Pallavolo: Powervolley Milano, oltre lo sport con il progetto “Volley4all”, in Superlega molto bene a Perugia, cade in casa con Civitanova

Volley4all, all’Allianz Cloud la pallavolo vince fuori dal campo
Il progetto, promosso da Allianz Powervolley e Fondazione Allianz UMANA MENTE, ha messo al centro la disabilità nello sport.

MILANO – Quando lo sport va oltre il risultato finale la vittoria assume contorni e dettagli nuovi e diversi. È quello che è accaduto ieri all’Allianz Cloud in occasione della prima partita casalinga dell’Allianz Powervolley Milano, coincisa con il lancio ufficiale del progetto volley4alll, la pallavolo per tutti, promosso e sviluppato dalla società meneghina in collaborazione con la Fondazione Allianz UMANA MENTE.

Il tema centrale della giornata è stata la disabilità nel mondo dello sport ed i protagonisti del pre gara della sfida Milano – Civitanova sono stati gli atleti di Special Olympics Italia, la più grande associazione sportiva al mondo per persone con disabilità intellettiva, che si sono affrontati sul campo dell’arena centrale. «volley4all è un progetto che nasce con l’intenzione di diffondere sempre più, attraverso il volley milanese, una cultura di sport inclusivo, che valorizzi le differenze ha dichiarato Maurizio Devescovi, Direttore Generale di Allianz S.p.A. e Presidente della Fondazione Allianz UMANA MENTE –. Ogni partita giocata in casa all’Allianz Cloud sarà pertanto un’occasione di solidarietà, oltre che di sport. Su questo progetto stiamo investendo, convinti che questa iniziativa possa favorire la sensibilizzazione su questi temi, la socializzazione e lo spirito di squadra».

Nel cammino che attende così l’Allianz Powervolley nel campionato, ogni gara sarà preceduta da eventi che educhino allo sport ed al tifo sano con l’obiettivo di favorire la sensibilizzazione su temi sociali. Dello stesso avviso il Presidente di Powervolley Milano Lucio Fusaro: «Come società vogliamo andare oltre l’aspetto sportivo: abbiamo condiviso il progetto con la Fondazione Allianz UMANA MENTE ed il nostro desiderio è restituire alla città di Milano dei valori da condividere con la comunità attraverso la metafora dello sport». Un lancio che ha colorato l’esordio casalingo dell’Allianz Powervolley nel nuovissimo Allianz Cloud con l’ingresso in campo delle squadre e degli arbitri ufficiali di gara accompagnati da rappresentati di Special Olympics Italia e della Polisportiva Milanese 1979 Sport Disabili ONLUS, associazione nata per promuovere lo sport per le persone con disabilità in varie discipline sportive. Le due realtà sono diventate così ambasciatrici di volley4all, al pari dell’atleta paraolimpico Simone Barlaam, sette volte campione del mondo e quattro volte campione europeo e primatista mondiale dei 50 e 100 stile libero e nei 100 dorso categoria S9, premiato alla fine del primo set da Maurizio Devescovi, Lucio Fusaro e dall’Assessore al turismo, sport e qualità della vita del Comune di Milano Roberta Guaineri.

Una giornata unica nel suo genere, per dare senso ad un percorso che vuole trasmettere valori dentro e fuori dal campo, esaltando la natura di volley4all. Una vera festa per la città di Milano, andata oltre il risultato sportivo che ha visto la vittoria di Civitanova su Powervolley, ma che ha regalato emozioni ai partecipanti e agli spettatori che hanno applaudito gli speciali protagonisti in campo.

(Photo Alessandro Pizzi)

                                                      ————————–

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: 0-3 (22-25, 27-29, 21-25)

Perugia si sgonfia sui colpi dell’Allianz Powervolley Milano: è 3-0!
La squadra di Piazza si impone in tre set: prova di gruppo e vittoria dedicata a Piano

PERUGIA – L’Allianz Powervolley Milano sbanca il PalaBarton di Perugia: è questo il verdetto chiaro e secco dell’anticipo della quarta giornata del campionato di Superlega. Un 3-0 che non lascia discussioni e lancia la squadra di coach Piazza nuovamente in alto in classifica a punteggio pieno. 25-19, 25-21, 25-22 i parziali con cui i meneghini si sono imposti sugli avversari, dimostrando tutto il carattere che appartiene all’allenatore e al gruppo.

Era una sfida di altissimo livello contro uno degli avversari più forti del campionato: il catino del PalaBarton, da sempre punto di forza degli umbri, si è dovuto totalmente inchinare alla superiorità di Milano, che non ha sbagliato un colpo ed ha attaccato con lucidità, determinazione e carattere. Altra grandissima prestazione per Nimir Abdel Azizi, che si dimostra cecchino infallibile sotto rete e porta a casa un nuovo premio da MVP: 26 punti con il 68% di attacco. Apporto straordinario di Nemanja Petric, campione senza tempo che trascina con il suo carisma i suoi compagni in quei pochi momenti di difficoltà che la squadra avverte durante il match. E poi Pesaresi, uomo silenzioso ma onnipresente in seconda linea. Senza dimenticare l’apporto di Kozamernik, Alletti e la classe sempre più evidente di Sbertoli. Un collettivo che esalta lo spirito di gruppo, che non può prescindere dal capitano Matteo Piano che, nonostante il lungo infortunio che lo terrà lontano dai campi per molto, è seduto in panchina vicino ai suoi compagni. La forza dell’Allianz Powervolley è racchiusa non tanto nei primi due set in cui Nimir e compagni non sbagliano un colpo, ma quanto nel recupero del terzo set. Sotto 6-1 sotto i colpi di Leon dai 9 metri, la squadra non si è mai disunita, recuperando punto su punto e trovando la gioia finale sull’attacco out di Lanza.

Powervolley trova così il primo successo a Perugia contro la Sir e fa il miglior regalo di compleanno al suo capitano. I 29 anni di Matteo Piano vengono festeggiati nel migliore dei modi ed è proprio il centrale di Asti a commentare la partita a fine gara, visibilmente emozionato: «E’ stato veramente bello: sono un tipo sorridente ma stare lontano dal campo non è facile. I ragazzi sono stati straordinari, anche se io il giorno del mio compleanno non ho mai perso. Ci credevamo perché eravamo consapevoli dei nostri mezzi: abbiamo pensato più a noi che agli avversari». Una carica condivisa con tutto il team che ora può preparare nel miglior dei modi l’esordio all’Allianz Cloud di Milano contro Civitanova di domenica 27 ottobre.

 

Cronaca

Primo set:

Primo break in favore di Perugia, che sfrutta l’attacco out di Petric (4-2). Milano impatta sul 5 pari con il colpo di Petric, dopo l’ottima difesa di Clevenot. Lo stesso francese a colpire con classe una diagonale interna che vale il 7-7. Smash di Kozamernik con nuova parità 10-10. Muro vincente per Milano con Sbertoli su Plotnytskyi con Heynen a chiamare time out (12-13). Milano allunga e si porta sul 13-17 con il mani out di Nimir, il colpo vincente di Clevenot ed il primo tempo di Alletti. + 5 Milano con Nimir che trova la diagonale del 15-20: è ancora l’olandese a colpire per il 17-22. Sbertoli ad una mano per il primo tempo di Alletti (18-24), con il servizio a rete di De Cecco che segna il 19-25.

 

Secondo set:

Subito Milano: la difesa di Sbertoli consente a Nimir il contrattacco dello 0-2. Parallela monstre di Nimir (2-4), con il tocco di prima intenzione di Sbertoli a risolvere la situazione dopo uno scambio combattuto (4-6). L’ace di Petric e l’errore in attacco di Leon portano Milano di andare sul +4 (4-8), con Perugia che recupera un punto con il contrattacco di Atanasijevic (10-13). Inarrestabile Nimir, che trova il suo 15° punto personale per il 12-15, ma i padroni di casa trovano il pari con Leon per il 15-15. Pipe di Petric per il 16-17, con il serbo a stampare il muro vincente su Atanasijevic per il 19-20. Break Powervolley con Nimir (19-21) e time out per Heynen, ma è Lanza a dare nuova parità a Perugia (21-21). Ace di Petric (21-23) e nuovo time out Perugia, con un nuovo ace di Petric fortuito (21-24). È il muro di Sbertoli a chiudere il secondo parziale 21-25.

Terzo set:

Perugia va subito sul 2-0, con Leon che spinge a servizio per il 5-1 e subito time out Piazza. Ancora i padroni di casa a spingere a servizio ed in attacco, ma Milano non molla e con Petric e Alletti prova a ricucire lo strappo (13-9). Il colpo di Leon si infrange sulla rete (14-12), con Alletti a muro e poi l’errore di Atanasijevic per il 15-15. Clevenot mette la freccia per il +1 (17-18), ma è Nimir a spingere per il 18-20. Controsorpasso Perugia con Leon e l’errore di Nimir (21-20), ma il muro di Kozamernik vale il 21-22. Nimir attacca il pallone del 22-23 e del 22-24, con l’attacco out di Perugia che segna il definitivo 3-0 (22-25).

TABELLINO

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: 0-3 (22-25, 27-29, 21-25)

Sir Safety Conad Perugia: Ricci 5, Hoogendoorn 1, De Cecco, Leon 16, Lanza 3, Atanasijevic 10, Plotnytskyi 1, Podrascanin 5, Tath, Zhukouski, Russo, Colaci (L), N.e.: Piccinelli, Benedicenti(L). All. Heynen.

Allianz Powervolley Milano: Alletti 6, Sbertoli 3, Clevenot 6, Kozamernik 5, Abdel-Aziz 26, Petric 11; Pesaresi (L). N.e. Basic, Izzo, Gironi, Piano, Weber. All. Piazza

 

NOTE

Durata set: 28′, 28′, 30′; Tot: 1h26′.

Sir Safety Conad Perugia: battute vincenti 3, battute sbagliate 12, muri 3, attacco 49%, 44% (23% perfette) in ricezione.

Allianz PowervolleyMilano: battute vincenti 3, battute sbagliate 13,  muri 6, attacco 65%, 37% (20% perfette) in ricezione.

Impianto: PalaBarton di Perugia

                                                        ———————

ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO – CUCINE LUBE CIVITANOVA: 0-3 (22-25, 15-25,20-25)

 

Milano cade nell’esordio all’Allianz Cloud: Civitanova vince 3-0
L’Allianz Powervolley , costretta a rinunciare anche ad Alletti, lotta nel primo parziale ma cede in tre set.

MILANO – L’esordio nel 75° campionato italiano di Superlega Credem Banca dell’Allianz Cloud vede la vittoria di Civitanova sull’Allianz Powervolley Milano: nella prima volta del rinnovato impianto della città di Milano la formazione di coach De Giorgi si impone 3-0 con i parziali 22-25, 15-25, 20-25. La squadra di casa deve arrendersi di fronte alla superiorità degli avversari, costretta a far fronte alle numerose assenze cui si aggiunta, a poche ore dal match, quella di Aimone Alletti.

Dopo due successi consecutivi, i ragazzi di coach Piazza hanno provato a gettare il cuore oltre l’ostacolo, cercando di essere più forti delle difficoltà dell’ultimo minuto. Dopo l’assenza prolungata di Matteo Piano, operato al legamento crociato del ginocchio, alla lista degli assenti si è aggiunto anche Aimone Alletti, l’altro ed unico centrale italiano nel roster. L’atleta, che in settimana svolgerà degli accertamenti clinico-strumentali di natura cardiologica, è rimasto ai box, costringendo di fatto Piazza a rivoluzionare la squadra e gettando nella mischia Fabrizio Gironi, rimodulando lo schema tattico. L’avvio del match è stato equilibrato, con Milano che ha saputo trovare soprattutto in Petric un giocatore importante che ha provato a caricarsi la squadra sulle spalle. Insieme a Nimir ha provato a mettere in difficoltà gli avversari, che dal canto loro hanno giocato con il rientrato D’Hulst dal Belgio al posto di Bruno in regia una gara di livello. I colpi di Juantorena, MVP del match con 4 ace e 17 punti finali, gli attacchi di Leal e Rychlicki ed i muri di Simon hanno lanciano gli ospiti che, dopo aver vinto il primo combattuto se, nel secondo game hanno preso il largo.

Si apre così per Milano una settimana di lavoro per cercare di analizzare la situazione in infermeria e capire quali saranno le strategie future, mentre a dire la sua a fine gara è Riccardo Sbertoli: «Sono deluso non tanto per la sconfitta, quanto per quello che non siamo riusciti a fare nel primo set. Avevamo delle difficoltà legate alle assenze dell’ultimo minuto, ma nonostante questo eravamo lì a giocarsi il parziale. Certamente vanno riconosciuti i meriti degli avversari che hanno dimostrato di essere più forti e di meritare la vittoria, ma noi siamo mancati in alcuni momenti importanti di gara.

L’Allianz Cloud? Per me è uno degli impianti più belli per giocare a pallavolo, anche se avremmo sperato in un risultato diverso per questo esordio casalingo».

Un esordio che Milano ha colorato con il lancio ufficiale del progetto volley4all, ideato in collaborazione con la Fondazione Allianz UMANA MENTE. Il pre gara, infatti, ha visto giocare sul taraflex dell’Allianz Cloud due squadre di Special Olympics Italia, mentre nel momento dell’ingresso in campo Milano, Civitanova e gli arbitri sono stati accompagnati da rappresentanti di Special Olympics e della Polisportiva Milanese 1979 Sport Disabili O.N.L.U.S., puntando l’attenzione sul tema della disabilità nello sport ed investendo del titolo di ambasciatori di volley4all le due realtà.

Cronaca

Primo set:

Avvio equilibrato, poi Civitanova sfrutta due errori di Milano e si porta sul 3-5. + 5 Lube sull’errore in attacco di Nimir dopo un ace fortunoso di Leal (5-10). Muro Lube su Nimir e vantaggio ospite che si fa ampio (6-13). Ace di Clevenot (8-13), con muro di Nimir su Osmany per il 10-13. Milano non molla e con Petric arriva al -1 (12-13), ma l’ace di D’Hulst e il colpo di Leal riportano la Lube avanti 13-17. La rincorsa meneghina non si ferma: l’errore della Lube vale il 16-18. Nuovo break Lube sull’errore di Clevenot e time out Piazza (16-20). Petric colpisce per il 20-22, ma è Rychlicki a trovare il mani out del 21-24 con 3 match ball Lube. Petric ne annulla una, ma lo stesso serbo sbaglia il servizio per il 22-25 finale.

 

Secondo set:

Milano mette davanti il muso con l’ace di Clevenot (8-7), ma la pipe di Juantorena lancia la Lube sul 9-11. Nimir attacca in diagonale per l’11-13, ma è il muro di Simon sull’olandese a portare gli ospiti sul +4 (12-16). Attacco out di Petric e massimo vantaggio Lube (13-18), con time out Piazza sul 14-20. Nimir non chiude l’attacco e Leal in pipe porta il parziale sul 14-22. Ace di Juantorena per il 15-24, con l’attacco di Nimir murato per il definitivo 15-25.

 

Terzo set:

Gran colpo di Nimir in partenza (2-0), ma lo stesso olandese subisce il muro del 3-4. Petric non passa su Simon (5-7) con Piazza a spendere il suo time out. Petric porta Milano sul -1 (9-10), ma la Lube riallunga con Juantorena (9-13). Ancora l’italo cubano a spingere dai 9 metri con 3 ace consecutivi (11-17). Smash di Petric per il 15-19, ma nuovamente il servizio di Civitanova con Leal porta il punteggio sul 15-21. Ace di Weber per il 19-23, ma la gara finisce 20-25 con il punto finale di

 

Allianz Powervolley Milano: Sbertoli 3, Clevenot 2, Kozamernik 3, Abdel-Aziz 13, Petric 14, Gironi 1, Weber 1, Basic Pesaresi (L). All. Piazza

Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende, Anzani 4, D’Hulst 1, Juantorena 17, Rychlicki 8, Leal 10, Ghafour 1, Simon 6, Balaso (L), N.E. Diamantini, Kovar, Marchisio (L), Massari,  Bieniek.. All. De Giorgi.

NOTE

Durata set: 29′, 21′, 29′; Tot: 1h 19′.

Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 3, battute sbagliate 20 muri 1, attacco 45%, 38% (16% perfette) in ricezione.

 

Cucine Lube Civitanova: battute vincenti 8, battute sbagliate 12, muri 8, attacco 53%, 36% (10% perfette) in ricezione.

Impianto: Allianz Cloud di Milano

 

Paolo Tardio
Head of Communication

Powervolley Revivre Milano 2.0 ssdrl 
3895816173 | p.tardio@powervolleymilano.it
3492375428 | uff.stampa@powervolleymilano.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *