Lavoro: le nuove sfide per affrontare il futuro

Molte realtà produttive e commerciali sono, in questo particolare momento economico, in affanno perché si debbono raffrontare quotidianamente con e-commerce cioè l’ espressione del commercio elettronico, quindi l’insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore e consumatore, realizzate tramite Internet.

Come cercare di essere competitivi diventa il vero problema. Ecco quindi che le Aziende dovrebbero attivarsi per la urgente messa in atto di alcune realtà e tecniche esse sono : Kaizen – Lean management – Lean Thinking. Vediamole assieme .

Kaizen (in giapponese significa “cambiare in meglio” o “miglioramento”) è il nome di un metodo di gestione della qualità molto conosciuto nel mondo dell’industria, un processo di miglioramento continuo basato su azioni concrete, semplici e poco costose che coinvolgono tutti i lavoratori di un’impresa .

Kaizen è un metodo per il miglioramento continuo e si distingue per la sua semplicità e senso pratico, è applicabile a tutti i livelli, sia nella vita sociale che in quella personale o nel mondo degli affari. È caratteristico proprio in quest’ultimo ambiente perché coinvolge tutti i dipendenti, dal primo degli amministratori all’ultima ruota del carro. La strategia del Kaizen è che non si deve passare neanche un giorno senza aver fatto nessun tipo di miglioramento,

Lean management cioè la gestione snella dell’azienda, ottenuta tramite l’applicazione dei principi del Lean Thinking e del Toyota Production System. Un miglioramento continuo per creare valore al cliente interno ed esterno aumentando la competitività, attraverso la gestione dei processi aziendali e la riduzione degli sprechi. Il Lean Management può essere adottato da aziende manifatturiere, aziende di servizi e pubbliche amministrazioni interessando sia processi fisici che processi transazionali o informativi.

Lean Thinking i cui principi sono semplici: identificazione degli sprechi per poi eliminarli e produrre di più con un minor consumo di risorse. Più schematicamente :

  • Identificazione di ciò che vale (value) individuare cioè quello per cui i clienti sono disposti a pagare un prezzo
  • Identificazione del flusso del valore (value stream) allineare cioè le attività che creano valore nella giusta sequenza
  • Ben comprendere il flusso del valore (flow) mettendo in atto le attività a valore senza interruzioni
  • Attivarsi affinché il flusso sia tirato (pull) quindi fare scorrere il flusso in base alle richieste del cliente
  • Fare della perfezione (perfection) il live-motive cioè tendere ad assumere la perfezione come riferimento per programmi di miglioramento continuo
  • Implementare la catena dei fornitori (lean supply chain) ed affrontare questa catena dei fornitori in ottica lean

Claudio Mantovani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *