La riduzione dei costi è sempre dannosa

Le ragioni sono molte. E’ un danno macroeconomico, è un danno organizzativo ed è, in sintesi, un dramma imprenditoriale.

E’ un danno macro economico perché quando qualcuno riduce i costi, parallelamente si riducono i ricavi di qualcun altro: fornitori e dipendenti che siano. In realtà si riducono anche i ricavi dei clienti. Mi si può obiettare che se i costi non sono sostenibili, sarà anche mors tua (di quelli a cui riduco i ricavi), ma almeno sarà vita mea …

Purtroppo no! Alla fine diventa morte di entrambi perché ad una riduzione di costi ne segue sempre un’altra fino allo spegnersi dell’impresa. il sistema bancario insegna: si sta piano piano spegnendo di continua riduzione di costi.

E’ un dramma imprenditoriale perché grazie alla scappatoia strategica della riduzione dei costi, ci si rifiuta di pensare ad aumentare i ricavi. Aumentare i ricavi significa immaginare qualcosa di nuovo e questo richiede un cambiamento cognitivo da parte dei manager e degli imprenditori che non lo sanno fare e non trovano nessuno che li aiuti a farlo.

E’ un danno organizzativo non solo perché si generano conflitti e si crea un clima di paura  quando si licenzia (chi saranno i prossimi)ma anche perché si disperdono risorse cognitive che potrebbero essere indispensabili e per progettare e realizzare qualcosa di nuovo.

Francesco Zanotti
f.zanotti@cse-crescendo.com
francesco.zanotti@gmail.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *