Blog

foto x testata

Analisi del clima aziendale, con quali risultati?

Una analisi del clima: confessioni di un operaio

(Confessione semi-immaginaria, ma non troppo…)

Il nostro Grande Capo è eccellente. E fa di tutto per capire chi siamo e come possiamo fare meglio. Ma qualche volta toppa di brutto. Come l’altro anno. Ha fatto fare un’analisi del clima da una società di consulenza esterna. Nessuno ci ha spiegato esattamente cosa sia il clima, ma dalle domande di un intervistatore mi è sembrato di capire che analizzare il clima serve a capire lo stato di salute “soft” (cioè non quello delle macchine, eccetera) dell’organizzazione. Forse indagare sul clima è un modo per conoscere le cose che il Grande Capo non conosce della sua organizzazione?

Se è così devo deluderlo. Questo sforzo di conoscenza non è andato a buon fine. Credo che tutti quegli intervistatori a spasso per lo stabilimento (anche ragazzi molto giovani che facevano tenerezza con quel loro dover essere l’impersonificazione della professionalità) non si siano accorti di una cosa: l’indagine non ha misurato il nostro clima, l’ha cambiato. E in peggio.foto indagine

C’è chi si è irrigidito di fronte all’intervistatore considerandolo un intruso, chi ha usato l’intervista come momento di sfogo. I commenti, poi, su quei ragazzi che dovevano rivelare al Grande Capo chi eravamo veramente si sono sprecati. Come si sono “sprecati” (forse non è stato uno spreco … ) i commenti su di una intervistatrice particolarmente carina ed intrigante …

Tutti si sono chiesti perché è dovuto venire qualcuno dall’esterno per cercare di conoscerci meglio. Forse per valutarci?

Un’altra volta un’altra società di consulenza ha usato un questionario, invece dell’intervista. Ora, innanzitutto, ho provato un profondo disagio di fronte ad un questionario che mi costringeva a descrivermi “a crocette”. Ma, poi, al disagio è seguita una sgradevole sensazione di presa in giro. Mi sono accorto che le possibili risposte che il questionario proponeva per le sue domande (tra le quali dovevamo scegliere mettendo, appunto una crocetta) non erano proprio neutre. Era evidente a tutti noi quali risposte prediligeva (non si sa a quali fini) chi aveva preparato il questionario. E, allora, cosa abbiamo fatto? Lo abbiamo assecondato …

Anche questo secondo sforzo, però, non è stato fecondo. Non fosse altro perché abbiamo sentito il Grande Capo più lontano da noi. Abbiamo sentito che aveva bisogno di un intermediario.”.foto colloquio

Io, ovviamente, sto dalla parte di questo operaio. E ci aggiungo il peso della conoscenza: da tutto quello che sappiamo sull’uomo emerge chiarissimo che ogni sforzo di analisi del clima non genera una fotografia del clima, ma scombussola l’organizzazione in modi imprevedibili.
Francesco Zanotti
f.zanotti@cse-crescendo.com francesco.zanotti@gmail.com

 

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *