News


Sport & Work
sostiene il progetto sportivo di Polisportiva Trezzano Pallavolo

Le storie di Marco

Le storie di Marco

Le Storie di Marco: La vittima

6 dicembre 2016
By
foto-marco-ernst

Erano le sette e trenta del mattino di un giorno lavorativo qualsiasi: un giorno triste e grigio di quelli che solo Milano sa produrre. Sotto il piano stradale, però, alle fermate della metropolitana, le stagioni e le giornate sono ancora di più tutte uguali, fatte di luce al neon fredda, di gente assonnata, di gente…

Read more »

Le Storie di Marco: C’è un libro…

22 novembre 2016
By
foto marco Ernst

C’È UN LIBRO… Si può morire a vent’anni? Beh, se c’è chi muore a quell’età, vuol dire che si può! Ma anche se uno è brillante, iscritto a giurisprudenza, bello, ha successo con le donne? Il destino non guarda belli e brutti, geni o scemi! Ma si può morire solo perchè si rompe una gamba…

Read more »

Le Storie di Marco: Il nonno

7 novembre 2016
By
foto marco Ernst

Fino da quando iniziano i miei ricordi, vale a dire dopo i tre anni, sono sempre cresciuto col nonno, perché papà e mamma lavoravano e spesso non tornavano a casa per giorni, oppure arrivavano alla sera tardi, quando io ero già a letto. Mi hanno raccontato che nei miei primissimi anni di vita c’era anche…

Read more »

Le Storie di Marco: I bambini ci guardano

24 ottobre 2016
By
foto marco Ernst

Loris era nato un po’ prematuro e, forse per questo motivo, era rimasto cagionevole di salute. Ora aveva dieci anni e frequentava la quarta elementare, ma ancora pativa, spesso, di malanni non gravi, ma fastidiosi, quali ripetute influenze, raffreddori e bronchiti che correvano il rischio di degenerare in asma. Così, da sempre, in primavera la…

Read more »

Le Storie di Marco: cena di fine anno

27 settembre 2016
By
foto marco Ernst

CENA DI FINE ANNO  “Caro Sergio, il giorno 28 alle ore 21 terremo nel cortile della scuola la consueta cena di fine anno, durante la quale festeggeremo anche le pensionande. Ti attendiamo; facci sapere se porti un contributo dolce, salato o se porti da bere e quale contributo puoi dare per il regalo alle colleghe…

Read more »

Le Storie di Marco: la villa sulla collina

18 luglio 2016
By
foto marco Ernst

LA VILLA SULLA COLLINA   Successe tutto durante quella maledetta festa. Elio lo sapeva che non avrebbe dovuto andarci, che non era roba per lui, che non era il suo mondo, ma Cristina era una cara amica e compagna di università, facoltà di psicologia ed era così diversa dal resto della sua famiglia ed era…

Read more »

Le Storie di Marco: disposofobia

4 luglio 2016
By
foto marco Ernst

L’avevano lasciato solo. Tutti. Tutti lo avevano abbandonato, quelli che lui aveva amato: la maggior parte di loro perché erano morti. L’ultimo in ordine di tempo, il suo cane e allora lui, Gianni, dopo un po’ di tempo aveva lavato accuratamente il suo lettino, l’aveva messo ad asciugare sul balcone e poi l’aveva rimesso accanto…

Read more »

Le Storie di Marco: Falso riflesso

20 giugno 2016
By
foto marco Ernst

E’ una giornata di luglio, una strana giornata di un luglio strano: fa quasi freddo. In riva ad un piccolo lago sto cercando di pescare, per ingannare il tempo, per illudermi che questo sia la felicità. E’ un far trascorrere le ore aspettando… cosa? Si attende sempre, qualcosa d’insolito, un evento che ci cambi la…

Read more »

Le Storie di Marco: Pacchi postali

7 giugno 2016
By
foto marco Ernst

PACCHI POSTALI   Ho ricordi molto vaghi del tempo precedente ad ora: mi sembra di essere stato immerso per tanto in un liquido che mi riempiva gli occhi, impedendomi di vedere, la bocca e gli occhi, così non potevo né respirare, né mangiare, però non so come né perché ma c’era chi lo faceva per…

Read more »

Le Storie di Marco: Base artica “Bear”

12 gennaio 2016
By
foto marco Ernst

Ufficialmente la base artica “Bear” era un centro studi meteorologici di cooperazione internazionale. In realtà esso era una copertura e da qui venivano controllati numerosi satelliti spia. Ogni sei mesi il personale veniva avvicendato, un po’ per le condizioni climatiche estreme, un po’ perché gli stessi addetti alla base non sapessero troppe cose della sua…

Read more »