“Camminare guarisce”: esperienza sui monti Sibellini

Nota dell’editore:

Con questa pubblicazione inizia la collaborazione con l’Associazione “Camminare Guarisce”, ( www.camminareguarisce.it) un’iniziativa di Fabrizio Pepini dopo la pubblicazione dell’omonimo libro scritto in collaborazione con Massimiliano Cremona. Un ringraziamento particolare alla giornalista Floriana Lenti autrice dell’articolo.

                                                         ————–

Il Grande Anello dei Sibillini con l’Associazione “Camminare Guarisce”

L’Associazione di promozione sociale “Camminare Guarisce” non si ferma mai. E dopo tante iniziative ha ripercorso per la seconda volta il Grande Anello dei Monti Sibillini. Un’esperienza che ha visto la partecipazione di nuove persone e si è arricchita di ulteriore significato perché ha dato il via ad altri progetto di cui vi parleremo nei prossimi articoli.

Sono state attraversate le terre terremotate, splendide vallate fiorite, notevoli salite rocciose, piccoli tratti di bosco. “In alcune zone sono ancora visibili le ferite del terremoto” confermano i camminatori. Da Visso a Cupi, per poi arrivare a Fiastra, Garulla, Rubbiano, Colle, Colle le Cese, Campi Vecchio, lungo tutto il percorso del Grande Anello dei Monti Sibillini.

“Camminare Guarisce” con questa avventura di nove giorni ha voluto dare il suo contributo alle popolazioni che resistono nei luoghi spaccati e lacerati, ancora da ricostruire, e contemporaneamente ha acceso i riflettori su quanto sia importante condividere la strada insieme a persone con fragilità sociale.

A mettersi lo zaino in spalla sono stati il Presidente dell’Associazione Fabrizio Pepini, insieme ai soci fondatori di “Camminare Guarisce” Andrea Polidoro e Giancarlo Enna;

il sostenitore e collaboratore Enrico Riccardi, l’atleta non vedente Tullio Frau, anche presidente di IAPB (Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità sezione di Pordenone), ed infine, quattro ospiti e volontari dell’Associazione di Milano BIR (che si occupa di tutela dell’infanzia in Italia, Romania e Repubblica Moldova e di percorsi di partecipazione critica e cittadinanza attiva), con cui va avanti il progetto “Un cammino per ricominciare” per il reinserimento sociale di minori con procedimenti giudiziari in corso.

L’anno scorso abbiamo già camminato insieme sui Sibillini, poi è partito un progetto di raccolta fondi e con i proventi ricavati dall’abbacchiatura delle olive, che ripeteremo anche quest’anno tra ottobre e novembre, –spiegano i membri di Camminare Guarisce– è stato possibile dare un’opportunità ad un adolescente con cui abbiamo fatto il Cammino di Santiago. Ci auguriamo di continuare così, di sostenere altri giovani e accompagnarli alla scoperta della bellezza della vita. Per questo a settembre compiremo un’altra stravagante ed importante impresa, camminando l’uno accanto all’altro”. L’idea infatti è quella di percorrere la strada da Passignano, dove ha sede l’Associazione “Camminare Guarisce” rigorosamente a piedi fino a Milano, dove si trova BIR.

Per i più curiosi, ecco il link https://vimeo.com/286135446 al video realizzato da Tommaso Pini durante il primo cammino lungo il Grande Anello dei Monti Sibillini.

Per chi desidera unirsi a noi, mettersi appunto in cammino e conoscere le prossime esperienze: https://associazionecamminareguarisce.it.

 

Floriana Lenti

Floriana Lenti, giornalista, insegnante di italiano L2 a stranieri, operatrice sociale e appassionata di libri, musica e cucina

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *