Fronte Nazionale della Famiglia, un Movimento nuovo………..conosciamolo!

Intervista esclusiva rilasciata dal Dott. Claudio Vivona al nostro Claudio Mantovani per Sport & Work

Conosciamo da vicino il Dott Vivona ideatore e fondatore del Movimento Fronte Nazionale della Famiglia.

Il fondatore afferma che l’ FNF è una missione al servizio delle Famiglie quelle formate da mamma, papà, bambini e nonni ; cioè la Famiglia classica conosciuta e di cui parla anche la Nostra Costituzione con gli articoli :

Art. 29. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

Art. 30. È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

Art. 31. La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

Negli anni, soprattutto nei più recenti, vi sono state varate nuove Leggi e disposizioni come ad esempio il riconoscimento delle unioni omosessuali sancite con matrimoni civili.

Ogni Cittadino è tenuto ad osservare e rispettare le Leggi e pertanto il Dott. Vivona da rispettoso cittadino non pone accento alcuno su quanto è stato legiferato.

Il Dott Vivona sostiene che l’uomo e la donna sono nati assieme e da sempre dalla loro unione nasce ed è nata la Famiglia.

Parlare di Famiglia significa mantenere il vero significato del termine, il dott Vivona è contrario ad ogni forma di discriminazione ma l’ unione è unione e la Famiglia è la Famiglia. Quindi il Fronte nazionale delle Famiglie ha l’obiettivo di validare e sostenere la Famiglia specialmente in un momento come questo dove vi è un grosso problema nelle Famiglie e la politica poco fa per sostenere realmente questo importante fondamento.

Le Famiglie vivono grosse difficoltà e non sono sostenute da realtà concretamente strutturate e soluzioni come il bonus bebè danno fumo negli occhi ma una Famiglia con il bonus bebè riceve solo una elemosina per i pannolini ma non è un aiuto vero, dare 800,00 € alla neo mamma non significa sostenere una Famiglia ma fare in un certo senso solo elemosina.

Il Fronte Nazionale della Famiglia asserisce, tramite il Dott. Vivona, che un aiuto strutturale concreto è un assegno mensile di almeno 500,00€ mese per il bambino dalla nascita sino al terzo anno incluso.

Politiche strutturali vere e concrete per la Famiglia, i giovani ed i nonni : che si traducono in sostegno concreto e reale alle nostre Famiglie in difficoltà economica. I Bambini debbono crescere con Mamma e Papà, ovviamente li ove non esistono violenze domestiche. Viviamo inoltre in una realtà economica che stenta a decollare però lo Stato ci fa pagare una accisa (Iva) su elementi basilari per l’essere umano come ad esempio : acqua, latte, pane, riso, pasta, olio.

Beviamo un bicchiere d’acqua e su quella acqua paghiamo una tassa. Le tasse vanno fatte pagare a coloro che inquinano, a coloro che hanno enormi introiti e guadagni ed invece a pagare sono sempre e solo le Famiglie, i Giovani e gli Anziani. I bisogni primari debbono essere detassati ed il Fronte Nazionale della Famiglia si batterà per questo. Altra realtà altamente ingiusta è la tassazione della casa, riflettiamo bene , dice il Dott. Vivona, possiamo detassare defiscalizzare lo studio o l’ufficio ma non possiamo defiscalizzare la locazione.

La Casa è sacra come diceva e sosteneva Madre Speranza di Collevalenza e noi, sostiene il Dott.  Vivona, condividiamo pienamente questo pensiero. Quindi la Casa, la prima casa ovviamente, non la seconda terza quarta, e la locazione debbono essere defiscalizzate.

Nessuno deve essere allontanato dalla propria casa in caso di problematiche , documentate, economiche. Inoltre abbiamo il 40 % di giovani senza lavoro ed un 40 % precari pagati con i Vaucher quindi nessuna pensione un domani.

Merloni sosteneva che non si vendono più lavatrici ma gli industriali riflettano : se assumete con formule di precariato come pensate che i giovani possano sposarsi e quindi acquistare non solo la lavatrice ma anche la camera, il salotto il materasso etc etc etc, cari Industriali è il gatto che si morde la coda.

E’ giunto il tempo di rilanciare la nostra economia allontanandosi da quei centri di potere politici che ci stanno evidenziando solo corruzione e comodi propri.

Cari italiani abbiamo in Italia 1.000.000 di bambini poveri senza cibo, casa, farmaci, cure ….come pensate che la nostra Italia torni ad essere la grande Italia che abbiamo visto e conosciuto se nulla facciamo per questi bambini e fare per questi giovanissimi significa fare per le Famiglie per lo Stato per la Nostra Italia.

Ricordiamoci inoltre un aspetto fondamentale per tutti : il Grembo di una Donna è come un altare perché da lì nasce la vita.

Claudio Mantovani

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *