Pallavolo: nomi nuovi in prima squadra per il Powervolley Revivre di Milano!

COMUNICATO STAMPA POWERVOLLEY REVIVRE MILANO

Luka Basic a Milano: ufficiale l’arrivo dello schiacciatore francese alla Revivre
Il classe ’95, insieme a Clevenot, Maar e Gironi, chiude il reparto degli schiacciatori a disposizione di Giani. Il tecnico: “Può diventare un giocatore di prima fascia”

Chiude il reparto degli schiacciatori la Revivre Axopower Milano: la società del presidente Fusaro è infatti lieta di ufficializzare l’arrivo in maglia biancoblu di Luka Basic, atleta francese classe 1995. Giocatore dotato di un fisico statutario, Milano si è assicurata un prospetto interessante che potrà crescere sotto gli occhi attenti del tecnico Andrea Giani.

201 centimetri di pura qualità, Luka Basic è figlio d’arte: il padre Veljko, attuale allenatore del Fenerbahce e della nazionale del Montenegro, ha giocato più di 200 volte con la maglia della Jugoslavia. La pallavolo nel sangue, anche grazie alla madre, pure lei giocatrice di volley: non poteva scegliere sport diverso Luka, che ha iniziato a giocare a pallavolo all’età di 6 anni, senza provare nessun’altra disciplina sportiva. «È stato tutto chiaro fin dall’inizio, ho nei miei geni la pallavolo e sono felice di aver scelto questo sport. I miei genitori sono nati in Bosnia-Erzegovina, ma io sono nato a Rennes, in Francia».

Ed è proprio in terra francese che il nuovo acquisto milanese muove i primi passi sul campo, crescendo nel centro di formazione francese CREPS di Montpellier, prima di fare il suo esordio con l’AS Cannes. Due anni nella regione Paca, dal 2014 al 2016, poi il passaggio per altre due stagioni al club Spacer’s Toulouse Volley, dove lo scorso anno, nella LNV, la lega nazionale francese, Basic ha chiuso con 256 punti, 28 muri e 15 ace in 22 partite giocate. Numeri importanti che dimostrano le qualità del francese: forte in attacco, braccio potente e concreto a muro. Ora la chiamata in Italia, con la maglia di Milano, dove, con Clevenot, Maar e Gironi, completa un reparto schiacciatori tutto nuovo per il tecnico Andrea Giani.

«Volevo giocare in Italia e quando ho ricevuto l’offerta della Revivre ho subito detto di sì perché sapevo che Milano è un club ben organizzato e serio con un grande progetto per il futuro e la prossima stagione. Sono davvero entusiasta e non vedo l’ora di iniziare!». Queste le prime parole del francese da neo giocatore di Milano. «Mi piace molto la squadra e credo che possiamo fare un ottimo percorso la prossima stagione. Giani? Lavorare con un tecnico così sarà molto interessante per me perché ho sentito solo cose positive su di lui. E lo ha dimostrato durante la sua carriera sia da giocatore sia da allenatore. Lui è una leggenda della pallavolo. Sono molto motivato per fare del mio meglio e dare il mio contributo per questo progetto e per questa società».

Non poteva mancare anche il commento del tecnico Giani: «Luka è un ragazzo giovane e molto interessante. Se riusciamo a lavorarci bene, potrà diventare un giocatore di prima fascia. È un attaccante sicuramente giovane, che può tornarci utile nel corso dei match di questa stagione che ci aspetta. Lui può mettere a disposizione della nostra squadra il grande potenziale che gli appartiene: sta a noi saperlo sfruttare e saperlo coltivare».

LA SCHEDA
Luka Basic
Nato a Rennes (FRA) il 29/01/1995
Ruolo: Schiacciatore
Altezza: 201 cm
Nazionalità: Francese

CARRIERA
2018/19 Powervolley Revivre Milano
2017/18 Spacer’s Toulouse Volley
2016/17 Spacer’s Toulouse Volley
2015/16 AS Cannes Volleyball
2014/15 AS Cannes Volleyball

                                                                            ————————-

Fabrizio Gironi promosso in prima squadra: sarà nel reparto schiacciatori della Powervolley Milano Il talento classe 2000, cresciuto con Segrate ed MVP dello scudetto Under18, conquista l’opportunità di giocare nella massima serie. Il ds Lini: «A Milano può dimostrare il suo enorme talento».

Fabrizio Gironi con il Presidente Lucio Fusaro

Fabrizio Gironi sarà un nuovo schiacciatore della Powervolley Milano: il giovanissimo atleta classe 2000, proveniente dal settore giovanile della società, ha conquistato sul campo la promozione in prima squadra. Dopo Clevenot e Maar, in attesa di completare il reparto dei martelli da mettere a disposizione del tecnico Andrea Giani, la società del presidente Lucio Fusaro ha deciso di scommettere sul giovane talento lombardo, che solo qualche giorno fa ha esultato per la vittoria dello scudetto Under 18 con la Revivre Segrate, aggiudicandosi anche il premio come MVP della manifestazione. 

Per Gironi è la prima grande opportunità della sua giovane e promettente carriera: il ragazzo, assistito da Paolo Buongiorno, ha da sempre dimostrato un enorme potenziale fin da quando ha iniziato a muovere i primi passi nel vivaio meneghino. La società, insieme allo staff di Segrate, ha sempre monitorato i miglioramenti di giovani atleti come Gironi e le sue ultime prestazioni, offerte alle finali nazionali giovanili under di categoria, hanno dato il definitivo responso sulle capacità atletiche dello schiacciatore lombardo. Cresciuto proprio con il Volley Segrate, in cui ha fatto tutta la trafila giovanile dall’Under 12, lo scorso anno Giorni ha giocato con la Serie B, l’Under 18 (vittoria tricolore) e l’Under 20 (bronzo nazionale) di Segrate. È inoltre nel giro della Nazionale Under 20 con cui, dopo aver partecipato ad un collegiale lo scorso aprile, il prossimo 18 giugno partirà per un nuovo collegiale in preparazione agli Europei Under 20 che si svolgeranno in Belgio dal 14 al 22 luglio, cercando di guadagnarsi la convocazione per la manifestazione. Ed ora lo aspetta la nuova avventura con la maglia della Revivre Axopower Milano.

Non può che esprimere assoluta soddisfazione il direttore sportivo meneghino Fabio Lini per questa scelta: Gironi in prima squadra testimonia l’ottimo lavoro che la società sta realizzando, puntando sul proprio vivaio. «Fabrizio lo conosco da quando aveva 12 anni – commenta il ds Lini –. Ha fatto tutto il percorso nelle giovanili al pari di altri giocatori che sono stati valorizzati in questi anni. Dopo aver vinto il tricolore Under 18, premiato anche come MVP, ed aver raggiunto il terzo posto nazionale con l’Under 20, la società ha ritenuto che fosse il momento giusto per portarlo in prima squadra perché ha talento per la categoria. Ora sta a lui confermare e dimostrare, ogni giorno ed in ogni allenamento, quel talento. Gironi rappresenta la punta di diamante di un movimento che possiede altri giovani con le stesse qualità, sulle quali Milano punta».

Solo qualche giorno fa erano arrivate le dichiarazioni del presidente Lucio Fusaro sull’attenzione che proprio Powervolley riserva per i talenti del proprio vivaio. Milano infatti punta sui giovani e lo dimostra con i fatti: Fabio Gironi è nel roster 2018-2019 della Powervolley Milano.

LA SCHEDA
Fabrizio Gironi
Nato a Vimercate (MB)  il 18/03/2000
Ruolo: Schiacciatore
Altezza: 200 cm
Nazionalità: Italiana

CARRIERA
2018/19 Powervolley Revivre Milano
2013-2018 Volley Segrate (Giov.)

Intervista a Fabrizio Gironi:

Gironi: «Mi ispiro a Ngapeth. Giani mi ha chiamato, sono veramente emozionato e determinato».
Le prime parole di Fabrizio Gironi, accolto dal presidente, dopo la promozione in prima squadra.
Fusaro: “Gironi in prima squadra conferma il nostro progetto”.

«Quando ho ricevuto la chiamata che sarei stato nel reparto schiacciatori della prima squadra, ho pensato all’inizio che fosse uno scherzo. Poi ho capito davvero cosa stava accadendo e devo dire che sono veramente emozionato e non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura». Sono queste le primissime parole di Fabrizio Gironi, schiacciatore classe 2000, che Milano ha scelto di inserire nel roster della prossima stagione, promuovendolo dal proprio settore giovanile.

Non nasconde la sua immensa contentezza e la sua infinita gioia per un traguardo che ogni ragazzo che ama la pallavolo vorrebbe raggiungere. Faccia pulita da diciottenne, ma spalle già larghe e sguardo determinato per Fabrizio Gironi, che lascia comunque trasparire un po’ di emozione nelle sue parole, vista la giovane età: «È una grandissima occasione che mi viene offerta, non avrei mai pensato di poter raggiungere la prima squadra. Sono contentissimo e felicissimo di questa opportunità e cercherò ovviamente di fare il massimo per ripagare la fiducia che mi è stata data. Mi sento pronto? Sicuramente non me lo aspettavo, sono consapevole di dover dare il massimo, anche perché adesso il livello si alza notevolmente. Ma sono conscio delle mie qualità».

Qualità che dovrà certamente affinare e che saranno coltivate anche dal suo nuovo allenatore, Andrea Giani, che non ha fatto mancare fin da subito il proprio supporto a Fabrizio, scambiando alcune parole al telefono: «Ho ricevuto la sua chiamata, è stato veramente gentile. Mi ha rassicurato molto con le sue parole. Sono assolutamente certo che con lui riuscirò a crescere molto: è un allenatore che mi ha seguito ed aiutato in quelle volte in cui mi sono allenato con la prima squadra lo scorso anno, sapendo essere anche duro e giusto». Una crescita che Gironi ha compiuto in questi anni con il settore giovanile di Milano, il Volley Segrate, cui va il suo assoluto ringraziamento, ma ora per Fabrizio inizia un nuovo percorso in cui l’asticella delle prestazioni e della qualità in campo aumenta notevolmente. Ci vorrà tanto coraggio, tanta passione e tanta determinazione, caratteristiche che il nuovo martello di Milano dimostra già di avere: «Il mio giocatore preferito è Ngapeth, anche se non ho le sue stesse caratteristiche fisiche, però ho sempre guardato con molta attenzione i suoi colpi. Lui è un giocatore completo in tutti i fondamentali e mi piacerebbe molto poter arrivare a diventare un giocatore simile. Io sono più un giocatore d’attacco, mentre dovrò imparare molto su ricezione e difesa».

Accanto a Gironi, il presidente Fusaro, fiero di poter accogliere in prima squadra un frutto del vivaio della pallavolo meneghina, conferma degli sforzi e dei sacrifici profusi in questi anni di attività sui campi di volley. «Gironi in prima squadra è il proseguimento di un progetto della nostra società – esordisce Fusaro – che vuole partire dai ragazzi, scommettendo su di loro, per poter arrivare ad avere un tessuto solido che può generare futuro per la squadra e per Milano. A questo giovane atleta voglio dire che la pallavolo è importante, ma che non deve mai dimenticare i valori veri della vita. Oggi però è per te un’occasione straordinaria per debuttare in Serie A, allenarsi con Andrea Giani ed altri grandi atleti, confrontarsi con grandissimi campioni. Questa è un’esperienza incredibile: cerca di approfittarne per riuscire ad imparare quanto più puoi .Benvenuto a Milano, Fabrizio!».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *