Blog

cozzi elegante sito 001

La qualità del servizio in ambito turistico: abbiamo da imparare!

Mi sono preso qualche giorno di vacanza e sono andato alle Canarie approfittando di condizioni low cost che agevolano il turismo in quella località.

Al di là delle bellezze naturali, vulcani, coste, spiagge laviche e bianche, nell’Isola di Lanzarote ho potuto apprezzare alcuni aspetti professionali che vorrei qui riprendere per confrontarli col turismo nostrano.

Sia ben chiaro l’Italia ha molto di più da offrire di qualsiasi altro posto al mondo, essendo un Paese privilegiato sia dalla natura che dalla Cultura.

Tuttavia sappiamo che il Turismo non rende ragione per quantità e qualità del valore che abbiamo e che siamo.

La controprova l’ho avuta personalmente a Lanzarote osservando l’attenzione al Turista in ogni luogo e in ogni dove.

A partire dagli ambienti che si frequentano dove tutto è perfettamente organizzato e assolutamente pulito. Ripetutamente ho visto pulire giardini, lungomare, parcheggi, zone ad alta densità di turisti o zone meno frequentate : mai niente per terra o in giro (no plastiche, no rifiuti).

Certo, l’azione di Cesar Manrique, architetto, scultore, pittore, di portata universale, ci ha messo del suo, impedendo casermoni sul lungomare come in tanti altri posti, peraltro il connubio natura/costruzioni è apparso obiettivamente molto più accettabile che in tanti altri posti.

La sorpresa più evidente l’ho avuta nei Ristoranti, una marea di alternative, dove in tutti i posti, in centro, sul lungomare, nel porto, nei posti più sperduti, ho sempre potuto notare un’estrema accuratezza e attenzione verso il Cliente.

Sicuramente i camerieri hanno fatto scuola alberghiera, sia per la precisione con cui svolgevano il loro lavoro, sia per la metodica, sempre dello stesso livello, nell’accoglienza, nell’approntamento del tavolo, nel servizio (dall’A alla Z).

Confesso che ho avuto un senso di disagio nel pensare a quanto accade abitualmente in Italia dove il pressapochismo regna sovrano e solo la simpatia naturale recupera un po’ quello che manca in termini di professionalità.

Ho provato a riflettere sulla questione e ho pensato che le Canarie sono storicamente meta di Inglesi e Tedeschi (un po’ meno Francesi e Italiani).

Naturalmente il mondo anglosassone è più ricco di altri ed anche più formale e pretenzioso verso il servizio, dunque è probabile che l’elevato livello professionale rilevato nelle attività di servizio (non solo al ristorante ovviamente) sia dovuto ad una risposta alla domanda di qualità da sempre sperimentata in quelle zone.

Quindi il Cliente ha, come dire, influito sul “prodotto turistico” offerto e chi lo offre si è adeguato al bisogno manifestato.

La domanda è: perché non succede da noi? Tanti si lamentano del servizio, delle infrastrutture, del modo italiano di accogliere il turista (spesso visto come “pollo da spennare”).

Ma anche noi abbiamo tanti “anglosassoni” che vengono a visitare le nostre bellezze e a godere della nostra stupenda natura, tuttavia non sembra proprio che ci siamo adattati al livello di richiesta del mondo turistico: pulizia? Decoro? Organizzazione? Efficienza? Qualità? Attenzione? Supporto?

Penso proprio che abbiamo di che riflettere e dobbiamo sviluppare una Cultura Globale nel Turismo come il nostro patrimonio merita.

Giorgio Cozzi

Giorgio Cozzi, Sociologo e Psicologo
– CEO di ISO Interventi Socio Organizzativi Srl
– Partner Italiano di Extended Disc (Piattaforma evoluta di Analisi dei Comportamenti)
– ex Presidente di ASSORES (Associazione fra Società di Selezione)
– Membro attivo di CRESCITA (Associazione fra Società di Ricerca e Selezione del Personale)
– Autore di Turbomanagement – Sperlimg & Kupfer (con Bucci e Sprega)
– Autore di Turbomanagement 2 – Franco Angeli Editore
– Autore di Cambia, Adesso! – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)
– Autore di Le parole segrete della vendita – Seneca Editore (con Gianluigi Olivari)
– Trainer e Coach
– Esperto di BBS (Behavior Based Safety)
– Ha lavorato in Azienda presso Banca Popolare di Novara – Cotonificio Cantoni – Plasmon
– Ha lavorato vent’anni in un Gruppo Internazionale di Training (Tack International)
– Ha partecipato a Convegni Internazionali e Nazionali sul mondo del lavoro
(Presidente di AISM, Associazione Italiana Scientifica di Metapsichica, autore di libri sulla Parapsicologia).

 

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi