InfoLavoro: somministrazione di lavoro, riduzione tariffa per attività di prevenzione, prospetto disabili 2019

CIRCOLARE n. 1/2019 – SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO
COMUNICAZIONE ANNUALE UTILIZZATORE
Vi comunichiamo che ENTRO il 31/01/2019 (fatto salvo eventuale diverso termine previsto dalla contrattazione collettiva) dovrà essere effettuata ai sensi dell’art. 36, comma 3, D.Lgs. 81/2015, la comunicazione annuale dei contratti di somministrazione conclusi/stipulati nell’anno 2018.
In particolare ENTRO la suddetta data l’utilizzatore ha l’obbligo di comunicare, anche per il tramite della associazione dei datori di lavoro alla quale aderisce o conferisce mandato, alla rappresentanza sindacale unitaria, ovvero alle rappresentanze aziendali e, in mancanza, alle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, il numero e i motivi dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi/stipulati nel 2018, la durata degli stessi, il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.
Vi precisiamo che, nell’ipotesi di mancato o non corretto assolvimento di tale obbligo trova applicazione la sanzione amministrativa pecuniaria di cui all’art. 40, comma 2, D.Lgs. 81/2015, pari ad un importo da € 250= a € 1.250=.

                                                                                        —————

CIRCOLARE n. 2 / 2019 – INAIL – riduzione del tasso medio di tariffa dopo il primo biennio di attività per prevenzione

Si ricorda che in caso di interventi effettuati dall’azienda e finalizzati al miglioramento delle condizioni di igiene e sicurezza del lavoro, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa in materia, può essere presentata alla competente sede territoriale INAIL, ENTRO il 28 febbraio 2019 domanda di riduzione del tasso medio di tariffa (c.d. per prevenzione) per l’anno 2019.
Il beneficio consiste nella riduzione del tasso medio di tariffa delle seguenti misure:

LAVORATORI ANNO    RIDUZIONE
Fino a 10                           28%
Da 11 a 50                         18%
Da 51 a 200                       10%
Oltre 200                            5%

La riduzione di tasso può essere riconosciuta ai datori di lavoro che:
 siano in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e sicurezza dei luoghi di lavoro ed in possesso dei requisiti per il rilascio della certificazione di regolarità contributiva;
 abbiano effettuato, nell’anno precedente quello per il quale è richiesta la riduzione, interventi di miglioramento nel campo della prevenzione degli infortuni e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa in materia, tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100. In generale, per il raggiungimento di tale punteggio è possibile selezionare interventi relativi a diverse sezioni o anche ad una sola sezione del modello di domanda; nel caso di selezione di interventi della sezione B – “Interventi di carattere generale ispirati alla responsabilità sociale” – il punteggio pari a 100 dovrà essere conseguito interamente all’interno della stessa Sezione B. Per ogni singola p.a.t., una volta individuati interventi sufficienti a far raggiungere un punteggio almeno pari a 100, è inibita la selezione di ulteriori interventi.

Gli interventi possono essere:
• Trasversali Generali (TG)
Possono essere realizzati in tutti i settori produttivi e si riflettono sull’azienda nel suo complesso. Tali interventi sono presenti nella sezione A e B e si riferiscono a tutte le p.a.t. del codice cliente.
• Trasversali (T)
Possono essere realizzati in tutti i settori produttivi e sono validi solo sulle singole p.a.t. in cui gli stessi sono stati effettuati. Alcuni interventi presentano una differenziazione del punteggio a seconda del settore produttivo della p.a.t. Trattasi degli interventi della sezione C.
• Settoriali Generali (SG)
Possono essere realizzati solo dalle aziende (codice cliente) appartenenti a determinati settori produttivi e si riflettono sull’azienda nel suo complesso. Trattasi degli interventi della sezione D e si riferiscono a tutte le p.a.t. del codice cliente.
• Settoriali (S)
Possono essere realizzati solo in alcuni settori produttivi; sono validi solo sulle singole p.a.t. in cui gli stessi sono stati effettuati; presentano una differenziazione del punteggio a seconda del settore produttivo. Trattasi degli interventi della sezione E.
A pena inammissibilità, la documentazione probante relativa agli interventi effettuati nell’anno solare precedente alla richiesta dovrà essere presentata unitamente alla domanda ENTRO il termine del 28 febbraio 2019 (n.b.: non verrà presa in considerazione documentazione presentata oltre il predetto termine); in particolare, all’interno del servizio online, per ogni intervento migliorativo, dovrà essere allegato alla domanda un file in formato pdf contenente la relativa documentazione probante l’effettuazione dell’intervento stesso, riportante data e firma (n.b.: il nome del file dovrà riportare la sezione, il numero di intervento e, in carattere minuscolo, il riferimento al documento allegato).
Il provvedimento di accoglimento o di rigetto della domanda, debitamente motivato, sarà comunicato al Datore di lavoro con Posta Elettronica Certificata entro 120 giorni dalla data di ricezione della domanda, previa verifica da parte dell’Istituto stesso degli interventi dichiarati. La riduzione avrà effetto per l’anno in corso alla data di presentazione della domanda e sarà applicata in sede di regolazione del premio assicurativo dovuto per lo stesso anno.

                                                                                 ——————–

CIRCOLARE n. 03 / 2019 – PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI 2019
Si ricorda che il termine per la trasmissione in via telematica del prospetto informativo con il quale i datori di lavoro comunicano la situazione del personale occupato al 31.12.2018 ai fini dell’applicazione della normativa sul collocamento dei disabili (Legge 68/99) è stabilito per il 31 gennaio; l’invio telematico è obbligatorio qualora rispetto all’ultimo prospetto inviato, siano intervenuti cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l’obbligo o da incidere sul computo della quota di riserva.
Lo Studio, in qualità di intermediario abilitato, è a disposizione per compilare ed inviare il suddetto prospetto. Per poter adempiere l’obbligo nel migliore dei modi si chiede, alle sole aziende con numero di dipendenti pari o superiore a 15, di compilare, sottoscrivere la scheda allegata e restituirla via fax (02-67733612) entro il 18/01/2019.
Di seguito vengono forniti brevi cenni per l’adempimento dell’obbligo.
I datori di lavoro che occupano personale dipendente devono avere in forza soggetti disabili – ex L.68/99 – nelle seguenti misure:
– 7% dei lavoratori occupati per i datori di lavoro che occupano più di 50 dipendenti
– 2 lavoratori per i datori che occupano da 36 a 50 dipendenti
– 1 lavoratore per i datori che occupano da 15 a 35 dipendenti
– 0 lavoratori per i datori che occupano da 0 a 14 dipendenti
I datori di lavoro che occupano più di 50 dipendenti sono, inoltre, tenuti ad assumere i soggetti appartenenti alle categorie protette ex art. 18 L. 68/99 (ovvero orfani e coniugi superstiti di coloro che siano deceduti per cause di lavoro, di guerra o di servizio; coniugi e figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro e dei profughi italiani rimpatriati) nelle seguenti misure:
– 1 lavoratore per i datori che occupano da 51 a 150 dipendenti
– 1% dei lavoratori occupati per i datori di lavoro che occupano più di 150 dipendenti
I datori di lavoro dovranno inviare il prospetto informativo al nodo regionale ove presente la sede legale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *