Blog

logo libertas brianza

Pallavolo: Libertas Cantù, A/2 una lotta per la salvezza all’ultimo punto! La serie C tra alti e bassi

Serie A/2

 

POOL LIBERTAS CANTU’ 1

SIECO SERVICE ORTONA 3

(20-25, 25-22, 14-25, 20-25)

POOL LIBERTAS CANTU’: Reggio 2, Poey 17, Cominetti 15, Maiocchi 4, Monguzzi 8, Frattini 5, Butti (L1), Regattieri, Gasparini, Mazza 1, Rudi (L2). NE: Suraci. All: Cominetti, 2° All: Redaelli (battute vincenti 2, battute sbagliate 20, muri 7).


SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 2, Marks 20, Bertoli 15, Ottaviani 9, Simoni 7, Sesto 7, Toscani (L1), Carelli, Astarita 2. N.E.: Salsi, Del Fra, Menicali, Pesare (L2). All: Lanci, 2° All: Costa (battute vincenti 4, battute sbagliate 15, muri 11).

Arbitri: Gianfranco Piperata (Bologna) e Simone Cavicchi (La Spezia)

Addetto al videocheck: Riccardo Canali

 

Le luci del sabato sera non sorridono al Pool Libertas Cantù, che in casa quest’anno non ha ancora vinto. Ne approfitta la Sieco Service Ortona, fresca di eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Sarca Italia Chef Centrale Brescia, e porta a casa i 3 punti che la confermano al secondo posto alle spalle della Emma Villas Aubay Siena.

Coach Luciano Cominetti butta subito nella mischia il nuovo acquisto Riccardo Reggio, con Raydel Poey opposto, Roberto Cominetti e Matteo Maiocchi schiacciatori, Dario Monguzzi e Alessandro Frattini centrali, e alterna Luca Butti come libero di ricezione con Gabriele Rudi come libero di difesa. Coach Nunzio Lanci recupera Christoph Marks per tutto il match, in diagonale con Matteo Pedron, con Matteo Bertoli e Giuseppe Ottaviani schiacciatori, Nicola Sesto e Michele Simoni centrali, e Alessandro Toscani libero.

Primo set con Ortona che scatta subito avanti 0-5. I canturini non riescono a reagire, e divario aumenta (3-10, 4-13). Poey suona la carica e il divario tra le squadre diminuisce, con Coach Lanci a chiamare time-out (10-15). Altro strappo esterno con Bertoli e Marks con Coach Cominetti a fermare il gioco (13-21). Al rientro in campo i canturini provano a rosicchiare qualche punto (16-21), ma è troppo tardi. Chiude un errore al servizio di Poey (20-25).

Nel secondo set è il Pool Libertas a lanciarsi avanti subito 0-6. I canturini provano a controllare il vantaggio respingendo gli attacchi della Sieco. Lentamente ma inesorabilmente, però, gli abruzzesi rientrano e pareggiano a quota 16, con Coach Cominetti a fermare il gioco. Al rientro in campo i canturini piazzano un parziale di 3-0 che sarà decisivo. Un’invasione del muro di Ortona ed è parità nel conto set (25-22).

Nel terzo set la Sieco Service strappa subito (3-5). Da lì il Pool Libertas non riuscirà più a recuperare e pareggiare i conti, aumentando sempre più la distanza con gli avversari. Chiude un attacco di uno scatenato Marks (14-25).

Partenza a razzo della Sieco Service nel quarto set (1-5). Sarà già lo strappo decisivo, con i canturini a rincorrere, riavvicinarsi (8-11), ma mai a pareggiare. Chiude set e match una veloce out di Mazza (20-25).

Queste le parole di Coach Luciano Cominetti a fine partita: “In questa partita volevamo dimostrare di poter fare bene davanti al nostro pubblico. Purtroppo non ce l’abbiamo fatta, anche perché non è facile fare subito risultato con un cambio in un ruolo cardine come quello del palleggiatore. Non possiamo, però, aspettare più di tanto: noi metteremo in campo tutto per permetterci di non lasciare niente al caso. Riccardo (Reggio, ndr) si è comportato bene nelle prime fasi, per poi calare leggermente nel finale. È con noi solo da una settimana, però ho visto dei buoni segnali che fanno ben sperare. Abbiamo ancora 8 partite da giocare: vincerle tutte sarà impossibile, ma dovremo cercare di fare di tutto per portare a casa più punti possibile per avvicinarci sempre più alla salvezza. Sarà un cammino durissimo, ma la speranza è l’ultima a morire”.

                                                                                   —————

BCC CASTELLANA GROTTE 3

POOL LIBERTAS CANTU’ 0

(25-18, 25-19, 25-19)

BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 1, Morelli 12, Vedovotto 12, Moreira 11, Presta 8, Cubito 7, De Santis (L1), Quartarone. N.E.: Del Vecchio, Cascio, Imbesi, Agrusti, De Togni, De Pandis (L2). All: Mastrangelo, 2° All: Barbone (battute vincenti 7, battute sbagliate 9, muri 3).

POOL LIBERTAS CANTU’: Reggio 1, Poey 5, Cominetti 10, Maiocchi 10, Monguzzi 8, Mazza 3, Butti (L1), Regattieri, Motzo 3, Rudi (L2). NE: Suraci, Gasparini, Frattini. All: Cominetti, 2° All: Redaelli (battute vincenti 2, battute sbagliate 11, muri 1).

Arbitri: Davide Morgillo (Napoli) e Pierpaolo Di Bari (Brindisi)

Addetto al videocheck: Antonio Colapietro

 

In questa stagione il PalaGrotte resta tabù per il Pool Libertas Cantù: la BCC Castellana Grotte si impone in 3 set contro i canturini. I ragazzi di Coach Luciano Cominetti riescono a restare appaiati nel punteggio ai pugliesi nella prima parte dei parziali, per poi soffrire la buona prova in battuta degli avversari che, con 7 ace totali, mette in difficoltà la ricezione canturina e agevola gli strappi decisivi in ogni set.

Coach Luciano Cominetti schiera Riccardo Reggio in regia, Raydel Poey opposto, Roberto Cominetti e Matteo Maiocchi schiacciatori, Dario Monguzzi e Federico Mazza centrali, e Luca Butti libero. Coach Vincenzo Mastrangelo risponde con Marco Fabroni al palleggio, l’ex di giornata Michele Morelli opposto, Djalma Moreira e Filippo Vedovotto in banda, Luca Presta e Marco Cubito al centro, e Saverio De Santis libero.

Primo set in equlibrio, con le squadre appaiate nel punteggio. Poey e Cominetti provano l’allungo (10-12), ma Morelli riporta la parità a quota 12. Moreira lancia i suoi, e Coach Cominetti ferma il gioco (18-15). Al rientro in campo un ace di Cubito sancisce il +4 (19-15). E’ lo strappo decisivo: il Pool Libertas non molla, ma la BCC risponde colpo su colpo, e chiude con una parallela di Morelli (25-18).

Il secondo set parte in salita per i canturini. Le battute di Moreira e Presta mettono in difficoltà la ricezione canturina, e Coach Cominetti chiama time-out (8-4). Un ace di Cominetti riporta sotto il Pool Libertas (10-8). I canturini provano a rientrare, ma i pugliesi rispondono colpo su colpo, e con Morelli si lanciano avanti di 5, costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco (19-14). E’ l’allungo decisivo: i pugliesi controllano e chiudono con una veloce di Cubito (25-19).

Nel terzo set il Pool Libertas prova a scappare (4-6), ma viene ripreso e superato subito (7-6). Due ace di Vedovotto lanciano i pugliesi, costringendo Coach Cominetti a chiamare time-out (13-9). I canturini lottano palla su palla, e riescono a riportarsi sotto costringendo Coach Mastrangelo a fermare il gioco (17-15). Vedovotto e Cubito riportano la BCC avanti di 4 (20-16). E’ l’allungo decisivo, e Castellana Grotte chiude grazie ad un’infrazione fischiata a Mazza (25-19).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “In questa partita ci è ‘mancato’ Poey, e abbiamo fatto tanta fatica in attacco. Abbiamo purtroppo sbagliato tante situazioni vantaggiose per noi in appoggio e palleggio, e di conseguenza ne ha risentito l’attacco. Potevamo fare meglio se le avessimo sfruttato meglio. I fondamentali di ricostruzione e attenzione non ci sono stati, e contro una squadra così esperta li paghi. Loro hanno fatto molto bene in battuta, noi abbiamo un po’ peccato, e il quadro è completo. In ogni caso vedo miglioramenti in altre situazioni in cui eravamo un po’ carenti prima, come il gioco al centro, e questo ci dà più credibilità. Questa è una cosa che possiamo sfruttare anche in altre situazioni d’attacco. Questa ritrovata varietà nella distribuzione può smarcare anche le bande, cosa che finora non è successa”.

Photo credit: Giampiero Consaga

                                                                             —————-

Serie C

 

GONZAGA MILANO – POOL LIBERTAS CANTU’ 3-1

(20-25, 25-17, 25-18, 25-16)

Cantù: Roncoroni Fu. 1, Corti P. 12, Corti S. 9, Roncoroni Fi. 12, Pellegrinelli 6, Maino 7, Arnaboldi (L1), Romanò ,Borrozzino 1, Maspes, Rizzi 1, Falano, Garcia (L2) All: Bernasconi, 2° all.: Rossi.

 

1 SET

Cantù parte con Fulvio Roncoroni al palleggio, Pietro Corti opposto, schiacciatori Filippo Roncoroni e Samuele Corti, centrali Luca Pellegrinelli e Gabriele Maino, Alex Arnaboldi libero. Il Pool Libertas parte bene, e si porta avanti con una buona correlazione muro-difesa e i contrattacchi di Samuele Corti da posto 4 (2-4). Gonzaga prova a reagire e impatta sull’8 pari con un attacco al centro. Gli ospiti non mollano, e si riportano avanti (12-14, 14-18). Time-out milanese, e Gonzaga accorcia (17-18). Ma con un attacco di Filippo Roncoroni e un muro di Pellegrinelli il Pool Libertas torna avanti (18-21). Due errori di Gonzaga e un attacco di Pietro Corti porta Cantù al primo set point (20-24), chiuso subito grazie a un errore locale (20-25).

2 SET

Si riparte con la formazione del primo set. Cantù parte male e si ritrova in breve tempo sotto (5-1, 8-2). Gonzaga riesce a ricevere in maniera molto positiva, e a sviluppare un gioco preciso e veloce che mette in crisi il muro e la difesa canturina. I locali allungano (12-4, 15-5). I ragazzi di Coach Bernasconi provano a reagire, e in parte ci riescono con un mini-recupero (18-11, 20-15). Un errore in attacco di Cantù compromette il recupero, e Gonzaga chiude agevolmente (25-17).

 

3 SET

Sestetto confermato per il Pool Libertas, con Garcia in ricezione al posto di Arnaboldi. Cantù parte bene e la gara è equilibrata fino a quota 5. Gonzaga si porta avanti con due muri consecutivi (8-5). Il Pool Libertas reagisce con la battuta di Gabriele Maino e si riporta sotto (10-9). Si gioca punto a punto, i canturini tengono bene in cambio palla, ma in fase break non riescono a chiudere nei migliori dei modi. Si va avanti a braccetto fino al 16-15, quando due break di fila di Milano permettono loro di andare avanti (18-15). E’ l’allungo decisivo, i giovani canturini commettono qualche errore di troppo mentre Gonzaga gioca ai suoi livelli senza regalare nulla: va avanti fino al 22-17 e chiude il set con un attacco al centro (25-18).

 

4 SET

La formazione canturina riparte come nei set precedenti, ma con Emanuele Rizzi in campo al posto di Samuele Corti. I primi scambi sono equilibrati fino a quota 4. Un errore in ricezione di Cantù e un attacco dell’opposto locale permettono a Gonzaga di andare avanti (7-4, 10-6). I ragazzi canturini si disuniscono e non riescono a rientrare. Entrano in campo Matteo Borrozzino su Pietro Corti e Andrea Romanò su Fulvio Roncoroni, ma l’inerzia del set non cambia. Gonzaga gioca bene senza regalare punti agli avversari, e va avanti (17-9, 20-12). Chiudono set e match i locali con un muro del centrale (25-16).

 

IL COMMENTO DI COACH FRANCESCO BERNASCONI

E’ stata la gara che ci aspettavamo contro una squadra che sta facendo molto bene: con la vittoria di stasera, infatti, sono primi in classifica. Sono contento per l’approccio alla partita e per il gioco espresso nel primo set: siamo riusciti subito a metterli in difficoltà, soprattutto con la nostra correlazione muro-difesa. In seguito siamo calati permettendo loro di rientrare in partita e riprendere un po’ di fiducia. Peccato per il terzo set, perché a mio avviso abbiamo giocato una buona pallavolo rimanendo agganciati a loro fino a metà set e riuscendo a rispondere colpo su colpo ai loro attacchi. Nel quarto set, invece, è salito ancora di più il loro livello di gioco e noi non siamo stati capaci di reagire. Da metà del secondo set loro sono cresciuti di intensità e hanno sviluppato un gioco da squadra che punta al passaggio di categoria. E’ una sconfitta che ci può stare, ma sono un po’ rammaricato: per quello che si è visto nella prima parte della gara potevamo fare di più. Siamo ancora poco costanti nel nostro rendimento durante la gara, dobbiamo migliorare su questo aspetto sapendo che possiamo mettere in difficoltà anche squadre di livello più alto del nostro. Mercoledì prossimo avremo un altro impegno in campionato molto difficile: sarà contro Busto Arsizio, seconda della classe che oggi ha perso il primato. Anche se il tempo sarà poco ci prepareremo al meglio per provare a fare punti in questa gara infrasettimanale.

                                                                            ————-

DIAVOLI ROSA SU – POOL LIBERTAS CANTU’ 0-3

(21-25, 26-28, 22-25)

Pool Libertas Cantù: Romanò 3, Corti P. 17, Corti S. 9, Roncoroni Fi. 5, Pellegrinelli 5, Maino 6, Garcia (L), Roncoroni Fu., Borrozzino, Maspes, Rizzi, Arnaboldi. All: Bernasconi, 2° all.: Rossi.

 

1 SET

Cantù parte con Andrea Romanò al palleggio, Pietro Corti opposto, Filippo Roncoroni e Samuele Corti schiacciatori, Luca Pellegrinelli e Gabriele Maino centrali, e Federico Garcia libero. Il Pool Libertas parte subito forte in battuta, e va avanti con un attacco di Pietro Corti e un muro di Pellegrinelli (2-6). I Diavoli provano a reagire, e impattano sul 9 pari creando qualche difficoltà all’attacco canturino con un muro alto e ben composto. Samuele Corti riporta avanti il Pool Libertas, e un muro al centro di Maino fissa il punteggio sul 10-13. Time-out Diavoli Rosa, ma l’inerzia del set non cambia (13-18, 15-20). Gli ospiti conducono fino alla fine, e chiudono con un attacco di Roncoroni (21-15).

 

2 SET

Formazione confermata per la squadra di Coach Bernasconi. Il Pool Libertas parte bene e va avanti (1-3). Si procede punto a punto, fino quando una buona battuta dei Diavoli e un errore in attacco canturino mettono il punteggio in parità a quota 7. I giovani di Brugherio provano a scappare (9-8, 12-11), ma Cantù torna subito nel set e si riporta avanti con un ace di Pietro Corti (16-18). Si va avanti rispettando il cambio palla fino al 23 pari, quando la squadra locale si riporta avanti (24-23). Cantù annulla il primo set ball, e riesce subito a creare il break di vantaggio con un muro di Pellegrinelli al centro (24-25). I Diavoli annullano la prima palla set, ma il Pool Libertas non sbaglia e chiude alla terza occasione (26-28).

 

3 SET

Cantù riparte bene con un buon turno in servizio di Maino, e va subito avanti di 3 (2-5). I Diavoli rientrano, ed è di nuovo parità a quota 6. Il set è equilibrato, il Pool Libertas prova a scappare due volte: prima sul 7-10, ma viene ripreso a quota 12, e poi sul 13-15 ma i Diavoli tornano sul 17 pari. Un muro canturino e un errore in attacco dei Diavoli permettono ai ragazzi di Coach Bernasconi di riportarsi avanti (18-20). Entra Maspes su Pellegrinelli, i Diavoli accorciano, ma due errori di fila riportano gli ospiti avanti di due (21-23). Corti mette a terra il pallone del set point (21-24). Chiude un attacco di Maino al centro (21-25).

 

IL COMMENTO DI COACH FRANCESCO BERNASCONI

Stasera ho chiesto ai ragazzi di vincere, e così è stato. Abbiamo fatto una buona gara e siamo stati molto concreti nelle fasi decisive dei set. Contava fare i tre punti, e sono soddisfatto per l’obiettivo raggiunto. Giocare contro squadre così giovani e che non hanno nulla da perdere non è mai facile: siamo stati abbastanza continui nel nostro gioco, e siamo riusciti a portare a casa tre punti molto importanti per la nostra classifica. Arrivavamo da due sconfitte di fila contro le due squadre più forti del campionato, ed era importante per noi fare i punti necessari per salire di graduatoria. La battuta ha fatto la differenza, e ci ha permesso di gestire al meglio la fase di correlazione muro-difesa. Un altro aspetto positivo di stasera è l’approccio alla gara e la determinazione nei momenti decisivi della gara. Bene così. Ora guardiamo avanti con fiducia: abbiamo una settimana davanti per preparare al meglio la sfida di settimana prossima contro Limbiate, quarta in classifica, alle 21.00 al Parini. Servirà una grande prestazione per chiudere al meglio il girone di andata.

 

Francesca Molteni – Ufficio Stampa Libertas Brianza ufficiostampa@libertasbrianza.it

 

 

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi