Blog

La nostra Italia è allo sbando ?

Giornalmente sentiamo e leggiamo notizie che sono, a dir poco, disarmanti e nel contempo preoccupanti. La domanda è che cosa sta avvenendo nella nostra cara Italia ? Prendiamo in considerazione alcuni aspetti : da Cagliari……”Arresti alla Fluorsid per disastro ambientale” ed ancora dalla Lombardia…..”Corruzione arrestato il sindaco di Lonate Pozzolo” ma è lunga proseguiamo con “Milano, rimprovera dei ragazzini e viene picchiato a colpi di ombrello: è in coma” ed ancora….(Ndrangheta, 68 fermi a Crotone.

A clan Arena 32 milioni dei 100 stanziati per il Cara: “Ai migranti cibo che si dà ai maiali”) ancora, ancora …(Mafia, commissariati 200 supermercati Lidl e vigilantes del tribunale: 14 arresti. “Sapevano bene chi corrompere”)….povera Italia dove il malaffare ed i “ furbetti” la fanno da padroni, sì  la fanno da padroni incontrastati e ciò avviene in ogni settore.

Prendiamo alcuni esempi : “Così Big Pharma finanzia le associazioni dei malati “ “Migranti, duello in mare tra la marina libica e la nave di una Ong “ “Immigrati assaltano quattro agenti e li mandano in ospedale “. Sembra un bollettino di guerra, una guerra sommersa e dichiarata allo Stato, alle Istituzioni ai Cittadini rispettosi delle Leggi e delle enormi tassazioni a cui sono sottoposti. La più deplorevole però è “Terremoto, la beffa delle casette fantasma “……………………………………….

Promesse non rispettate e cinquemila marchigiani ormai disperati. I moduli non arriveranno prima della fine dell’estate. La domanda spontanea è : ma tutte le offerte giunte , perché fatte con il cuore, dagli Italiani quelli veri e sani……….dove sono finite……..sono cifre grandi ed importanti……dove sono ? chi le sta gestendo ?

Continuiamo con il bollettino di guerra ( “Migranti, arrestati trafficanti a Bari, Salerno e Catania: “Contatti con filo jihadisti”. Indagato dipendente comunale” ) …..( Il no delle Ong ai controlli: la polizia a bordo non sale . Contro il business immigrati, il procuratore Zuccaro propone agenti sulle navi. Ma i buonisti non ci stanno ) ed ancora….( Nas, 19 arresti tra medici e imprenditori per mazzette nel settore della farmaceutica. Chi sono i coinvolti………

L’indagine, condotta dai carabinieri di Parma e coinvolge anche professionisti della Toscana. Perquisite 52 abitazioni)

L’ indignazione davanti a tutto ciò non può essere accettato che venga etichettata e bollata con una parola semplicistica cioè con il termine “populismo “. I signori al governo hanno l’obbligo , almeno morale, di intervenire immediatamente di dare precise indicazioni e sostenere gli organi di controllo e permettere alla magistratura ed alle forze dell’ ordine di intervenire fermamente e duramente con condanne esemplari, senza bonus, sentenziate dalla Magistratura.

E’ forse giunto il tempo che gli italiani facciano, democraticamente ed educatamente, sentire il loro disagio di fronte a questa situazione e chiedano alla classe politica, tutta, di occuparsi seriamente e costruttivamente di queste realtà con leggi appropriate che non diano più ai soliti “ furbetti” la possibilità di avere comportamenti così lesivi per noi tutti. Inoltre sarebbe tempo di smetterla di schierarsi, in base al proprio pensiero politico, pro o contro l’immigrazione e di chiedere a voce alta che i potenti del mondo applichino con serietà e determinazione i contenuti della Carta Universale dei Diritti dell’ Uomo perché solo così termineranno flussi di massa che possono divenire solo un continuo scontro sociale con tutti i danni conseguenti incluse le inevitabili bidonville nelle periferie delle città europee.

Inoltre mettiamoci nei panni dei 5000 marchigiani ed in quelli dei nuovi poveri costretti a bussare alle porte dei Frati Minori di Padova, Monza e Milano.

Claudio Mantovani

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi