Lavoro: amianto/fotovoltaico e sicurezza nei posti di lavoro, nuovi finanziamenti per le aziende

Il 20 dicembre 2018 sono stati finalmente rese note le disposizioni relative all’amianto (Decreto FER 1) e alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (Bando ISI 2018).

Eravamo tutti in attesa di questi disposizioni in quanto adesso sarà possibile sbloccare tutte quelle situazioni critiche specialmente per quanto riguarda l’ambiente.

  1. DECRETO FER 1

Il nuovo schema di decreto riguarda i nuovi incentivi alla rinnovabili elettriche, conferma la volontà di promuovere la realizzazione di impianti fotovoltaici i cui moduli siano istallati su edifici con coperture in eternit o comunque contenenti amianto, che comportino la completa rimozione dell’eternit e dell’amianto.

Maggiori informazioni sul prospetto allegato, in attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato Italiano

  1. BANDO ISI 2018

Finalmente è stato reso noto il nuovo bando riguardante il finanziamento degli interventi delle imprese in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Lo stanziamento del fondo, il più alto di sempre, viene distribuito su “assi” identificati tra i più significativi (progetti d’investimento, organizzativi, bonifica, PMI specifiche, PMI di produzione agricola, giovani agricoltori, ecc).

Non cambia nulla riguardo le modalità di adesione al bando ma le condizioni assolutamente tassative sono che l’azienda sia in regola con la normativa in vigore del decreto 81/2008 e l’asse di finanziamento deve essere valutato e dettagliato all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi aziendale.

Giampaolo Santini

Nota per le Aziende:

Lo staff di Work & Management, in collaborazione con l’ing. Francesco Fascì, abilitato “Cert’Ing” comparto ambiente, informa che siamo disponibili ad una consultazione informativa in forma gratuita presso le aziende interessate.

Work & Management
Giampaolo Santini
www.workmanagement360.it
workmanagement360@gmail.com
331-93.777.24

                                                                                 ****************

IL BANDO “FER 1” TRASMESSO A BRUXELLES

Confermato l’incentivo premiante se si sostituisce la copertura in amianto con impianto fotovoltaico

 

E’ stato finalmente trasmesso a Bruxelles lo “schema di decreto” sui nuovi incentivi alle “rinnovabili elettriche”, il cosiddetto “Decreto Fer 1”.

Nel documento esaminato dallo scrivente trova confermata la volontà di promuovere nuovamente la realizzazione di impianti fotovoltaici i cui moduli siano installati su edifici con coperture in eternit o comunque contenenti amianto, che comportino però la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto (“Gruppo A2”).

Gli impianti fotovoltaici che rispettino quanto sopra hanno diritto, in aggiunta agli incentivi previsti sulla produzione di energia elettrica, ad un “premio” pari a 12€/MWh, erogato su tutta l’energia elettrica prodotta!

Viene specificato che sarà cura del “GSE” elaborare la documentazione da fornire, a cura del Soggetto proponente, per attestare la corretta rimozione e smaltimento dell’eternit e dell’amianto. Inoltre, per gli impianti di potenza fino a 100 kW posti su edifici, sulla quota di produzione netta consumata in situ è attribuito un ulteriore premio, pari a 10€/MWh, cumulabile con il premio di cui sopra!

Poiché, però, la quota di energia rinnovabile finanziabile è contingentata, il GSE dovrà formare e pubblicare la graduatoria sul suo sito, secondo criteri di priorità, da applicare in ordine gerarchico, fino a saturazione del contingente di potenza (per il “Gruppo A2”: impianti realizzati, nell’ordine, su scuole, ospedali, edifici pubblici).

La prima procedura di finanziamento dovrebbe aprirsi il prossimo 31 gennaio 2019 con una “potenza elettrica da fonte rinnovabile”, finanziabile per il “Gruppo A2”, pari a 100Mw.

Si ricorda, infine, che quanto sopra esposto è desunto dallo “schema di decreto” trasmesso alla UE: esso diventerà “attivo” solamente alla pubblicazione dello stesso sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato Italiano.

                                                                                  ************

BANDO INAIL ISI – Annualità 2019

E’ stato reso noto lo scorso 20 dicembre il contenuto del nuovo “BANDO ISI 2018” (a valere quindi, sul 2019), uno dei migliori strumenti per finanziare interventi a supporto delle imprese in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, attivi oggi in Italia.

Quest’anno è di quasi 370 M€ la dotazione del fondo (la cifra più alta di sempre!), distribuita su sono cinque “assi”, così distinti:

  • Asse 1.1 – Progetti d’investimento: € 180.308.344,00;
  • Asse 1.2 – Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale: € 2.000.000,00;
  • Asse 2 Riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi: € 45.000.000,00;

          Asse 3 – Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto: € 97.417.852,00;

  • Asse 4 – Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività: € 10.000.000,00;
  • Asse 5 – Progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
  • Asse 5.1 – per la generalità delle imprese agricole: € 30.000.000,00;
  • Asse 5.2 – riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria: € 5.000.000,00.

Restano sostanzialmente inalterate, rispetto a quanto già prescritto negli anni precedenti, le modalità di adesione al Bando che le Aziende interessate debbono rispettare.

Nello specifico, la condizione iniziale ma assolutamente imprescindibile, è l’Azienda abbia attuato quanto previsto dalla vigente normativa inerente la sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D. Lgs. 81/2008 (e s.m.i.): in particolare, l’asse di finanziamento al quale si vuole accedere deve essere ben valutato e dettagliato all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) aziendali.

Come negli anni scorsi, i finanziamenti continueranno ad essere erogati ancora a “fondo perduto”, a copertura dei costi ammessi al finanziamento, nella misura che, come negli anni trascorsi, resta confermata nel 65% dell’investimento richiesto.

Si invitano i Soggetti interessati a verificare per tempo l’eventuale fattibilità dell’intervento a cui potrebbero essere interessati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *