Info Lavoro: certificazione unica per redditi 2018, comunicazione annuale per addetti a lavorazioni usuranti, obbligo comunicazione mansioni a INPS

CIRCOLARE n. 6 / 2019 CERTIFICAZIONE UNICA 2019

 Con Provv. n. 10664/2019 è stato approvato il nuovo modello di Certificazione Unica (abbreviato CU) da utilizzare per certificare i redditi corrisposti nel 2018.

Il mod. CU si suddivide in due versioni:

Ordinaria: versione completa di certificazione, va trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrare entro il 07/03/2019.

Sintetica: è una versione semplificata da consegnare ai percipienti entro il 31/03/2019 o entro 12 giorni su richiesta degli stessi in caso di interruzione del rapporto di lavoro

La trasmissione telematica delle certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o che non possono essere dichiarati con il mod. 730** (cfr. elenco in calce alla presente) può avvenire entro il termine di presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770), ossia entro il 31 ottobre 2019. Si precisa che le CU relative a ritenute operate su Prestazioni Occasionali dovranno essere inviate entro il 07/03/2019.

Con riferimento alle problematiche emerse in sede di compilazione/invio delle CU degli anni precedenti si precisa che:

– La CU deve essere sottoscritta dal dichiarante o da chi ne ha la rappresentanza legale, negoziale o di fatto. La sottoscrizione con firma autografa può essere sostituita, nell’ipotesi in cui il modello venga redatto mediante l’ausilio di supporti informatici, con la dicitura “il Legale Rappresentante Cognome Nome”

– Il codice fiscale del CONIUGE NON A CARICO non è obbligatorio anche se le istruzioni specificano che “per permettere all’Agenzia delle Entrate di predisporre la dichiarazione precompilata in modo più accurato, i sostituti potranno inserire anche il codice fiscale, comunicato dai propri dipendenti, del coniuge anche se non fiscalmente a carico”.

– Nel caso in cui il sostituto di imposta abbia erogato somme relative a redditi di lavoro autonomo a percipienti esteri privi di codice fiscale italiano, i relativi dati saranno indicati esclusivamente nel prospetto SY del mod. 770/2018 non sussistendo per tali soggetti l’obbligo di compilazione ed invio della CU.

I lavoratori autonomi che abbiano percepito compensi non soggetti a ritenuta in forza di una agevolazione fiscale (ad es. minimi, forfetari, imprenditoria giovanile) dovranno ricevere comunque la CU2019 attestante i compensi erogati e le somme esenti.

SERVIZIO DI INVIO ALL’AGENZIA DELL’ENTRATE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA 2019

Con riferimento alla gestione delle Certificazioni Uniche 2019, si informa che Lo scrivente predisporrà ed invierà le CU del personale dipendente/collaboratore/soci operativi soggetti Inail.

Per quanto riguarda le “CU – Lavoratori Autonomi/Lavoratori Occasionali” che non siano già gestite dal professionista incaricato della assistenza contabile/fiscale, i Clienti potranno avvalersi del servizio di trasmissione delle medesime fornito dallo Scrivente aderendovi con la compilazione e restituzione della “scheda adesione invio CU Autonomi” debitamente sottoscritta.

In quest’ultima ipotesi i dati da indicare sulla Certificazione Unica e da inviare all’Agenzia delle Entrate, previa verifica e quadratura contabile a carico del Cliente, dovranno essere trasmessi alla propria funzionaria di riferimento per le paghe entro e non oltre il 26.02.2019, con una delle modalità di seguito specificate:

  1. a) modello cartaceo precompilato conforme a quello ministeriale
  2. b) file su tracciato informatico ministeriale
  3. c) file su tracciato predisposto dalla scrivente e fornito su richiesta

E’ necessario che tutti i dati della certificazione siano esposti puntualmente con particolare attenzione sia agli importi indicati che dovranno essere senza troncamento sia all’indicazione della lettera che identifichi la “Causale” del compenso erogato. Per una maggior chiarezza si allega elenco Causali identificative della tipologia di reddito erogato e relativa scadenza.

                                                                                 —————————

CIRCOLARE n. 7 / 2019
Addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti (c.d. usuranti)
COMUNICAZIONE ANNUALE

Vi ricordiamo che ai sensi del DM 20/09/2011 i datori di lavoro che nel corso dell’anno 2018 hanno svolto attività faticose e pesanti rientranti nella previsione dell’art. 1, comma 1, lett. da a) a d) D,Lgs, 67/2011 sono tenuti a comunicare – ENTRO il 31/03/2019 – in via telematica, attraverso la compilazione del modello LAV-US:
a) ai fini del monitoraggio dei lavoratori impegnati nelle lavorazioni c.d. usuranti, il periodo o i periodi nei quali ogni lavoratore ha svolto lavori di cui al DM 19/05/1999, lavoro notturno, lavoro a catena, conduzione di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo (art. 1, c. 1, lett. da a) a d) D.Lgs. 67/2011).
b) ai fini di cui all’art. 5, comma 1, D.Lgs. 67/2011, l’esecuzione di lavoro notturno, svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici. Tale comunicazione non è dovuta qualora il datore di lavoro abbia effettuato l’analogo adempimento previsto alla precedente lettera a), indicando per ogni dipendente, il numero dei giorni di lavoro notturno svolti.
In caso di omissione della comunicazione dovuta di cui alla lett. b) è applicabile una sanzione amministrativa da € 500= a € 1.500= per ogni inosservanza, previa diffida ad adempiere.
Per la compilazione del modello on-line e gli adempimenti previsti dall’art. 6 del DM 20/09/2011, i datori di lavoro devono preliminarmente accreditarsi al sistema attraverso il seguente link: https://www.co.lavoro.gov.it/modulolavus/AccreditamentoNazionale.aspx.

                                                                         ——————————

CIRCOLARE n. 5 / 2019 OBBLIGO COMUNICAZIONE MANSIONI AD INPS

 L’Inps con messaggio 208/2019, al fine di individuare le mansioni svolte da ogni lavoratore e rendere più agevole l’istruttoria per il riconoscimento di agevolazioni e diritti connessi alla mansione svolta, ha introdotto l’obbligo di compilazione dell’elemento <Qualprof> nella dichiarazione mensile Uniemens.

A decorrere dalla competenza del mese di Febbraio 2019, pertanto, per ogni lavoratore dipendente dovrà essere indicata la Qualifica Professionale Istat corrispondente alle mansioni realmente esercitate dal lavoratore nel mese. Qualora il lavoratore in modo permanente o anche occasionale, sia adibito, nel corso, del mese, ad attività facenti capo a classificazioni diverse, dovrà essere indicata l’attività prevalente.

La mansione dovrà essere individuata tra le qualifiche professionali ISTAT CP2011 a tal fine potrà essere utilizzato l’elenco Excel allegato alla presente.

Ciascun cliente dovrà, pertanto, comunicare alla propria funzionaria di riferimento entro il 01.03.2019 il codice identificativo della mansione svolta da ciascun dipendente in forza al 01/01/2019. Le aziende con un numero di dipendenti pari o inferiore a 15 potranno utilizzare il modulo allegato alla presente, le aziende con numero superiore a 15 potranno richiedere alla propria funzionaria di riferimento l’elenco dipendenti in formato elettronico.

Si ricorda che la mancanza del dato determinerà errori in fase di invio Uniemens, inizialmente tali errori non saranno bloccanti, tuttavia l’Istituto ha già informato che gli stessi diventeranno bloccanti.

Per il futuro, ciascun cliente dovrà comunicare la mansione svolta secondo la classificazione ISTAT CP2011 contestualmente alla segnalazione di assunzione e dovrà altresì tempestivamente aggiornare la funzionaria di riferimento in caso di successivo cambio della mansione già comunicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *