Blog

logo libera

La lotta alla mafia si fa anche con il miele di “Libera Terra”

Gaggiano (MI): Al via il miele di “Libera Terra” in Lombardia

Uno spazio durante la manifestazione del FAI che promuove i territori e le culture del Parco Agricolo Sud di Milano dedicato al miele del bosco dei Cento Passi!!api1

Nei terreni della frazione di San Vito in Gaggiano confiscati al boss Salvatore Di Marco condannato con sentenza definitiva il 16 gennaio 2002 per traffico internazionale di stupefacenti, è stata creata un’area di coltivazione ed installazione di alveari per la raccolta e produzione del miele in ricordo di tutte le vittime di mafia.

 

Il Gusto del miele, il 1° prodotto di Libera Terra in Lombardia, per testimoniare che oggi le Mafie stanno soprattutto qui in Lombardia. Da qui occorre far partire una grande stagione di lotta civile e pacifica al fianco dei magistrati e delle forze dell’ordine!

L’Associazione Distretto Economico Solidale Rurale Parco Sud, Slow Food Condotta Corsichese, Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, insieme al Comune di Gaggiano hanno sottoscritto un protocollo di intesa per testimoniare come dai beni confiscati possano e debbano prendere vita e corpo progetti economici e lavorativi.

I riusi a fini sociali dei beni confiscati non possono restare solo sedi “anonime” prive di memoria e testimonianza, ma devono offrire occasioni di sviluppo economico ed occupazionale.

Questa prima produzione non è che il primo passo di un progetto per mettere a resa economica gli oltre 111.000 metriquadrati di bosco.

Grazie a questo miele, nel Bosco dei Cento Passi, organizzeremo momenti di incontro e riflessioni sulle mafie in Lombardia e daremo cuore, gambe e cervello ad un progetto che sia memoria, testimonianza e sviluppo economico occupazionale.

Cento passi ci separano dalle case dei mafiosi, cento passi che Giuseppe Impastato denunciava tra Cinisi e Palermo, ma che sono arrivati qui, in Lombardia, e insieme dobbiamo trovare il coraggio di percorrerli.

Il Bosco dei Cento Passi vuole essere uno strumento, un segno per la diffusione dell’operato del consorzio Libera Terra nelle terre confiscate alle mafie nel nord Italia, oggi poco valorizzate e conosciute. Un progetto di sviluppo economico e lavorativo, un percorso da costruire insieme per sconfiggere tutte le mafie.

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi