Emanuela Tittocchia: intervista di Ketty Carraffa

Cari uomini, sono buona, tenera…non dovete aver paura di me!

Una donna e artista a tutto tondo: Emanuela Tittocchia, attrice, conduttrice e opinionista tv, si racconta sempre molto volentieri e che trasmette, beccata mentre si sta facendo ancora più bella dal suo hairstylist in Piazza di Spagna, tanta allegria e sano divertimento per tutto ciò che le porta la vita professionale e personale.

Emanuela, nata a Torino, mamma toscana e papà umbro, radicata ormai a Roma, laureata in Architettura con una tesi molto complicata sugli spazi teatrali, confida divertita che:

“Mia mamma mi diceva di uscire perché studiavo tantissimo, non mi staccavo mai dai libri, ero una studentessa modello, mi piaceva veramente tanto studiare. Quando arrivavo a casa, mi ricordo che, subito dopo mangiato, toglievo la tovaglia per metterci libri e quaderni per fare i compiti e che, addirittura, se andavamo a casa di parenti, mi portavo la cartella. Forse è una malattia… A scuola alla domanda chi vuole essere interrogato, rispondevo sempre io, pensa un po’ … ”; nel corso della carriera ha avuto modo di entrare nel cuore del grande pubblico, con le sue partecipazioni alle soap opera di successo “Cento Vetrine” e “Un posto al sole”, che ricorda con nostalgia, anche per le grandi amicizie con gli altri protagonisti, nate sul set e che mantiene tutt’ora.

 Per Emanuela, l’estate 2018 è veramente molto “calda”, densa di attività e conduzione di eventi e serate in tutta Italia.

“Mi piace tantissimo condurre, avere il contatto col pubblico, stare sul palco e giocare con gli ospiti” – dice Emanuela – “Grande è stato l’impatto, ad esempio, con la presentazione del Festival di Cinema di Roseto degli Abruzzi, in cui sono state premiate le “opere prime”, con ospiti eccezionali del calibro di Valeria Marini, Giovanni Ciacci, Eva Grimaldi, o con il Premio “Eccellenze a Capri”, dove hanno portato la loro arte, Anna Galiena, Ornella Muti e Giancarlo Giannini”…

Con grande entusiasmo, disponibilità e carica, Emanuela annuncia il suo prossimo impegno, molto coinvolgente e importante: “Dalla prima settimana di agosto, sarò impegnata in una stupenda avventura, la conduzione di un nuovo programma televisivo dal titolo “Il Boss delle pizze”, che andrà in onda su Alice.tv, per 32 puntate, dalla fine di agosto”…

Emanuela è molto felice per il nuovo progetto, che la vedrà protagonista assoluta di questo format, diretta da un grande regista “storico” di Mediaset: Riccardo Recchia (ndr: Striscia la notizia”, “Scherzi a Parte”);

“Sarà molto divertente – continua Emanuela – Alla trasmissione parteciperanno molti vip e, cosa molto accattivante, il pizzaiolo pluripremiato e campione Mondiale, Luciano Carciotto, avrà il compito di realizzare una sua pizza, che poi i concorrenti dovranno ricreare, bendati”…

Restando in clima partenopeo, Emanuela racconta di quanto ami la città di Napoli, solare e positiva, con il mare che adora, dove ha tanti amici e, della sua vita sempre in partenza, tra Roma, in cui ha scelto di abitare e dove si trova benissimo, e Milano, che frequenta ormai da molti anni, come opinionista a Mattino Cinque.

Emanuela poi esprime tutta la sua contrarietà rispetto a eventi o programmi tv in cui si vedono immagini di violenza subita dalle donne e offre un suo parere su questo problema, di cui purtroppo, è stata anche protagonista anni fa:

“Non ho mai partecipato a nessuna iniziativa su questo tema, perché non credo sia positivo far vedere foto di volti tumefatti, per sensibilizzare, che possono creare, invece, l’emulazione. Sono stata stalkerizzata pesantemente per sette mesi da una persona, dieci anni fa, per cui ho dovuto fare anche la bonifica ambientale. Sono stata dai Carabinieri, ho denunciato … ma non è servito a molto.  Oltre a denunciare lo stalker o il violento, credo che tutto debba partire dalla presa di coscienza delle donne e da chi sta intorno alle vittime. Molte non denunciano perché credono che non serva a nulla, non se la sentono di ammettere di aver scelto le persone sbagliate e vanno avanti confidando nell’innamoramento e nel perdono.  Una donna si protegge veramente, quando non esiste più la possibilità di avere più a che fare con queste persone, per sempre”.

Parlando di rapporti con gli uomini, Emanuela racconta di quanto sia entusiasta dal momento in cui conosce una persona, e cosa che le è accaduta recentemente, di quanto ne resti delusa, invece, quando dall’altra parte non trova la stessa voglia di approfondire la conoscenza, partendo dal racconto di se stessi e delle proprie storie e di una grossa paura latente, anche di competizione.

Per Emanuela, sarà un’estate anche di vacanza.

Dopo il 12 agosto, data un cui terminano le occasioni di lavoro, finalmente relax completo: “Mare, mare – dice Emanuela – Appena posso scappo. Mi piace stare in spiaggia, giocare a beach volley, prendere l’aperitivo e stare in costume dalla mattina alla sera, a ridere e scherzare con gli amici”.

Alla domanda se ha più amici o amiche Emanuela risponde:

“Adoro il femminile, stare in compagnia delle amiche è fantastico. Amo le donne che sono mie amiche. A Capri, ho appena incontrato dopo tanto tempo Sara Ricci, con cui abbiamo fatto un evento insieme e ho ritrovato la bellezza di scambiare le nostre impressioni, sul lavoro, sugli uomini. Forse sono rimasta un po’ adolescente nei rapporti interpersonali, (me lo dice anche il mio padre spirituale) e mi piace ricevere i cuoricini nei messaggi… Ho ancora amiche che conosco da bambina ma anche nell’ambiente dello spettacolo sono riuscita a trovare l’amicizia vera, spontanea, quella della simpatia e dell’umiltà, che ritrovo nelle donne e uomini di qualità, buttando all’aria tanti pregiudizi sul nostro mondo.

Mi sono affezionata a: Monica Bertini, Roberta Garcia, a Eva Grimaldi, e mi ricordo la grande complicità con Elisabetta Coraini e Daniela Fazzolari, che hanno lavorato con me in Cento Vetrine. Tra gli uomini, ho una grande affinità ad esempio, con i miei referenti di Mediaset, con Claudio Brachino, che è una persona meravigliosa”…

Un fiume in piena, Emanuela, che tra tutti gli impegni televisivi e di eventi, non disdegna il suo primo amore, il Teatro, che l’anno scorso l’ha vista impegnata a interpretare un ruolo difficilissimo, quello della “follia”… e che tra poco, non vuole anticipare ma lo sapremo presto, la vedrà ancora calcare le scene, in Sicilia, sempre in ambito molto impegnativo …

Il “colore” sui suoi capelli è fatto, l’intervista è stata molto divertente e, Emanuela, è pronta per affrontare la sua estate e la voglia di vivere, ancora più bella di prima. E lancia un appello accorato ai maschietti, con una voce dolcissima e tenerissima, perché la sua è una bella esigenza di amore vero:

“Vi prego, non scappate” – si appella Manuela – “Io sono brava, buona di animo, sono tenera, ogni tanto magari sarò anche un po’ paranoica, ma non potete scappare dopo sette giorni di conoscenza. Non abbiate paura di me ”…

E ci scappa una stupenda risata a tutte e due!

Ketty Carraffa

Ketty Carraffa, nata a Milano, fotografa seguendo i concerti di Fabrizio De Andrè, che ha seguito fino alla scomparsa, e Reporter per L’Unità dal 1985, dal 1990 per Liberazione, su Politica, Televisione, Costume e Società. Scrittrice sui Diritti del lavoro e delle donne. Opinionista Freelance dal 2011 nei talk di Mediaset e Rai, sui fatti di cronaca – Conduttrice tv e radio – Blogger – Docente Area Comunicazione e Diritti e Doveri dei lavoratori – Ambasciatrice per i Diritti Umani 2015.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *