Blog

Marcello-Restelli-1

L’angolo del dialetto:Via del Caravagg (ricordando mia madre)

Quand voo a Milan, in sul percors del viagg passi de spèss in via del Caravagg.

Vedi la cà numer desnoeuv e pensi a la mia mama

che de sposina l’era vegnuda a Milan da la campagna.

 

Vardi el porton e me par fina de vedèlla:

la gh’aveva vint ann e chissà ‘me l’era bèlla!

 L’ha lassaa la filanda, parent e amis al sò paes

per fà la portinara in d’ona cà de milanes.

 

Pensaven de troà la mana chì a Milan

ma quanto fadigà per on tocchèll de pan,

 quanto sudà per tegnì nètt l’andron,

i scal e i veder e lustrà i pomèi de otton.

 

D’inverna, in chi ann el fioccava de spèss

e per nettà gh’era nò i mèzzi che gh’è adèss.

Se doeva spazzà la cort e ‘l marciapee

cont on gran frègg che gelava man e pee.

 

Chissà che emozion l’ha provaa quèll dì

quand la s’è accòrta che seri in arriv mì!

La panscia la cresseva mes per mes

 e anca la fadiga cont el mè pes.

 

Mi credi che intant che la sgobbava,

 per paura de pèrdom la pregava.

I sciori quand spètten oni fioeu pòden requià;

i pòver crist inveci ghe tocca laorà.

 

E quand finalment son nassuu mì

 l’avarà riposaa sì e nò vòtt dì

e per fà bèlla figura cont i inquilin,

sòtta de noeuv a laorà cont in brasc el sò fiolin.

 

TRADUZIONE

Quando vado a Milano, sul percorso del viaggio

passo di frequente in via del Caravaggio

Vedo la casa numero diciannove e penso alla mia mamma

che da sposina era venuta a Milano dalla campagna

 

Guardo il portone e mi sembra di vederla

aveva vent’anni e chissà come era bella.

Ha lasciato la filanda, parenti e amici al suo paese

per fare la  custode in una casa milanese

 

Pensavano di trovare la manna qui a Milano

ma quanta fatica per un pezzo di pane

quanto sudare per tenere pulito l’androne

le scale i vetri e lucidare i pomelli d’ottone

 

D’inverno in quegli anni nevicava di frequente

e per pulire non c’erano i mezzi come adesso

Si doveva scopare la corte e il marciapiede

con un gran freddo che gelava mani e piedi

 

Chissà che emozione ha provato quel giorno

quando si è accorta di aspettarmi

la pancia cresceva mese per mese e con fatica

portava il mio peso

 

Credo che intanto che lavorava per paura di perdermi

pregava

I ricchi quando aspettano un figlio possono riposare

e i poveri cristi invece gli tocca lavorare

 

E quando finalmente sono nato

avrà riposato sì e no otto giorni

e per far bella figura con gli inquilini

di nuovo a lavorare con in braccia il suo bambino

 

 

Marcello Restelli nasce a Milano nel 1935.

Attore e poeta, grande è sempre stato il suo impegno per la “sopravvivenza” del dialetto milanese. L’impegno teatrale lo porta ad entrare nella Compagnia del “Teatro della Memoria”. Con questa compagnia recita ne “El Nòst Milan”. Marcello recita anche ne “I Cantastorie” e nella compagnia “I Semper giovin”, fondata dallo stesso Restelli, nell’ambito dell’associazione “Famiglia degli Anziani” di Trezzano sul Naviglio, dove si produce come attore-autore-regista in spettacoli di arte varia rappresentati senza scopo di lucro in tutta la Provincia e uno di questi è stato trasmesso su Telelombardia. Ma Restelli è comparso anche su Sky insieme all’attrice teatrale Liliana Feldmann e su Telecity dove ha letto alcune sue poesie.  Ha partecipato a molti concorsi ottenendo vari riconoscimenti.

“il suo entusiasmo traspare dagli occhi che si accendono quando parla della sua arte, delle sensazioni che prova quando recita, o dedica, una sua poesia in dialetto milanese . Grande Marcellino. Le persone come te dovrebbero avere un palco sempre pronto” (M. Macchia)

Comments (2)

    • Giulio Draghi

    Bela, propri bela la fa vegní un poo de magun perché sunt luntan , ma sunt cuntent istess !! Milanês meneghin s cett ! Cumpliment !!!

    5 Dicembre 2021
      • GS

      grazie Sig. Draghi
      giro il suo commento alla figlia del sig. restelli
      colgo l’occasione per fare gli auguri di buon anno

      6 Gennaio 2022

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi