di Coppa Italia, cade a Modena 3-1 al netto di una partita ricca di emozioni e di occasioni sprecate dai ragazzi di Andrea Giani. 28-30, 25-22, 25-22 e 25-20 i parziali finali che non rendono pienamente giustizia della prestazione che Matteo Piano e compagni hanno offerto durante il corso dei set, non trovando la forza per chiudere quei parziali condotti fino al punto numero 20. Milano si morde le mani e si lecca le ferite, consapevole della capacità dei propri mezzi ma altrettanto certa che il proprio percorso la rende un avversario temibile.

È stata partita vera al PalaPanini di Modena, con la compagine milanese capace di fare suo subito il primo parziale, vinto ai vantaggi con la Revivre Axopower Milano granitica a muro (8 block nel primo parziale, di cui 5 di Piano). I ragazzi di Giani assorbono bene il ritorno di Modena (3 ace consecutivi di Bednorz, da 20-23 a 23-23), trovando poi il servizio vincente finale di Maar. Milano fa paura, il PalaPanini se ne accorge e trema sul 7-12 del secondo set, dove però la Powervolley stacca la spina e subisce il clamoroso ritorno dei padroni di casa che ribaltano fino al 14-12. Un colpo che, alla lunga, andrà ad incidere sulle sorti del match, visto che il terzo ed il quarto set vivranno sulla medesima costante: la Revivre Axopower sempre avanti fino al 20, salvo poi subire il ritorno decisivo di Modena. È la storia del terzo set: Kozamernik trova il muro del 17-19, ma è Bednorz, poi MVP del match con 23 punti totali, a chiudere 25-22. Il rammarico però più grande è sul quarto ed ultimo set, dove la Revivre Axopower si porta sul 16-20, ma è ancora Modena, trascinata poi dal PalaPanini, a gioire per il 25-0 che chiude set e match.

Milano torna a casa, così, con la delusione della sconfitta, consapevole dell’occasione sprecata. Non bastano ai lombardi i 14 muri finali e i 17 punti totali di Nimir e Maar. Bisognerà ripartire, subito, con la voglia di continuare la crescita della squadra che dovrà, gioco-forza, aumentare le proprie consapevolezze soprattutto quando ‘il pallone scotta’. «Abbiamo avuto una grande occasione – commenta Andrea Giani a fine gara –, soprattutto perché abbiamo condotto il match in molte situazioni di gioco. Il rammarico è naturale, perché abbiamo comunque espresso una buona pallavolo, ma è normale che insieme ai ragazzi dobbiamo capire cosa non è andato, perché i punti più importanti sono sempre quelli finali, sui quali siamo mancati tecnicamente e mentalmente».

Primo set:

Primo break Milano con il mani out di Clevenot per il 2-4. Subito pareggio dei padroni di casa con il muro di Bednorz su Nimir. Errore di Holt in primo tempo per il nuovo +2 Milano (4-6), ma Modena impatta di nuovo sul 9-9 con la pipe di Bednorz. Muro vincente per Matteo Piano (11-12), con il break di Clevenot per il 12-14. Nuovo pareggio dei padroni di casa sul 17-17, ma è ace di Nimir per il 17-19, con Velasco a spendere il suo time out. Milano allunga 18-21, Holt non passa su Piano (19-22), Kozamernik mura Zaytsev per il 20-23. Modena effettua il sorpasso sfruttando 3 ace consecutivi di Bednorz (24-23). Nuovo break Milano con il mani out di Maar (24-25), ma è di nuovo controsorpasso per il 28-27. Piano stampa un nuovo muro su Zaytsev, ma alla fine è Maar con un ace a chiudere il set 28-30.

Secondo set:

Milano parte di nuovo forte e si porta con Clevenot sul +3 (1-4). Out il primo tempo di Anzani per il 5-8 della Powervolley, ma è ancora Piano a murare Bednorz (7-12). Milano si ferma, Modena passa da 7-12 a 14-12, sfruttando il turno a servizio di Zaytsev. Basic, entrato per Maar, trova il 14-14 in diagonale, ma Urnaut trova il pertugio per una grande parallela (16-14). Modena mette la freccia con il muro di Holt su Piano (18-14), Maar prova con un ace ad accorciare (18-16), ma è di nuovo +4 Modena con Anzani (20-16). Doppio muro per Kozamernik (21-19), con grande punto in palleggio per Clevenot (22-20). Kozamernik sbaglia il servizio e consegna 3 set point ai padroni di casa (24-21), con Bednorz a chiudere 25-22.

Terzo set:

È Modena questa volta a partire meglio (4-1). Zaytsev out per il 6-4, con Maar a trovare la pipe del -1. Nimir impatta sul 6-6, con il sorpasso che porta la firma di Clevenot (8-9). Lo stesso francese trova un doppio grande ace per il +3 (8-11), seguito dal servizio bomba di Nimir (10-14). Modena torna sul -1 (14-15), fino al pareggio con l’ace del 16-16 di Christenson. Contro risposta Milano con l’ace di Sbertoli ed il muro di Kozamernik (17-19), ma l’errore di Basic ed il muro di Bednorz su Clevenot vale il 20-19. Errore di Sbertoli in palleggio che consegna 3 set ball a Modena (24-21), ma è il servizio a rete di Nimir che chiude il parziale 25-22.

Quarto set:

Milano prova l’allungo sull’1-5, con il muro di Komarnik su Zaytsev (4-9). Mazzone prova ad accorciare con l’ace del 7-11, ma Milano risponde con la pipe di Maar per il 9-15. Modena attacca con Pinali per il 14-17, ma Milano è ancora avanti sul 16-20 con proteste Modena per un videocheck che evidenzia l’invasione dei padroni di casa. Maar attacca out e Urnaut impatta sul 20-20, mentre Basic subisce il muro del 20-21. Holt mura Piano per il 23-20, poi Bednorz chiude i conti 25-20.

Azimut Leo Shoes Modena: Bednorz 23, Rossini (L), Pinali 2, Zaytsev 12, Urnaut 18, Holt 7, Anzani 4, Mazzone 3, Christenson 4.  N.e.: Benvenuti (L), Pierotti, Kaliberda, Van Der Ent, Keemink. All. Velasco.

Revivre Axopower Milano
: Basic 1, Kozamernik 10, Izzo, Sbertoli 1, Maar 16, Hirsch 1, Bossi, Piano 10, Clevenot 13, Pesaresi (L). Ne: Hoffer (L), Gironi. All. Giani

NOTE

AZIMUT LEO SHOES MODENA: 8 muri, 9 ace, 17 errori in battuta, 51% in attacco, 51% (37% perfette) in ricezione.

REVIVRE AXOPOWER MILANO: 14 muri, 8 ace, 17 errori in battuta, 42% in attacco, 26% (19% perfette) in ricezione.

                                                                                     ——————————

Milano infila la quinta: vittoria sudata 3-2 contro Castellana Grotte
Vittoria in 5 set per Piano e compagni che trovano il successo per la quinta gioia consecutiva.

BCC Castellana Grotte – Revivre Axopower Milano: 2-3
Parziali: 25-27, 25-21, 22-25, 26-24, 13-15

Partita dura e complicata per la Revivre Axopower Milano che, nel PalaFlorio di Bari, trova la quinta vittoria consecutiva nel girone di ritorno e conquista altri due punti in classifica. 3-2 il risultato finale (25-27, 25-21, 22-25, 26-24, 13-15), con i ragazzi di Andrea Giani che hanno trovato nella metà campo avversario una squadra ostica e compatta. In terra pugliese però a gioire alla fine è Milano che, trascinati da Clevenot e Maar, piazza l’acuto finale per il successo.

Doveva essere la prova del nove per la Powervolley e la vittoria sudata nell’impianto pugliese comunque lo rappresenta. Non la migliore prestazione tecnica della squadra di Giani, forse ancora sull’onda dell’entusiasmo della grande prova del Mediolanum Forum, ma comunque la compagine lombarda ha saputo trovare la forza per rimanere sempre attaccata al match, subendo in alcuni frangenti il ritorno e la voglia dei padroni di casa, che hanno trovato nell’opposto Zanatti Buatti il loro miglior scorer 28 punti totali che non sono bastati a trovare la prima vittoria stagionale. La Revivre Axopower si è affidata a Clevenot, ancora una volta MVP del match (59% in attacco) e Maar, rispettivamente 25 e 23 punti, per conquistare la quinta gioia consecutiva nel girone di ritorno. È stata partita vera al PalaFlorio, dove Castellana Grotte non ha regalato nulla e Milano, tirando fuori gli artigli, ha legittimato alla fine il successo.

«Non è stata la nostra miglior prestazione – commenta il francese Clevenot – , ma sapevamo che questo era un campo difficile. In casa giocano molto bene, ma siamo contenti di uscire da qui con due punti per come si era messa la partita. Adesso abbiamo otto giorni per preparare l’appuntamento del 24 gennaio nei quarti di Coppa Italia».

LA PARTITA

Primo set:

Break Milano in partenza con l’ace di Nimir per il 2-4. Castellana impatta sul pareggio (6-6) sulla ricezione slash di Maar, ma è il muro di Kozamernik e l’attacco out di Castellana a riportare sul +3 Milano (6-9). Falaschi mura Nimir per l’11-12, fino al pareggio sul 13-13. Parità che tiene fino al 17-17, quando Nimir piazza il mani out del 17-19. Trevor trova l’azione vincente del 19-21, ma è ancora parità con i pugliesi che trovano il 22-22, fino al sorpasso con il muro di Zanatta Buiatti su Nimir (24-23). Controsorpasso Milano con il muro punto di Nimir (24-25), chiusa dallo smash di Piano sul servizio potente di Nimir (25-27).

Secondo set:

Braccio caldo in partenza per Clevenot per il 4-5, con l’ottima giocata di Sbertoli ad una mano ad offrire il primo tempo del 6-7 a Kozamernik. Allungo Milano con Maar e time out Di Pinto (8-10). I pugliesi trovano il 12-12 con time out infuocato di Giani, poi è Basic, entrato per Maar, a trovare la diagonale del 16-17. Invasione Sbertoli e nuovo vantaggio Castellana (21-20), che trova il +2 con il muro di Zingel (23-21). Basic attacca out (24-21) con il set che finisce 25-21 in favore dei padroni di casa con la diagonale di Zanatta Buiatti.

Terzo set:

Doppio punto Nimir per il 3-3, con il muro di Sbertoli per il +2 (4-6). Ace fortunoso di Piano (4-7) con allungo poderoso firmato Nimir in diagonale strettissima (5-9). Castellana rosicchia punti a Milano e impatta sul 12-12, sfruttando il turno a servizio di Zanatta Buiatti. Le due squadre giocano punto a punto, ma è Maar a sfondare da seconda linea per la pipe del 16-18. Ancora Sbertoli a forzare al servizio per lo smash di Clevenot e l’attacco out in primo tempo dei pugliesi (16-20). Piano tiene a distanza Castellana (20-23), Maar piazza il mani out del 21-24 ma è Clevenot a chiudere il set 22-25.

Quarto set:

2-0 in partenza per Castellana, ma è di Nimir l’ace del 3-3. Punto a punto tra Milano e pugliesi, con Kozamernik a provare a dare la scossa ai suoi con il primo tempo, seguito dalla doppia azione vincente di Maar (7-9). Ace di pura tecnica per Clevenot (7-10), ma i padroni di casa non mollano e si rifanno sotto (9-10). Mirza guida i suoi al sorpasso (13-12), ma Clevenot non ci sta e chiude per il 15-16. Nuovo controsorpasso pugliese, che trova il +2 con il brasiliano Zanatta Buiatti (19-17). Ancora Zanatta Buiatti ad allungare (22-18), ma Piano stoppa Mirza a muro (22-20) Ace di Nimir per il 22-21, con Clevenot ad impattare sul 23-23, ma è Castellana a chiudere 26-24.

Quinto set:

Ace di Maar per il 2-4 Milano, ma è pareggio Castellana sul 5-5 con il muro su Hirsch. Break Milano con l’errore di Wlodarczyk (5-7), cui segue il punto di Hirsch (5-8). La Revivre Axopower allunga sul +5 con il doppio errore dei pugliesi (5-10), ma Maar attacca out (9-12). Battuta out di Zanatta Buaitti (10-13), cui segue l’ace di Hirsch (10-14). Muro Falaschi su Nimir per il 13-14, ma alla fine la chiude Nimir 13-15.

TABELLINO

BCC Castellana Grotte – Revivre Axopower Milano: 2-3

Parziali: 25-27, 25-21, 22-25, 26-24, 13-15

BCC Castellana Grotte: Zingel 9, Falaschi 2, Scopelliti 3, De Togni, Mirzajampourmouziraj 24, Zanatta Buiatti 28, Wlodarczyk 13, Cavaccini (L), N.e.: Kruzhkov, Agrusti, Studzinski, Quartarone, Pace (L). All. Di Pinto.

Revivre Axopower Milano: Nimir 17, Basic 3, Kozamernik 11, Izzo, Sbertoli 1, Maar 23, Hirsch 5, Piano 11, Clevenot 25, Pesaresi (L). Ne: Hoffer (L), Gironi. All. Giani

NOTE

BCC CASTELLANA GROTTE: 13 muri, 2 ace, 9 errori in battuta, 48% in attacco, 41% (20% perfette) in ricezione.

REVIVRE AXOPOWER MILANO: 9 muri, 7 ace, 17 errori in battuta, 52% in attacco, 45% (30% perfette) in ricezione.

Paolo Tardio
Head of Communication

Powervolley Revivre Milano 2.0 ssdrl 
3492375428 | uff.stampa@powervolleymilano.it
3895816173 | p.tardio@powervolleymilano.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *