Pallavolo: alla Libertas Cantù le festività natalizie portano bene!

Il Pool Libertas ci ha preso gusto, un’altra vittoria sotto l’albero

VIDEX GROTTAZZOLINA 1
POOL LIBERTAS CANTU’ 3
(21-25, 25-15, 20-25, 18-25)

VIDEX GROTTAZZOLINA: Cubito 8, Vecchi 11, Centelles 17, Calarco 15, Gaspari 4, Marchiani 4, Romiti (L1), Minnoni, Pulcini. N.e.: Romagnoli, Di Bonaventura, Vallese (L2). All. Ortenzi 2° All. Pison (battute vincenti 5, battute sbagliate 15, muri 9).

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti 3, Santangelo 23, Preti 11, Cominetti 8, Monguzzi 12, Robbiati 8, Butti (L1), Alberini, Rudi (L2), Gasparini. NE: Suraci, Danielli, Frattini. All: Cominetti, 2°all: Redaelli (battute vincenti 6, battute sbagliate 14, muri 10).

Arbitri: Alberto Dell’Orso e Lorenzo Mattei

Bottino pieno nella trasferta marchigiana, a Grottazzolina, in provincia di Fermo per il Pool Libertas Cantù, che era reduce dalla convincente vittoria casalinga contro Taviano. Una sfida giocata con la giusta intensità dai brianzoli, capaci di mettere pressione alla ricezione avversaria, in particolare su Centelles. Senza il cubano, che da solo in pratica vince il secondo set, la terza forza del campionato si conferma invece in un momento poco felice, dopo che negli ultimi due incontri aveva rimediato soltanto un punto contro il Club Italia.

LA CRONACA

Il coach della Videx, Ortenzi, conferma la diagonale Marchiani in palleggio e Calarco opposto, Gaspari e Cubito al centro, Vecchi e Centelles di banda e Romiti libero. Risponde Cominetti con il sestetto che ha vinto domenica scorsa, ovvero Santangelo opposto, Baratti in palleggio, Monguzzi e Robbiati al centro, i laterali Preti e Cominetti, con Butti e Rudi ad alternarsi come libero.

Una bella Cantù nel primo parziale che parte subito bene grazie a un muro di Robbiati parziale 0-3 per Cantù, poi Preti su palla alta, mentre dall’altra parte della rete,

Centelles fatica a carburare. Sbaglia Monguzzi il servizio ed è 3-5. Muro di Baratti, il più piccolo il campo, su servizio vincente di Preti, che però manda in rete alla seconda occasione. Il Pool Libertas vola e la ricezione della Videx balbetta, si va sul 6-14. I padroni di casa provano a tornare nel match, ma Preti castiga ancora i marchigiani da posto quattro per il 17-11.

Cubito ferma Robbiati ed è 13-17, poi Centelles per il 14-17, con time out chiesto da Cominetti. Robbiati decisivo su uno scambio lunghissimo per il 14-19 e time-out Grottazzolina. Dentro Pulcini su Cubito per la battuta, ma l’inerzia del set non cambia con Cominetti a mettere a segno due punti consecutivi per il 15-21. Monguzzi trova un punto incredibile in primo tempo ed è 16-22. Gaspari si prende un cartellino verde, premio fair play, che vale il punto 23 per i brianzoli. Recupero della Videx nel finale di set che annulla ben quattro setpoint, poi coach Cominetti ferma il gioco con un time out prima del punto decisivo di Santangelo dalla seconda linea sul 21-25.

La Videx entra in campo con uno spirito diverso nel secondo parziale e il Pool Libertas ne paga le conseguenze. Subito due muri su Preti per il 4-2, poi Santangelo prova a ricucire.

Il ritorno di Cantù arriva al 5-5, poi ancora Monguzzi per il 5-6, ma è Centelles a salire in cattedra. Viene chiamato da Marchiani anche da posto 1 per il 6-6. La Videx si stacca 10-8, poi 11-9 e 13-10. Grazie ancora a un Centelles in palla si va sul 14-10, di seguito il cubano fa un un ace e tre punti diretti al servizio fino al 19-11. C’è solo la Videx in campo.

Dentro Gasparini e anche Alberini in regia, staffetta che verrà confermata pure nel terzo set. Marchiani è bravo di seconda intenzione a chiudere il 21-13. Manda out Santangelo 22-14, poi un muro su Gasparini 23-14. Anche il servizio di Vecchi per il 24-14. Un errore al servizio di Monguzzi vale il 25-15.

Nel terzo set Santangelo ferma Centelles e poi chiude per l’1-2. Calarco risponde dall’altra parte del campo. L’inizio di parziale si accende un po’ su un presunta invasione del muro della Videx, confermata dal videocheck. Prosegue il momento di confusione dei direttori di gara anche sul punto successivo. Baratti ferma Centelles a muro per il 2-5. Punto diretto di Santangelo al servizio 2-6. Cantù c’è, ma serve bene anche Calarco 4-6.

Un bello scambio viene chiuso dall’opposto di Cantù ed è 4-8, Ortenzi chiama time-out.

In due tempi Cominetti limita i danni del turno di battuta di Centelles per il 5-9.

Recupera ancora un punto la Videx, 7-10, ma Cantù risponde pallone su pallone. La ricezione marchigiana balbetta sul servizio di Monguzzi. Dopo una trattenuta fischiata dall’arbitro, Preti mette a terra il 10-15. E’ a lui che Baratti si affida anche per il punto numero 16. Dentro ancora Alberini per Baratti, che chiama subito dalla seconda linea Santangelo per l’11-17, quindi Centelles manda fuori, è 11-18. Il cubano prova a fare risalire la Videx con il suo servizio, ma il suo secondo tentativo finisce out. Marchiani risolve un’altra ricezione imprecisa, con Cantù che risponde. Monguzzi chiude un bel punto dopo due difese, 14-21. Fiammata della Videx sul finale di parziale, Santangelo risolve 17-22 e poi 17-23 chiudendo un altro scambio lunghissimo. Attacco fuori di Preti, 19-23 con Cominetti costretto a chiedere time out. Santangelo fa il 24 contro il muro di Centelles, chiude un muro di Robbiati.

Centrali di Cantù sugli scudi anche nel quarto parziale, quando la squadra viene nuovamente affidata a Baratti. Un muro di Preti fa l’1-3. Lo schiacciatore è in palla, fa anche il punto numero 4, poi ace di Santangelo 2-5 e botta dalla seconda linea 2-6. L’opposto di Cantù tiene sulle spalle l’attacco. La Videx non vuole però stare a guardare. Invasione di Centelles, meno brillante rispetto al secondo set per il 5-10, un muro sul cubano vale il 6-12, che poi sbaglia in ricezione. Preti gioca sulle mani del muro, 6-14. Dentro ancora Pulcini per il servizio della Videx. Santangelo è perfetto, due punti consecutivi fino al 7-16. Rimonta di Grottazzolina fino al 13-19, bravo Cominetti a mettere a terra il punto numero 20. L’obiettivo si avvicina per Cantù. Time out di coach Cominetti sul 15-20, errore di Santangelo dalla zona quattro, è 16-20, ma Vecchi manda in rete il servizio. Santangelo si fa perdonare e chiude il 22° punto, mentre Calarco manda out, 16-23. Monguzzi mette la sua firma sul 17-24, primo match point annullato da Calarco, poi un errore dello stesso opposto regala i tre punti ai brianzoli.

IL COMMENTO DEL COACH

“Se avessimo affrontato questa partita un mese fa probabilmente ora starei commentando una sconfitta per 3-1 dopo un buon inizio di gara. Credo che sia questa la chiave della nostra crescita, ovvero avere affrontato quel terzo set con la testa. Abbiamo qualche limite, l’avversario l’ha messo in luce nel secondo parziale, ma siamo una squadra che può giocare e vincere con tutti. Grottazzolina era la terza forza del campionato, noi l’abbiamo affrontata nel modo giusto” spiega coach Luciano Cominetti.
Sull’attacco di palla alta, meno positivo del solito, il coach dice: “Abbiamo fatto fatica, è vero, ho tenuto in campo Roberto che aveva percentuali molto basse, ma mi dava sicurezza dietro. L’altra chiave della vittoria è stata sicuramente il servizio, che ha messo pressione sugli avversari. Si tratta di un altro passo nel nostro cammino di crescita, nonostante abbiamo perso un set in modo così netto. Lasciatemi chiudere con un augurio di Buon Natale a tutti, dal presidente ai nostri tifosi, che aspettiamo il giorno di Santo Stefano al Parini, alle 19, per un altro match da vincere, contro Prata di Pordenone” conclude Cominetti.

                                                                                            ——————-

Santo Stefano in festa al Parini: Cantù mette la quarta

POOL LIBERTAS CANTU’ 3

TINET GORI WINES PRATA DI PORDENONE 0

(25-21, 25-19, 32-30)

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti, Santangelo 22, Preti 16, Cominetti 12, Monguzzi 7, Robbiati 7, Butti (L1), Alberini 1, Rudi (L2). NE: Suraci, Gasparini, Danielli, Frattini, Pellegrinelli. All: Cominetti, 2°all: Redaelli (battute vincenti 1, battute sbagliate 14, muri 14).

TINET GORI WINES PRATA DI PORDENONE: Calderan 1, Della Corte 1, Saraceni 11, Marinelli 14, Tassan 3, Bortolozzo 8, Lelli (L1), Bonante, Link 7, Radin, Marini 5. N.E.: Deltchev, Cecutti, Corazza (L2). All: Sturam, 2°all: Bovari (battute vincenti 2, battute sbagliate 15, muri 7).

Arbitri: Roberto Pozzi (Alessandria) e Simone Cavicchi (La Spezia)

Addetto al videocheck: Katia Grassi

Si torna al Parini per la tradizionale partita di Santo Stefano, e il Pool Libertas Cantù festeggia imponendosi per 3-0 sulla Tinet Gori Wines Prata di Pordenone nell’ultima partita casalinga del 2018. Una bella prova corale per i ragazzi di Coach Cominetti, che riescono a imporsi nel terzo set ai vantaggi pur essendo stata in svantaggio tre volte.

Coach Luciano Cominetti conferma il sestetto che sta ben figurando nelle ultime partite, con Mirko Baratti in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, Luca Butti libero di ricezione e Gabriele Rudi libero di difesa. Coach Luciano Sturam risponde con Luca Calderan in regia, Giuseppe Della Corte opposto, Michele Marinelli e Gianluca Saraceni in banda, Matteo Bortolozzo ed Eugenio Tassan al centro, e Matteo Lelli libero, ma attinge a piene mani dalla panchina giocando le carte Jacob Link e Daniele Marini, che ben hanno figurato quando sono stati chiamati in causa.

Il Pool Libertas è concentrato sin dai primi scambi, e riesce a prendere qualche lunghezza di vantaggio (7-3). La Tinet Gori Wines lotta palla su palla, ma non riesce a ricucire lo strappo costringendo Coach Sturam a fermare il gioco (16-12). Santangelo è scatenato, il divario tra le squadre aumenta e il Coach friulano chiama il suo secondo time-out (19-13). Al rientro in campo Prata rosicchia qualche punto, ed è Coach Cominetti a voler parlarci su (19-16). I canturini difendono il vantaggio fino alla fine, ed è un attacco di Santangelo a chiudere il set (25-21).

Nel secondo set la Tinet Gori Wines parte a razzo e in un attimo è 1-4. Il Pool Libertas alza il muro e ribalta il punteggio, costringendo Coach Sturam a fermare il gioco (10-7). Al rientro in campo il vantaggio interno aumenta, e il Coach friulano chiama anche il secondo time-out a sua disposizione (12-8). Si scatena anche Preti, e i canturini allungano (17-10). Prata prova a rosicchiare qualche punto giocandosi anche la carta Link al posto di Della Corte, ma i canturini sono bravi a gestire il vantaggio. Chiude Santangelo con un mani out (25-19).

Nel terzo set la Tinet Gori Wines entra in campo concentrata, e riesce a prendere un paio di lunghezze di vantaggio (2-4 e 6-8). Si lotta su ogni palla, ma i canturini non riescono a ricucire il distacco fino alla pipe di Preti che sancisce la parità a quota 14.  Robbiati mura Link, ed è il Pool Libertas ad andare in vantaggio di due, con Coach Sturam a chiamare il suo secondo time-out in breve tempo (19-17). Al rientro in campo Link si prende la squadra sulle spalle, ed è controsorpasso, con Coach Cominetti a fermare il gioco (19-21). I canturini, però, ci credono fino alla fine, e due attacchi di Santangelo mandano il set ai vantaggi. Il finale di match è molto emozionante, ed è l’opposto molisano a chiudere tutto (32-30).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Abbiamo giocato bene. Nei primi due set abbiamo fatto un buon lavoro in battuta, ma siamo stati molto attenti specialmente nella fase di contrattacco. Appena siamo calati in difesa loro ci hanno fatto faticare. Peccato per i due punti di vantaggio che avevamo nel finale di set, abbiamo sbagliato qualcosa in distribuzione e abbiamo fatto passare avanti i nostri avversari. Siamo stati bravi, però, a stare attaccati nel gioco fino alla fine, e questo è un altro grande segnale di crescita dei ragazzi. Quello che abbiamo visto contro Grottazzolina si è ripetuto anche stasera, contro una squadra che poteva farci perdere la testa nel finale di terzo set, e invece siamo stati bravi a rimanere attaccati alla partita fino alla fine”.

Il Coach canturino traccia anche un bilancio della prima parte di campionato: “Il nostro punteggio alla fine del girone di andata non è roseo, ma sappiamo anche che abbiamo avuto nella prima parte di campionato molti infortuni, per colpa dei quali non siamo riusciti a costruire un assetto tattico di un certo tipo. Oggi come oggi sono sei partite che stiamo lavorando insieme, e stiamo vedendo che il nostro gioco sta crescendo e i frutti del nostro lavoro stanno arrivando”.

                                                                               ————————-

Il Pool Libertas lotta alla pari, ma esce sconfitta dal PalaBanca di Piacenza

GAS SALES PIACENZA 3

POOL LIBERTAS CANTU’ 1

(23-25, 31-29, 25-22, 25-12)

GAS SALES PIACENZA: Paris 2, Fei 17, Yudin 19, Mercorio 17, Copelli 9, Tondo 7, Fanuli (L1), Beltrami, Canella, Klobucar. N.E.: Ceccato, Ingrosso, De Biasi, Cereda (L2). All: Botti, 2° All: Di Maio (battute vincenti 6, battute sbagliate 20, muri 11).

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti, Santangelo 20, Preti 19, Cominetti 9, Monguzzi 8, Robbiati 4, Butti (L1), Alberini, Suraci, Gasparini, Danielli, Frattini, Rudi (L2). NE: Pellegrinelli. All: Cominetti, 2° All: Redaelli (battute vincenti 6, battute sbagliate 23, muri 8).

 

Arbitri: Veronica Mioara Papadopol (Mantova) e Fabio Bassan (Brescia)

Ultima partita del 2018 amara per il Pool Libertas Cantù, che non riesce nell’impresa di espugnare il PalaBanca di Piacenza pur lottando alla pari per 3 set contro la corazzata Gas Sales.

Coach Luciano Cominetti conferma il sestetto che sta ben figurando nelle ultime partite, con Mirko Baratti in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, Luca Butti libero di ricezione e Gabriele Rudi libero di difesa, per poi attingere a piene mani dalla panchina nel corso del match. Coach Massimo Botti schiera Matteo Paris in regia, Alessandro Fei opposto, l’ex Mario Mercorio e Igor Yudin in banda, Alessandro Tondo e Riccardo Copelli al centro, con Fabio Fanuli libero.

Il primo set inizia in salita per i canturini, costretti a rincorrere fin dall’inizio. Il turno al servizio di Tondo è insidioso, e lancia i suoi 10-4. Copelli mura Santangelo e il vantaggio interno aumenta (12-5). Guidato da Preti e Santangelo, il Pool Libertas rosicchia qualche punto, costringendo Coach Botti a fermare il gioco (15-13). Le squadre lottano palla su palla, e la distanza tra le due squadre resta invariata. Un ace di Preti risponde all’ace di Yudin, ed è parità a quota 23, con Coach Botti a fermare il gioco. Cominetti mura Fei, e i canturini conquistano il primo set (23-25).

A inizio secondo set è il Pool Libertas a lanciarsi avanti, e in un attimo è 0-4. Si prosegue lottando palla dopo palla, ma la Gas Sales riesce a rosicchiare qualche punto ai canturini ritornando sotto (10-11). Santangelo guida i suoi avanti di 3, ma due ace consecutivi di Yudin rimettono il punteggio in parità a quota 18. Due attacchi out dell’opposto molisano mandano Piacenza avanti, e Coach Cominetti ferma il gioco (22-20). Preti tiene a galla i suoi, ed è di nuovo parità a quota 22, con Coach Botti a chiamare time-out. Yudin risponde allo schiacciatore friulano, e manda il set ai vantaggi. Il finale è un’altalena di emozioni, con Yudin a tenere a galla i suoi fino al sorpasso decisivo sancito da due attacchi consecutivi di Fei. Chiude il set un muro di Copelli su Frattini (31-29).

L’inizio di terzo set è equilibrato, ma è un attacco out di Santangelo a spezzare la parità (10-8). Le squadre continuano a lottare, ma è la Gas Sales a prendere lentamente qualche lunghezza di vantaggio (15-11). E’ il vantaggio decisivo, che Piacenza riesce a difendere con le unghie e con i denti dai tentativi di rimonta canturina fino alla fine del set. Chiude un attacco mani out di Yudin (25-22).

La Gas Sales scende in campo concentrata e combattiva nel quarto set, e in un attimo è avanti 5-0, costringendo Coach Cominetti a fermare subito il gioco. Al rientro in campo Piacenza continua a martellare e il vantaggio interno aumenta (10-2). I padroni di casa sono decisi a chiudere il match, e dilagano guidati dall’ex Mercorio (15-5). Il vantaggio interno è incolmabile, e chiude set e match un attacco dello schiacciatore campano (25-12).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Purtroppo abbiamo peccato nel secondo set, e alla fine abbiamo mollato anche di testa. Abbiamo battuto male, in quanto abbiamo fatto molti errori, e le palle che andavano dall’altra parte erano ricevute bene da loro, di conseguenza è stato difficile fare la fase break. Abbiamo, però, avuto difficoltà anche nella fase cambiopalla. Siamo venuti a mancare anche in banda perché la ricezione è risultata non all’altezza dato che loro hanno battuto molto bene e la palla restava staccata da rete. Nei primi due set, invece, abbiamo battuto bene, e siamo riusciti a recuperare nel primo parziale grazie a questo fondamentale. Purtroppo non siamo riusciti a chiudere nel secondo set in un paio di frangenti, e con queste squadre non possiamo perdere un’occasione del genere. Da quel momento siamo andati in calando perché abbiamo perso un po’ in fiducia, e si è visto soprattutto in attacco, dove abbiamo avuto paura di essere murati”.

                                                                                           ———————

La Befana porta al Pool Libertas Cantù due punti dopo due ore di battaglia

POOL LIBERTAS CANTU’ 3

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE 2

(18-25, 25-20, 30-32, 25-19, 17-15)

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti 1, Santangelo 31, Preti 24, Cominetti 15, Monguzzi 3, Robbiati 3, Butti (L1), Alberini 1, Gasparini, Rudi (L2). NE: Suraci, Danielli, Frattini, Pellegrinelli. All: Cominetti, 2°all.: Redaelli (battute vincenti 7, battute sbagliate 15, muri 10).

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Longo 5, Cazzaniga 28, Bertoli 10, Fiore 10, Gargiulo 10, Patriarca 16, Battista (L), Campana 1, Primavera, Mazzon 2, Di Carlo, Pilotto 1. N.E.: Floris. All.: Castellano, 2° all.: Castiglia (battute vincenti 11, battute sbagliate 24, muri 11).

Arbitri: Giorgia Spinnicchia (Catania) e Massimiliano Giardini (Verona)

Addetto al videocheck: Nikitin Mykyta Gentile

La prima partita del 2019 porta al Parini una vera e propria battaglia, durata più di due ore, e che ha visto il Pool Libertas Cantù uscirne vincitore. Un primo set con i canturini spenti, ma che danno spettacolo a partire dal set successivo, perdono il terzo set ai vantaggi, mettono in parità il match dopo un quarto set condotto dall’inizio alla fine, e ribaltano un quinto parziale che li ha visti in svantaggio di cinque punti al cambio campo.

Coach Luciano Cominetti conferma il sestetto che sta ben figurando nelle ultime partite, con Mirko Baratti in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, Luca Butti libero. Coach Maurizio Castellano recupera Alessio Fiore, che schiera fin dall’inizio in diagonale a Matteo Bertoli, con Giuseppe Longo palleggiatore, Roberto Cazzaniga opposto, Stefano Patriarca e Giovanni Maria Gargiulo al centro, e Leonardo Battista libero.

Inizio di match in equilibrio, poi Patriarca mette un ace, Gargiulo mura Robbiati ed è 6-9. Santangelo attacca out, e Coach Cominetti ferma tutto (7-11). Aiutati da alcuni errori ospiti, i canturini tornano sotto (14-16), ma due muri consecutivi rilanciano l’azione della Materdominivolley.it e costringono Coach Cominetti a chiamare il suo secondo time-out (14-19). Il Pool Libertas lotta palla su palla, ma il distacco è troppo ampio, e chiude un ace di Cazzaniga (18-25).

Nel secondo set la Materdominivolley.it cerca di scappare subito, ma il Pool Libertas riesce a rimanere attaccato nel punteggio. Due ace di Preti sanciscono il sorpasso canturino, e Coach Castellano ferma il gioco (12-11). Cazzaniga commette due errori di fila, e il Coach pugliese chiama anche il suo secondo time-out (19-16). Si lotta palla su palla, ma due attacchi mani fuori di Santangelo e una schiacciata di Bertoli confermata out dal videocheck rimettono il conto set in parità (25-20).

A inizio terzo set il turno in battuta di Cominetti è proficuo e i canturini vanno 4-0. Bertoli guida i suoi alla riscossa, e in un attimo Castellana Grotte torna sotto (5-4). Due attacchi di Preti, due attacchi out dei pugliesi, e Coach Castellano ferma il gioco (9-4). Il parziale prosegue con le due squadre che lottano palla su palla, e la Materdominivolley.it riesce a rosicchiare qualche punto. Coach Cominetti chiama time-out (16-14). Al rientro in campo gli ospiti continuano a spingere, arriva il sorpasso con un ace di Longo (17-18) e il Coach canturino ferma di nuovo il gioco. Gli schiacciatori canturini continuano a martellare ed è controsorpasso, con Coach Castellano a chiamare time-out a sua volta (22-19). Si rientra, ed è subito parità a quota 22 grazie a un muro di Patriarca su Santangelo e a un ace di Gargiulo. Patriarca risponde a Robbiati, e Cazzaniga manda il set ai vantaggi. Il finale non è adatto ai deboli di cuore, con continui ribaltamenti di fronte e giocatori che lottano palla dopo palla, fino all’ace di Gargiulo che consegna il parziale ai suoi (30-32).

Il quarto set inizia con le squadre che lottano palla su palla. Il primo break è segnato dall’ace di Cominetti (10-6), ma Patriarca sale in cattedra e mette il punteggio in parità a quota 13. Gli schiacciatori di palla alta si rispondono punto dopo punto, ma i canturini riescono a guadagnare qualche punto di distanza sugli avversari (19-16). Nel finale è Santangelo a guidare i suoi verso la vittoria del set, e una diagonale di Preti manda il match al tie-break (25-19).

A inizio quinto set la Materdominivolley.it prende subito tre lunghezze di vantaggio (0-3), che Cazzaniga e Fiore portano a 5 al cambio campo (3-8), con relativo time-out di Coach Cominetti. Al rientro in campo due muri subiti da Fiore e Gargiulo convincono Coach Castellano a fermare il gioco a sua volta (6-8). Il Pool Libertas non molla e resta attaccato al match fino alla fine, agguantando la parità solo a quota 14 grazie a due attacchi consecutivi di Santangelo, e mandando anche questo set ai vantaggi. Il finale è tutto di marchio Cominetti, che con un attacco e un muro su Bertoli consegna set e match al Pool Libertas (17-15).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Questi sono due punti guadagnati. Peccato per il terzo set, in cui eravamo in vantaggio nettamente e ci siamo fatti recuperare. Sapevamo benissimo che una delle loro armi migliori era il servizio, e non siamo stati in grado di arginarlo come si deve in quel momento. La reazione che i ragazzi hanno avuto è stata ottima, e devo dire che riuscire a recuperare il tie-break da sotto 8-3, e vincere murando giocatori d’esperienza significa che la squadra è molto attenta. Dopo la partita di Piacenza ho detto ai ragazzi di crederci perché stiamo giocando bene, stiamo facendo dei buoni filotti, e anche in quella partita, in cui non siamo riusciti a portare a casa punti, il gioco c’è stato. Il primo set è stato figlio della delusione che abbiamo avuto settimana scorsa, e siamo partiti sottotono”.

Il Coach canturino sottolinea la grande prova di carattere dei suoi: “Se noi confrontiamo la squadra che avevamo all’inizio e quella che è ora, il cambio è stato tutto nel carattere. Abbiamo sicuramente delle certezze in attacco e in ricezione, anche prima sapevamo di avere ottimi elementi, ma è la forza di carattere e il credere che ogni set può essere ribaltato che sta facendo la differenza. Nelle ultime due partite abbiamo ribaltato set che sembravano persi, e questo fa ben sperare per il futuro”.

                                                                                ———————-

Derby da tre punti per il Pool Libertas Cantù

POOL LIBERTAS CANTU’ 3

TIPIESSE CISANO BERGAMASCO 0

(25-22, 25-23, 25-21)

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti 2, Santangelo 17, Preti 14, Cominetti 15, Monguzzi 10, Robbiati 3, Butti (L1), Alberini,  Rudi (L2). NE: Suraci, Gasparini, Danielli, Frattini, Pellegrinelli. All: Cominetti, 2°all: Redaelli (battute vincenti 8, battute sbagliate 7, muri 3).

TIPIESSE CISANO BERGAMASCO: Sbrolla 1, Baldazzi 15, Costa 8, Gaggini 14, Milesi 4, Piccinini 6, Brunetti (L1), Ruggeri. N.E.: Lozzi, Burbello, Genovese, Giussani, Pozzi (L2). All: Zanchi, 2°all: Carenini (battute vincenti 3, battute sbagliate 8, muri 4).

Arbitri: Alessandro Pietro Cavalieri (Catanzaro) e Davide Prati (Pavia)

Addetto al videocheck: Fabio Piave

Il 2019 canturino continua con una vittoria a pieni punti nel derby contro la Tipiesse Cisano Bergamasco. Un 3-0 che però non racconta i primi due set chiusi dai canturini con un rush finale dopo una lotta punto a punto nel resto del parziale. Nel terzo set il Pool Libertas è scattato avanti a metà parziale ed è riuscito a chiudere nonostante il tentativo di recupero da parte dei bergamaschi.

Coach Luciano Cominetti conferma la formazione degli ultimi match con Mirko Baratti in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, Luca Butti libero. Coach Cristian Zanchi risponde con Filippo Sbrolla al palleggio, con Alberto Baldazzi opposto, Marcelo Costa e l’ex Claudio Gaggini in banda, Lorenzo Milesi e Gianluca Piccinini al centro, e Davide Brunetti libero.

Inizia il match, ed è il Pool Libertas a scattare avanti grazie a un ace di Preti e due attacchi di Cominetti (6-3 e 10-5), con Coach Zanchi a fermare il gioco. Un ace di Milesi accorcia le distanze (12-8). Gaggini e Baldazzi martellano per il -3 esterno (16-13), mentre un’incomprensione tra Baratti e Monguzzi segna il -2 (17-15). Un attacco out di Costa lancia di nuovo i canturini (20-16), ma la Tipiesse torna sotto costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco (20-18). Due ace di Baldazzi ed è parità a quota 20, con il coach canturino a chiamare il suo secondo time-out. Al rientro in campo si scatena Piccinini, che con un attacco e un muro su Preti porta al primo vantaggio esterno (20-22). Due errori ospiti e un ace di Santangelo, ed è controsorpasso, con Coach Zanchi a fermare tutto (23-22). E’ lo stesso opposto molisano a chiudere il primo set con un ace e un attacco per il parziale decisivo di 5-0 (25-22).

Il secondo set inizia con continui ribaltamenti di fronte, ma nessuna delle due squadre riesce a prendere più di due punti di vantaggio (12-10 siglato da tre attacchi consecutivi di Santangelo). Costa, con un muro e un attacco, segna il controsorpasso (12-13). Alcune imprecisioni canturine lanciano i bergamaschi avanti di 3, e Coach Cominetti ferma il gioco (15-18). Il Pool Libertas, però, non si disunisce e torna sotto grazie a Santangelo (19-21). Un attacco e un ace di capitan Monguzzi ed è controsorpasso, con Coach Zanchi a chiamare time-out (22-21). Il finale di set è nel segno di Alessandro Preti, che con un attacco e un ace consegna il parziale ai suoi (25-23).

Nel terzo set il Pool Libertas prova a scappare con Santagelo (6-3), ma la Tipiesse torna sotto affidandosi a Baldazzi (9-8). Monguzzi e Preti riportano i canturini a +3, ma si continua a lottare palla su palla (11-8). Baldazzi attacca out ed è il massimo vantaggio interno, con Coach Zanchi a fermare il gioco (13-9). Cisano prova a rosicchiare qualche punto, ma Cominetti è una sicurezza in attacco, e il vantaggio canturino aumenta (18-13). Monguzzi lancia i suoi sul 22-15, con Coach Zanchi a chiamare time-out. Gli ospiti non mollano, provano a recuperare qualche punto con Gaggini, ma è Santangelo a chiudere set e partita per i suoi (25-21).

Queste le parole di Coach Luciano Cominetti a fine partita: “Questa è proprio una bella vittoria. Abbiamo faticato nei primi due set anche per colpa nostra, però i ragazzi hanno dimostrato la forza che hanno dentro perché ribaltare questi due set in cui siamo andati sotto non è stato facile. Siamo riusciti a mantenere la calma e a vincere. Nel terzo set, poi, siamo riusciti a fare il nostro gioco senza sprecare tanto, e loro hanno un po’ lasciato il campo. Siamo contenti”.

Il Coach canturino elogia la prova corale dei suoi ragazzi: “Oggi ho visto una buona prova da parte di tutti. Mirko (Baratti, ndr) è stato bravo a dare la palla al centro anche in situazioni difficili, e questo ha fatto la differenza. Nei momenti in cui i nostri avversari ci aspettavano sulle bande, siamo riusciti a passare al centro nonostante avessimo davanti Milesi e Piccinini che stanno facendo molto bene . Questo gioco al centro ci ha aiutato molto”.

Libertas Brianza (fondata nel 1982) piazza Parini 22063 CANTU’ (CO)
Ufficio Stampa – Francesca Molteni – ufficiostampa@libertasbrianza.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *