Assago Calcio: due sconfitte da assorbire subito in vista delle prossime trasferte

ASSAGO – ROBBIO: 0-1

Marcatori: 32′ Zimbardi(R)

 

Nel recupero della 23a giornata disputatosi ieri sera, arriva il ko contro il Robbio e fa quasi rabbia; perchè arriva da un nostro clamoroso regalo frutto di un’errato disimpegno, e perchè nel computo delle occasioni da gol, nel computo del possesso palla e nel conteggio dei calci d’angolo (9-0 per i nostri), la supremazia della nostra squadra è parsa evidente nonostante la formazione rimaneggiata per le tante assenze.

IL PRIMO TEMPO

Partiamo subito forte con un ispirato Masoero che mette una gran palla sul secondo palo per il taglio di Mancosu che per un soffio non aggancia il pallone per la deviazione vincente; il Robbio risponde al 12′ con Zimbardi il migliore dei suoi che dopo aver messo fuoricausa Olivati calcia rasoterra col sinistro con Burchielli pronto alla parata.

A metà della prima frazione di gioco ci rendiamo nuovamente pericolosi con Masoero che in area di rigore prova il destro sul primo palo ma Accordino non si fa sorprendere, e poco dopo sul traversone da sinistra di Fiorani è Mancosu a sfiorare la traversa con un morbido colpo di testa.

Al 32′ il gol che deciderà la partita nasce da un errato disimpegno difensivo: retropassaggio di Ravasi per Burchielli preso in controtempo, tocco di mano fuoriarea del nostro portiere ma Zimbardi prosegue l’azione e infila a porta vuota nonostante l’estremo tentativo di recupero di Imbimbo.

Prima dello scadere un’altra opportunità con Ravasi che sceglie benissimo il tempo per impattare di testa sul corner ma la palla finirà di poco alta sulla traversa.

LA RIPRESA

L’Assago non ci sta a perdere e anche nella ripresa cerca il pareggio:

La prima occasione è per una punizione dalla distanza di Finazzi che Accordino blocca in due tempi. Occasione nitidissima quella che al 57′ porta Imbimbo vicino al gol con un gran colpo di testa in tuffo che accarezza la traversa, ancora sfortunato il nostro difensore centrale oggi capitano.

Il Robbio ha una sola vera occasione nella ripresa e nuovamente su nostro suggerimento: è un’azione fotocopia dell’errore che ha permesso agli ospiti il gol nel primo tempo, ma questa volta Margaglio non ne approfitta e manda a lato graziandoci.

Finale di partita con gli avversari in copertura a protezione di un risultato che li porta vicinissimi al traguardo della salvezza.

ASSAGO: Burchielli, Fiorani(10’st Pastori), Olivati, Spinelli, Imbimbo, Ravasi(39’st Sicolo), Masoero, Cifarelli, Mancosu, Finazzi(31’st Musso), Marino A disp.: Abbate F., Marotto, Corbetta, Torraco All. Abbate

ROBBIO: Accordino, Cannonero, Lazzarin, Richard, Ferrati, De Carli, Marchetti, Margaglio, Cannata(28’st Varano), Zimbardi, Pedalà A disp.: Ferraris, Piciotti, Marin, Mancin, Iacomuzio, Zandolini All. Pochetti

Arbitro: D’Orto di Busto Arsizio

Note: serata serena, terreno in accettabili condizioni, spettatori 50 circa

Ammoniti: Burchielli, Ravasi, Olivati, Masoero, Marchetti

Angoli: 9-0 per Assago

                                                                             ——————————-

ASSAGO – LA SPEZIA: 0-2

Marcatori: 44′ su rig. Catania(L) 42’st Catania(L)

L’ultima gara della stagione 2017/18 tra le mura amiche di Assago termina con una sconfitta, con La Spezia a trovare le reti della vittoria nei finali di tempo; poche o molto poche le possibilità che gli ospiti ci concedono, i portieri ospiti (entrambi perchè al 24′ Todesco lascia il posto a Pardi per infortunio) non vengono mai impegnati, arriva così il sesto k.o. nelle ultime 8 giornate che non va naturalmente a inficiare sulla buona stagione della nostra squadra.

Anche per il La Spezia le opportunità sono ridotte al lumicino e dopo la conclusione di Di Davide al 4′ che termina sul fondo sotto il controllo di Fabio Abbate, dobbiamo aspettare il 26′ per un’altra nota di cronaca: un rasoterra teso di Catania a lato di pochissimo.

Noi rispondiamo con una bella combinazione tra Sow e Sandor che non trova il tempo per la conclusione immediata e quando riesce a calciare di destro viene ostacolato mandando a lato.

Nel finale si smuove la gara, a favore del La Spezia che al 43′ colpisce il palo con un colpo di testa di Varenna e un minuto dopo va in vantaggio con un tiro dal dischetto concesso per un fallo in area di Imbimbo: rigore realizzato da Catania che porta così le squadre all’intervallo con il parziale di 0-1.

Secondo tempo ancora più avaro di emozioni: al 63′ la prima azione degna di nota è per il La Spezia con Melogli lanciato a rete ma Abbate sceglie bene i tempi e chiude lo specchio.

Per i gialloblu un colpo di testa di Ravasi che termina sul fondo è solo una timida reazione che non impensierisce la squadra di mister Quaranta che anzi a 3 dalla fine trovano il raddoppio ancora con Catania tra le proteste dei nostri giocatori e della tribuna per il fuorigioco non riscontrato dall’arbitro sullo stesso attaccante.

Per l’Assago ancora due partite per chiudere bene il campionato, le trasferte pavesi con Bastida e Ferrera.

ASSAGO: Abbate F., Olivati(38’st Marotto), Pastori, Spinelli, Imbimbo(5’st Ravasi), Lella, Sandor(14’st Mancosu), Cifarelli, Sow, Finazzi(32’st Stocco), Marino(15’st Fiorani) A disp.: Burchielli, Musso All. Abbate

LA SPEZIA: Todesco(24′ Pardi M.), Romano, Palmitessa(43’st Minelli), Scano, Di Davide, Varenna, Catania, De Feudis(19’st Tomasoni), Pardi U.(28’st Cantatore), Melogli, Martinelli(14’st Ricci) A disp.: Morganti, Evangelisti All. Quaranta

 

Arbitro: Marini di Seregno

Note: giornata primaverile, terreno in accettabili condizioni, spettatori 100 circa

Ammoniti: Catania, Palmitessa, Romano

Corner: 6-3 per La Spezia

 

Antonio Cucci
Ufficio Stampa GS Assago 1968
www.gsassago1968.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *